4661 visitatori in 24 ore
 213 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4661

213 persone sono online
Autori online: 11
Lettori online: 202
Poesie pubblicate: 322’565
Autori attivi: 7’358

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - tommaso tj lipari
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereSara Acireale Messaggio privato ♦ Patrizia Cosenza Messaggio privato ♦ Ruggiero Messaggio privato ♦ Alessandro Stanca Messaggio privato ♦ Demetrio Amaddeo Messaggio privatoClub ScrivereGiacomo Scimonelli Messaggio privatoClub ScrivereLuciano Capaldo Messaggio privatoClub ScrivereJulie Messaggio privatoClub ScrivereAndrea Garofalo Messaggio privatoClub ScrivereMarco Forti Messaggio privato ♦ Felice Serino Messaggio privato
Vi sono online 5 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

I 7 passi VI parte Finale

Biografie e Diari

La notte fu tranquilla, riuscimmo a chiudere occhio entrambi.

Si destò poche volte. Un paio per andare in bagno, ma nulla di grave e perchè aveva sete.

Forse la luce in fondo al tunnel era veramente prossima.

Mi strizzava l'occhio e mi sorrideva, poi tornava a dormire. Ogni tanto gli tastavo la fronte per sentire se aveva la febbre. Tutto normale.

Vedere un uomo di quasi novanta chili pesarne poco più di di sessantacinque, faceva tenerezza e sgomento.

In un momento di silenzio, mi rivolsi a Dio.

Piansi.

Verso le sei cominciò a diventare arzillo come un pettirosso, io ero sbriciolato.

Andai in cucina per mettere su il caffè e preparare colazione, ma prima dovevo far pace con il sapone e con l'acqua. Mi guardai allo specchio: barba più lunga dei capelli, una cera che nemmeno dracula e due occhi da zombie. Un paio di giramenti di testa, ma nulla di che.

La cervicale non ha gradito la poltrona. Prenderò un moment.

Uscii dal bagno e mi diressi in cucina.

Mio padre stava alla finestra con lo sguardo verso est.

Gli piaceva l'alba, la natura che si stava svegliando, le prime luci, le ombre che andavano scomparendo. L'aria era pulita, fresca.

Si voltò verso di me " Sei uno straccio topo, perchè non ti metti un po' a letto? " Riposati un paio d ore, io mi sento abbastanza bene, se ho bisogno ti chiamo".

Dè, come proposta era ideale, ero veramente stanco, tutto 'sto stress era pesante.
Lo vedevo lucido e in palla.
"Va bene vai, magari dormo un paio di ore, grazie Pa". risposi.
Arrivai in camera praticamente a quattro zampe.

Mi tolsi tutto.

Il tempo di accendere una candela, mettermi l'ipod ed il letto mi accolse.

"Wow. Non me lo ricordavo così comodo. Sette respiri e come per magia il cervello si spense.

Oblio.

Sette settimane, sette ore, sette minuti ed un manciata di secondi dopo.

" Matte son le 12 che fai, mangi qualcosa? " bisbigliò mia moglie.

"Caffè grazie, mi basta un caffè. Come stai papà? "
"Papà! ? Matte, ma ti senti bene? ".
Eh, come, ma che giorno è? Si, ora mi riprendo cara, dammi un attimo. Ho avuto un incubo come non avevo da anni.".
"Amore, stanotte hai avuto la febbre molto alta, da quanto mi son preoccupata ho chiamato pure la guardia medica."
"A quanto mi è salita? Chiesi con ancora i sensi ovattati".
"40° parlavi a vanvera, chiamavi tuo padre, volevi Mati ed era come se tu fossi posseduto. Ora come ti senti? "
"Non lo so, non mi sento più le gambe e la schiena mi fa un male boia". risposi fra i denti.
Ha chiamato tuo padre, oggi viene a farti visita. Tua sorella è ancora dispersa nel nulla.
"Mio padre? Ma come sta? Non si sente stanco per la chemio? "
"La chemio? Matteo ma che stai dicendo, ora mi fai preoccupare. Ricordi in che mese siamo? Siamo a Novembre? Tuo padre sta bene. E' guarito mesi fa e non c è stata recidiva. Ricordi? " Chiese mia moglie con apprensione.
"Sì sì tutto chiaro, tranquilla bella. Lascia pure qua la tazza, magari dormo un altro po'.
"Ok gigante se hai bisogno chiama". Mi baciò la bocca.
Tutto tornava chiaro, lucido, nitido.
Mi dovevo rimettere quanto prima, appena questa influenza mi avesse dato tregua. Avevo messo in pausa la mia vita per quasi due anni.
Ora potevo andare a pesca con il mio vecchio, continuare a parlarci e forse un domani dargli dei nipoti.
E' stato un anno ricco di momenti, alti e bassi, sorrisi di gioia e pianti di dolore.
Il destino stavolta è stato magnanimo.
Mi stirai come un arco, pronto a dormire di nuovo.
L'odore di caffè saturava l'aria, dalla cucina mia moglie cantava una dolce melodia.
Ho passato 'sta tempesta, adesso mi serve calma.
Accesi un lumino, recitai un Padre Nostro feci suonare Summer Haze ed aspettai che Morfeo mi portasse con lui.
L'incubo era finito.

Fine


Matteo Bio Matteucci 02/10/2016 20:42 225

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo Bio MatteucciPrecedente di Matteo Bio Matteucci

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Matteo Bio Matteucci:
Matteo Bio Matteucci
 I suoi 114 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Fottesega IV parte (16/10/2017)

Una proposta:
 
Fottesega IV parte (16/10/2017)

Il racconto più letto:
 
Voglie (27/04/2016, 2839 letture)


 Le poesie di Matteo Bio Matteucci

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it