2995 visitatori in 24 ore
 148 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 2995

148 persone sono online
Autori online: 13
Lettori online: 135
Poesie pubblicate: 337’397
Autori attivi: 7’491

Gli ultimi 5 iscritti: Anna Filomena Visaggi - Donaldamutt - Mauro Maschiella - BradleySek - giulia4567
Chi c'è nel sito:
♦ Giorgio GrigioO Finiello Messaggio privato ♦ Giovanni Perri Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Monopoli Messaggio privatoClub ScrivereMarco Forti Messaggio privato ♦ Luigi Berti Messaggio privato ♦ Giuseppe Zingale Messaggio privatoClub ScrivereGiorgio Andreato Messaggio privato ♦ Beatrice Piras Messaggio privatoClub ScrivereRosanna Peruzzi Messaggio privato ♦ Davide Zocca Messaggio privatoClub ScrivereAdele Vincenti Messaggio privatoClub ScrivereGiacomo Scimonelli Messaggio privato ♦ Gabriella Giusti Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Non mi mancava niente

Amore

Avevo tutto quello che una donna potesse desiderare: un marito bravo e buono, un figlio stupendo, una casetta con tutte le comodità e un lavoro che mi lasciava anche il tempo per me! Si poteva chiedere di più dalla vita? No! Eppure...

Un giorno che stavo andando al lavoro con la mia macchina ebbi un piccolo scontro con una Mercedes nera nuovissima, di ultimo modello! Scese dalla macchina una specie di Robert Redford, che con un sorrisetto ironico mi disse: "Non ha visto che il semaforo era già cambiato?" Al che risposi: "Se l’ avessi visto non sarei qui a perdere il tempo con lei!"

Insomma, per farla breve, per non metterci a discutere in mezza strada già che si stava formando una bella fila di macchine, rimanemmo d’ accordo che ci saremmo visti in un bar lì vicino e avremmo discusso con calma riguardo al danno, che grazie a Dio, non era un gran che, ma che per una macchina nuova fiammante come quella, non passava inosservato. Così ci scambiammo i numeri telefonici per vederci nel pomeriggio.

Appena arrivai a casa, le raccontai dell’ accaduto a mio marito, che mi abbracciò comprensivo, dicendomi che quelle cose potevano succedere a chiunque, che non mi preoccupassi. Arrivò l’ ora del appuntamento al bar con “ Robert Redford” ed io mi cambiai e mi misi un vestito che mettevo in rare occasioni, diciamo qualcosa di molto attraente, mi truccai leggermente, (cosa che non facevo quasi mai) e mi misi delle scarpe col tacco alto....Ma perché, mi chiedevo io stessa, mi ero messa tutta in ghingheri? Cosa me ne importava di quel tale?

Per fortuna mio marito era al lavoro, se m’ avesse vista si sarebbe insospettito sicuramente, non c’ era nessun motivo perchè io mi facessi più “ bella”, cosa mi aveva preso? Ma quante storie! Mi ripetevo, mentre andavo all’ appuntamento....è solo una questione di femminilità, noi donne siamo fatte così!

Ma una vocina in fondo in fondo mi domandava: "Sei sicura?" Scacciai quel pensiero noioso, e arrivai al bar, lui era già là che mi aspettava... Al vedermi, s’ illuminò in viso e si alzò in fretta per ritirarmi la sedia e farmi sedere...

Mi domandò cosa volessi bere, io dissi che mi bastava un’ acqua minerale e lui si prese un caffè. Sembravamo imbarazzati tutti e due, né io né lui avevamo voglia di parlare dello scontro, e dopo vari tentativi finalmente io domandai quanto avrei dovuto pagargli per il danno fatto alla sua macchina. Lui si schiarì la voce, e disse che quando arrivò a casa, guardando con attenzione, pensò che dopo tutto, il danno era minimo, e che non valeva la pena di parlarne.

Io allora, lo ringraziai per la sua gentilezza, ma che avrebbe potuto telefonarmi per cancellare l’ appuntamento, visto che non era più necessario parlarne . La sua risposta mi lasciò senza fiato, e per un momento il cuore mi balzò in petto: “ Volevo rivederti”... Io tirai fuori le forze non so come per dire che ci eravamo visti qualche minuto, che mi sembrava esagerata quella risposta, e che comunque io ero felicemente sposata e avevo un figlio. Lui immediatamente si scusò dicendomi che per lui era stata una cosa inaspettata, e che aveva sentito fortemente il desiderio di rivedermi, che per favore non lo lasciassi solo, che voleva stare ancora un po’ con me.

Cosa avrebbe fatto una donna normale con la testa a posto? Alzarsi e andare via immediatamente, invece no! Stupida e cretina che ero! Non lo volevo riconoscere, ma sentivo anch’ io una forte attrazione per Alessandro, (così si chiamava), con quei suoi modi irresistibili da attore del cinema, e una simpatia che mi faceva impazzire! E fu così che incominciò una storia, si, una storia che non avrei mai e poi mai creduto di poter incominciare.

Ci vedevamo ogni giorno quando uscivo dal lavoro, e fu inevitabile incominciare a mentire a casa mia, dovevo inventare una scusa diversa ogni volta, e tanto mio figlio come mio marito si lamentavano che non trovavano i panni lavati e stirati, la cena era diventata solamente a base di surgelati, la casa era trascurata, e il guaio era che non me ne importava niente, mi ero presa proprio una bella cotta per il bel "attore” e non sapevo come uscire da questa situazione.

Un giorno volli fare una sorpresa ad Alessandro. Chiesi un permesso al lavoro, e pensando alla faccia che lui avrebbe fatto vedendomi, guidai impaziente verso casa sua.

Arrivai davanti al suo appartamento, e aprii la porta senza far rumore. Appena dentro udii la risatina di una donna provenire dalla camera da letto, mi avvicinai piano piano, perché ancora non ero convinta di quello che avevo sentito, e notai che la porta era semi aperta. Mi bastò un’ occhiata per capire perfettamente quello che stava succedendo, così, mi girai e me ne andai di corsa da quel luogo, piangendo disperata. Si piangevo, ma non per Alessandro, ma per mio marito, per mio figlio, per l’ errore gigantesco che avevo commesso e mi avviai verso casa mia.

Non vedevo l’ ora di abbracciarli a tutti e due!


Franca Merighi 09/09/2018 16:46 163

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Franca MerighiPrecedente di Franca Merighi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

A volte non ci accorgiamo del tesoro (Anna Rossi)

che abbiamo vicino e cerchiamo altro (Anna Rossi)

Racconto realistico. Brava Franca (Anna Rossi)



Ritratto di Franca Merighi:
Franca Merighi
 I suoi 40 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Lasciami vivere (27/11/2018)

Una proposta:
 
Lasciami vivere (27/11/2018)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 596 letture)


 Le poesie di Franca Merighi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it