4803 visitatori in 24 ore
 132 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4803

132 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 131
Poesie pubblicate: 325’252
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club Scriveresergio garbellini Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Quando cominciai a scrivere in prosa

Biografie e Diari

Per molto tempo, dai tredici ai ventotto anni di età, abitai, perché mio padre dovette trasferirvisi per motivi di lavoro, in un comune ancor più del mio a ridosso di Napoli: gli otto chilometri che lo separano dal centro della capitale del Mezzogiorno possono (e più di una volta da me lo furono) essere percorsi facilmente anche a piedi, via Capodichino o via Capodimonte, attraversando un paesaggio semiurbano e poi decisamente urbano.

A diciassette anni mi innamorai di una ragazza di un anno e mezzo più piccola di me: non ricambiato perché non ero tanto il suo tipo, diventammo comunque amici, e talvolta mi si vedeva con lei nella cittadina, e soprattutto sugli autobus che la collegavano al capoluogo.

Il tempo passò, ed avevo ormai vent'anni quando su quei mezzi pubblici vedevo viaggiare anche un giovanotto di cinque anni più grande di me, che da tanti era soprannominato "il maresciallo", forse perché suo padre lo era, o lo era stato. Aveva una corporatura abbastanza massiccia, e a me veniva da chiamarlo piuttosto "l'orsone", per il suo aspetto e anche perché mi guardava da tempo, pur senza conoscermi ancora, con una certa altezzosità, quasi dall'alto in basso, come se si fosse trovato su una montagna (ciò poteva dipendere anche dalla sua origine che, come seppi poi, era di un paese situato tra l'alta Irpinia e il Potentino) .

Non so bene per quale motivo, aveva interrotto gli studi (si laureò molto più tardi in Economia e Commercio, mi pare), ma si era molto legato all'ambiente politico comunale e provinciale (allora, per sperare di avere qualche chance in quel milieu, bisognava fare un lungo apprendistato, non come adesso che basta magari conoscere per caso un comico per essere immediatamente catapultati in parlamento...) , ed appariva sempre indaffarato, circondato spesso da uomini più maturi di lui.

Un giorno, d'improvviso, mi rivolse la parola, e mi invitò a far parte di un circolo culturale che egli aveva da poco fondato. Io, pur con la riluttanza tipica del mio carattere, accettai, senza però comprendere bene subito il principale motivo di quell'inaspettato interessamento per me. La cosa mi risultò più chiara un po' di tempo dopo: era anche lui fortemente attratto da quella ragazza e, non trovando il modo di conoscerla altrimenti, sperava forse in qualche mio "aiuto", anche involontario (fu da allora, probabilmente, che cominciai a dare grande credito alle massime di La Rochefoucauld, il quale sosteneva che praticamente le amicizie disinteressate non esistono, perché nascondono secondi fini e si basano tutte sull'amor proprio) .

Comunque, il circolo culturale funzionava abbastanza bene (fu lì, ad esempio, che seguii alcune conferenze che mi fecero finalmente capire la bellezza del jazz), ed ogni tre o quattro mesi stampava un giornalino locale, con una tiratura di mille copie.

Il "maresciallo" mi invitò a dare un contributo: gli dissi che avrei visto con piacere la pubblicazione di qualche mia poesia, ma lui, non a torto, mi obiettò che le poesie erano ormai troppo inflazionate, e mi invogliò a scrivere qualcosa in prosa. Fu così che pubblicai quattro articoli (fino a quando durò il giornalino) su svariati argomenti, quasi sempre da lui decurtati di un paio di frasi, quelle che potevano urtare la suscettibilità del partito politico di riferimento (la Democrazia Cristiana); gli articoli, a suo dire, ricevettero il plauso di alcuni uomini di cultura napoletani di sua conoscenza.

Con quella ragazza, per lui la storia finì male, anzi non cominciò affatto, perché a lei, anche se lo conosceva soltanto di vista, risultava talmente antipatico che, quando mi invitò a una festa (quella in cui poi avrebbe conosciuto il suo futuro marito), la ragazza mi disse di portare gli amici che volevo, tutti tranne il "maresciallo" ...

Nel 1979 tornai ad abitare nella mia cittadina di origine, e naturalmente non vidi più quell'amico interessato, a parte una sola volta. Era il 1995, e mi dovetti recare al Centro direzionale di Napoli per intascare, dalla compagnia di assicurazioni, l'assegno relativo al furto della mia auto: lo rividi (fu lui a riconoscermi), immancabilmente insieme a un uomo più anziano, con una cartella, o dei faldoni, in mano, segni di riconoscimento del faccendiere (ma anche del commercialista, professione che egli aveva probabilmente intrapreso); scambiammo due parole senza nessun calore, anche se ora, vent'anni dopo, se lo rivedessi il mio dovere sarebbe quello di dirgli che, se non ci fosse stata quella strana amicizia tra noi due, probabilmente adesso continuerei a scrivere soltanto poesie.


Antonio Terracciano 08/07/2016 18:55 247

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 72 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La parabola (03/11/2017)

Una proposta:
 
La parabola (03/11/2017)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1600 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it