4425 visitatori in 24 ore
 244 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4425

244 persone sono online
Autori online: 13
Lettori online: 231
Poesie pubblicate: 322’630
Autori attivi: 7’359

Gli ultimi 5 iscritti: sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini
Chi c'è nel sito:
Club Scriveresergio garbellini Messaggio privatoClub ScrivereAnna Di Principe Messaggio privato ♦ Pietro De Simone Messaggio privato ♦ Patrizia Cosenza Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privato ♦ Carmine Ianniello 1 Messaggio privatoClub ScrivereRita Stanzione Messaggio privato ♦ Caterina Viola Scimeca Messaggio privato ♦ lazzarini gabriele Messaggio privato ♦ Luca Falangone Messaggio privato ♦ luccardi nicolò Messaggio privato ♦ RossellaP Messaggio privato ♦ Mario Bugli Messaggio privato
Vi sono online 5 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

La "lavorazione accurata"

Sociale e Cronaca

"Mi raccomando, lavorazione accurata! " Erano queste le parole che immancabilmente mio padre, negli anni Cinquanta, si sentiva rivolgere da un suo datore di lavoro (il proprietario di un negozio di abbigliamento maschile nella centrale via Toledo, allora via Roma, di Napoli), quando andava a procacciarsi delle commesse di pantaloni.

Nei primi tempi mio padre portava da solo a Napoli quella produzione, con il trenino locale, e poi, quando l'attività si ingrandì un poco, si serviva di un corriere, un ometto garbato e mite, lo ricordo bene, con un cognome di chiara origine ebraica (il nome del capoluogo di provincia più meridionale delle Marche): spendeva tutti quei pochi soldi che riusciva a guadagnare con il suo modesto e faticoso lavoro per pagare le rette del convento in cui sua figlia si trovava per diventare suora. (A volte, per cancellare qualche cosa ritenuta poco dignitosa - un proprio difetto, una pecca della famiglia di origine, o addirittura degli avi -, si esagera in senso opposto, ed ecco che il figlio di un ebreo convertito diventa sacerdote cattolico, che il fratello di un omicida ripudia le armi, che il nipote di un ricco e gaudente industriale sceglie una vita ascetica...)

Io ero un bambino, ed osservavo mio padre lavorare sempre con la preoccupazione di rendere accurata al massimo la sua produzione (anche se poi quel datore di lavoro non era mai contento), e di conseguenza portai quel valore nella scuola, da alunno: cercavo di non perdere nessuna parola del maestro e poi dei professori, di svolgere sempre tutti i compiti a casa, di scrivere le parole con una grafia chiara e comprensibile (almeno fino al primo anno della scuola superiore, quando la professoressa di Italiano, correggendo un mio compito, non riusciva a rendersi conto del perché avessi scritto la parte superiore di una "f" leggermente curvata; dovetti spiegarle che l'avevo fatto per non farla combaciare con la parte inferiore di una "g" sovrastante...)

Anche se col tempo l'influenza del concetto di "lavorazione accurata" si è per me alquanto attenuata, tuttavia cerco di applicarlo ancora quando è necessario: controllo tuttora tante parole sul vocabolario prima di pubblicare qualcosa in questo sito, e a scuola, da docente, a costo di farmi venire dei forti mal di testa correggevo fino all'ultima virgola gli elaborati di francese dei miei numerosi alunni, anche se non so con quanto beneficio per loro che, in maggioranza, erano piuttosto refrattari allo studio della mia disciplina...

Negli anni Ottanta, poi, nella mia cittadina ebbi una chiara dimostrazione dei danni che possono essere causati da una lavorazione poco accurata. Il grande stabilimento automobilistico, inaugurato nel 1972 e quindi con soltanto una decina di anni di vita, attraversò un periodo di profondissima crisi (cfr., ad esempio, "Sindacato e forza lavoro all'Alfasud", di Dario Salerni, ed. Einaudi, 1980): allora esso era stato praticamente statalizzato, e l'esagerato numero di assunzioni, spesso clientelari, vide la fabbrica riempirsi di operai non solo poco specializzati, ma molte volte anche lavativi (difesi dai sindacati, ottenevano facilmente lunghi congedi per piccoli o inesistenti motivi di salute, percependo tranquillamente lo stipendio ed arrotondandolo sovente con lavori in nero corrispondenti alle attività che essi svolgevano prima di diventare operai: barbieri, sarti, falegnami, piccoli commercianti, eccetera) . (E la mia nonna pesarese aveva già quasi previsto tutto ciò quando, alla fine degli anni Cinquanta, diceva spesso e volentieri: "I n'a voja d'lavrè, 'sti giovne d'ogg! "; aveva ben presente l'esempio del marito, mio nonno, un operaio quasi stachanovista, che nel primo dopoguerra, a Milano, fu malmenato, molto probabilmente da un gruppetto di persone appartenenti al nascente movimento comunista, perché aveva espresso il desiderio di lavorare, se retribuito, anche il primo maggio.)

Si minacciò di chiudere lo stabilimento e, quando la maggiore industria automobilistica italiana poco tempo dopo accettò di farsene carico, arrivò immediatamente e giustamente l'ordine della "qualità totale" per tutti i dipendenti. Lentamente la fabbrica si riprese: ora non ha neppure la metà dei dipendenti di allora, ma la qualità è davvero migliorata!

La "lavorazione accurata" ha uno svantaggio: non va d'accordo con la quantità. Per fare bene una cosa ci vuole tempo, oltre che organizzazione (a volte basta a stento una vita, come successe a Proust per scrivere il suo unico, anche se lunghissimo, romanzo, la "Recherche") , e le altre cose (per le quali si è poco portati) dovrebbero essere abbandonate, come io abbandonai da ragazzino il gioco del calcio (che pure mi piaceva) quando mi accorsi che facevo solo innervosire i miei compagnucci di squadra, che portavo sovente alla sconfitta a causa delle mie pessime doti, come rinunciai, dopo pochi tentativi, ad andare a ballare perché mi sentivo molto a disagio in mezzo alla pista, come lasciai perdere l'autocompilazione della dichiarazione dei redditi quando mi arrivò una multa piuttosto salata per avere omesso sbadatamente la stesura di una voce...

Ognuno, nel mondo, è capace forse di una sola "lavorazione accurata", diversa da quelle del proprio prossimo: se ciascuno sapesse bene individuarla e coltivarla per tutta la vita, stare nel mondo sarebbe probabilmente più facile, più soddisfacente e più bello per l'intera umanità.


Antonio Terracciano 02/01/2017 19:47 1 277

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Credo che una lavorazione accurata, da quanto evinco leggendo questo bel mini racconto, risieda nella necessità oggettiva e quella soggettiva. Oggettivamente lavorare oggi come allora è un bisogno primario che spesso conduce a situazioni difficili di contrasto, di protestad'amore. Poi c'è l'aspetto soggettivo che riguarda un lavoratore autonomo e qui chiaramente occorre amore, dedizione. Ma ci sono passioni che, ancorché non "accurate", secondo principi empirici e non, mantengono spesso in vita il nostro cuore, la mente. Alludo achi scrive pur non avendo le sue capacità, che apprezzo ed ammiro tanto, ma anche a chisuona ostrimpella. Oggi i social, come questo sito, consentono di dire la propria e sentirsi meglio. Non bisogna forse ostentare come alcuni»
Luciano Capaldo

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Un piacere immenso leggerla. Buona giornata (Luciano Capaldo)

di indubbio valore questo magnifico scritto (Rasimaco)



Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 71 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Quando s'incominciò a non morire più (27/08/2017)

Una proposta:
 
Quando s'incominciò a non morire più (27/08/2017)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1573 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it