3389 visitatori in 24 ore
 127 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3389

127 persone sono online
Autori online: 7
Lettori online: 120
Poesie pubblicate: 336’393
Autori attivi: 7’487

Gli ultimi 5 iscritti: Maddalena La Manna - AIELLo - MastroPoeta - XEvilBestsah - Loreta Carcaterra
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereFranca Merighi Messaggio privatoClub ScrivereAugusto Cervo Messaggio privato ♦ Hariseldom Messaggio privato ♦ Adriana Bellanca Messaggio privato ♦ Abi Messaggio privatoClub ScrivereSilvia De Angelis Messaggio privatoClub ScriverePatrizia Cosenza Messaggio privato







Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info
Questa è un racconto erotico: se può turbare la tua sensibilita o se non hai più di 18 anni dovresti evitare di leggerlo.

Compagna di banco

Erotismo e per adulti

Camilla, ogni volta che sento questo nome, ritorno al ventenne che ebbe la fortuna di conoscerne una, vivendo momenti unici.

A venti anni, frequentavo il terzo liceo classico (avevo avuto delle pause durante le medie) e per tutti gli anni da studente ero capitato immancabilmente in classi maschili. Quell’anno, grazie ad un trasferimento improvviso di papà, mi ritrovai in un liceo nuovo e, miracolo dei miracoli, in una classe mista, dove la percentuale femminile superava quella maschile; e ancora più straordinario, per una fortunatissima combinazione, avevo come compagna di banco, Camilla. Chi era? Presto detto: il concentrato naturale di curve, di vuoti e di pieni, e la prorompente bellezza che può avere solo una diciottenne, nel pieno della sua formazione fisica. Preferisco non entrare nei particolari, ma ogni suo particolare era da favola.

Per la prima settimana sembravo muto, frastornato da tanta abbondanza, dopo anni di siccità. Naturalmente il mio pensiero non andava che in una sola direzione. A sognare, la sognavo e, nelle mie notti, era lei la protagonista e ogni tanto mi svegliavo con tanto di rigidità nelle parti intime. Io non ero da buttare ma lei era semplicemente da dieci e cento lodi. Biondina, occhi verdi, nasino all’insù, seni e fianchi da favola, gambe lunghe e diritte, estroversa, simpatica, spirito d’ iniziativa (poi capirete perché) e poi emanava un profumo naturale che sapeva semplicemente di voglia di vivere e di osare.

Fino a qui niente di speciale, ma l’ottavo giorno avvenne l’impensabile. Stavamo in classe, verifica di matematica e lei mi chiese se potevo darle una mano. Facendo così la sua scivolò sulla patta dei miei pantaloni e fece un giro di perlustrazione, mentre io, irrigidito, sudavo freddo. L’ operazione durò pochi minuti e potete facilmente dedurne le conseguenze. Mi sentivo come uno dei 3oo di Epaminonda contro gli Immortali, ma riuscii a controllarmi e soprattutto a non gridare. Fortunatamente poi eravamo all’ultimo banco e difficilmente qualcuno poteva accorgersi della cosa.

Io credevo di aver fatto colpo su Camilla, ma lei mi fece subito capire che non voleva problemi di cuore e che l’aveva fatto solo perché, in quel momento, le era passato per la testa di cosarmi (questa la parola usata da lei). Valle a capire certe donne; ma i momenti più intriganti si realizzarono una settimana dopo. Stavamo in palestra, partita di pallavolo maschi contro femmine, quando lei si allontanò, perché indisposta. Nel farlo mi lanciò uno sguardo che era una vera e propria provocazione. Dopo qualche minuto, feci finta di essere caduto male su un piede ed ebbi il permesso di raggiungere gli spogliatoi.

Passando per quello delle ragazze, notai che lei era affacciata a una finestra, di spalle. Era meravigliosamente provocante: un pantaloncino che copriva solo i glutei, una maglietta leggera e sotto niente, solo quel ben di Dio che madre natura le aveva così abbondantemente elargito. Mi avvicinai nel silenzio del momento che fu rotto da un “ Prendimi” di lei. Non so dove presi il coraggio, ma sembravo un operaio alla catena di montaggio: baci, carezze, carezze, baci e mani ovunque e sentivo sotto di loro il paradiso.

“ Muoviti” fu la sua seconda e ultima parola. Allora il coraggio raddoppiò, l’eccitazione si moltiplicò e decisi di andare all'attacco; proprio in quel momento suonò la campanella e fui costretto a raggiungere di corsa il mio spogliatoio, con le mani impegnate in ben altro.

Non è capitata una seconda occasione ed io sono ancora lì, dopo quaranta anni, a sentire le sue parole, il suo corpo meraviglioso, incollato a l mio, e le sue splendide forme, in un progetto lasciato a metà sul più bello.


Peppe Cassese 14/08/2014 18:38 15907

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

cialis originalecialis originale

SuccessivaPrecedente
Successiva di Peppe CassesePrecedente di Peppe Cassese

Nota dell'autore:
«Ogni poersonaggio e situazione sono unicamente frutto della fantasia.»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Peppe Cassese:
Peppe Cassese
 I suoi 8 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Fratelli d'Italia (08/07/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il caso di casa Body (22/06/2016)

Una proposta:
 
Lettere da Nassirya (17/07/2015)

Il racconto più letto:
 
La zia (14/10/2014, 44562 letture)


 Le poesie di Peppe Cassese

Cerca il racconto:




cialis originalecialis originale


Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .

cialis originalecialis originale

Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it