3162 visitatori in 24 ore
 342 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3162

342 persone sono online
Lettori online: 342
Poesie pubblicate: 348’677
Autori attivi: 7’490

Gli ultimi 5 iscritti: Alberto Bangher - Berti - Merillbok - Donniecic - Miguelcus
Chi c'è nel sito:
Club ScriverePaola Segatto Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Ciauru ri buatta

Biografie e Diari

Sicilia Sicilia mia bedda

terrari soli ri mari e bedda gienti

ciauru ri lumiei, zaghiri e ranci

terra mia amata, son nata in un piccolo paesino di mare

unica chiesetta, una villa ed una scuola elementare e media

le classi allor eran miste, maschi e femmine

con un unico insegnante

eran già gli anni sessanta a ottobre si iniziava la scuola

dopo un’ estate di libertà, mare e giochi si ritornava sui banchi

faceva ancor tanto caldo

e in inverno si stava con addosso i cappotti

quei banchi in legno locori di tarme ed incisioni

di anni e anni sfruttati, il sedile a panca attaccato al banco

e con ancora il calamaio

la mattina come soldatini ci si radunava nel cortile fuori

tutti ben sistemati ed in riga perfetta

dal più basso al più alto, fermi e zitti ad attendere il direttore

appena arrivato si cantava l’ inno nazionale

con il grido forte in finale SI...

e via con passo lesto e disciplina, ogni gruppo

andava nella sua classe per iniziar la lezione

dopo ancor aver recitato una preghiera

grembiulini neri con colletto bianco e fiocco

a differenza bianco per le femminucce e azzurro per i maschietti

alle dodici puntualmente suonava la campanella

tutti i ragazzi andavano a pranzare alla mensa scolastica

un odor dì aspro saliva su, raggiungeva tutte le classi

era un profumo di buatta “ salsa”

oppur di legumi ceci lenticchie

veniva il bidello per accompagnare i ragazzi a pranzo

uscivano tutti col sorriso stampato in faccia

solo io restavo seduta in compagnia della maestra ad aspettar

mio papà... Si... mio padre era un insegnante

ammiravo tantissimo e con gran stupore i miei compagni allegri

uscir dalla mensa col viso rosso ed ugual la bocca sporca

di quella profumata salsa soddisfatti e sazi

del buon pranzo, tenevan in mano come reliquia una mela

ed una fetta di marmellata, come avrei voluto esserci pur io

li guardavo ammirata assaporandone quel gustoso cibo

che avevano mangiato,

io non potevo mi disse mio padre seccato, tu,

non puoi mangiare in mensa a casa tu hai da nutrirti

loro non hanno nulla sono poveri

piangevo ogni qual volta facevo i capricci

non capivo la differenza fra loro e me, mi fu impedito e ne ho sofferto

ed ancor oggi ne ho rammarico

non mi importava esser figlia di un insegnante

volevo star con loro impiastricciarmi la bocca

soddisfatta e felice invece...

sempre quel fastidioso secco, No...

tu sei figlia di un insegnante

non è una logica morale mangiar insieme ai poveri

papà ti sbagliavi tanto

T. V. bene lo stesso


Rosaria Catania 03/02/2019 16:36 250

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Rosaria CataniaPrecedente di Rosaria Catania

Nota dell'autore:
«La mia ancora tristezza, quella di non essere stata insieme ai miei compani
a godere del povero cibo della mensa scolastica un mio rammarico racconto
»


Ritratto di Rosaria Catania:
Rosaria Catania
 I suoi 17 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Dialetti buona notte Storiellina (27/01/2019)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
I piatti del mio DN. A (20/02/2019)

Una proposta:
 
Cassatine (14/02/2019)

Il racconto più letto:
 
Dialetti buona notte Storiellina (27/01/2019, 384 letture)


 Le poesie di Rosaria Catania

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it