4932 visitatori in 24 ore
 189 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4932

189 persone sono online
Autori online: 2
Lettori online: 187
Poesie pubblicate: 322’497
Autori attivi: 7’358

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
♦ Rossi Alessio Messaggio privato ♦ Violeta C Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Il sognante cavaliere Olaf

Biografie e Diari

Nel ronzio silenzioso della macchina, i suoi occhi tornarono di nuovo ad osservare le immagini ovattate dei ricordi che scorrevano veloci e scolorite. Si vedeva bambino, immobile sul selciato mentre un cielo gonfio d’ inverno, lasciava cadere i primi fiocchi nell’ aria silenziosa e fredda, le falde scendevano distrattamente sonnacchiose, depositandosi senza alcun rumore sul contorno di ogni cosa ed addormentandosi ingenuamente in un bianco sonno avvolgente

Come era quella vecchia filastrocca? “ Pigre le falde, nell’ aer sonnolento, cullate da un soffio, di pallido vento, distratte, ridenti, gareggiano liete, d’ incanto dipingon, la candida quiete. Al fin, poi, s’ adagian, sul bianco terreno, cadendo sopite, in un sonno sereno.”

Gli occhi andarono sognanti alla grande betulla, e la scoprirono vestita da sposa, la neve ammucchiata all’ attaccatura dei rami sembrava un grosso collo d’ ermellino e le migliaia di dita sottili, erano coperte di diamanti di ghiaccio. Pensò che doveva subito correre a presentarle uno sposo adeguato; e si tuffò nella neve fresca, intorno, ora, era un turbinio di fiocchi e le mani s’ infilavano veloci nel cuscino bianco, inzuppandosi fino ai gomiti, faceva freddo, ma non poteva fermarsi, così continuò il suo lavoro, tremando e tirando su col naso, fumando dalla bocca e dal cappello, fin quando lo sposo fu pronto; grassottello, simpatico con quel cappello di lattuga ed il sorriso di bottoni, allegro, in quel suo testone avvolto da una sciarpa di lanetta scozzese, che oltre a “ scaldarlo” gli teneva unite quelle due vecchie scope di saggina che fungevano da braccia. Pensò che tutto era pronto, i due sposi sarebbero stati felici, così, con passo sognante si allontanò lasciandoli in consegna al suono lontano delle campane che annunciava l’ imbrunire. Ed appena il corpo pesante della notte si adagiò stancamente sul bianco lenzuolo, le nubi si ritirarono come un vecchio sipario, lasciando intravedere un falcetto di luna, che brillava come il beffardo sorriso dello Stragatto, ed allora la grande betulla ed il pupazzo di neve cominciarono un valzer silenzioso, fatto di ombre e di sguardi, e danzarono, danzarono, leggeri, tra polvere di stelle e zucchero filato, tra foglie d’ agrifoglio e ricci di castagne, tra schizzi di pennelli e ciglia addormentate.

L’ indomani mattina un dispettoso raggio di sole s’ infilò faticosamente tra le fessure della persiana ed andò a bussare sugli occhi del bambino, annunciandogli che fuori c’ era un magnifico cielo blu, la giornata era talmente tiepida e tersa che sembrava appena uscita dalla lavatrice. Il bambino si vestì di corsa: maglione, pantaloni, calzettoni, scarponi, e giacca ed in un attimo i piedi erano sull’ erba.

Si, sull’ erba, dove prima tutto era bianco, il sole aveva ridipinto di verde e la neve non c’ era più, corse, corse fino in fondo al prato e la grande betulla era di nuovo lì, come ieri, muovendosi leggermente nel vento che accarezzava la sua corteccia liscia e priva di alcun ornamento, si voltò, lentamente, e tra due piccoli bucaneve riconobbe un cappello di lattuga ed un sorriso di bottoni, raccolse la sciarpa zuppa di pianto mattutino, raccolse le scope di saggina, se le caricò in spalla, e capì, capì che i sogni dei bambini durano una notte sola, capì che i sogni dei bambini durano fino all’ alba, capì che i sogni dei bambini durano finchè non arriva l’ età adulta. Ed allora si promise, che lui non avrebbe mai smesso di sognare, mai, ed anzi, attraverso i suoi occhi avrebbe aiutato a sognare anche gli altri. Sarebbe stato come il cavaliere Olaf, che quando le cose si mettevano male ed aveva voglia di sparire, se ne andava sotto le stelle “ a sognare “, perché era l’ unico modo per essere felice.


Davide Ghiorsi 03/11/2015 12:00 257

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Davide Ghiorsi

Nota dell'autore:
«immagine dal web»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Struggente e bellissimo racconto. Da rileggere! (alias Marina Pacifici)

Un testo perfetto per la scuola.... Complimenti! (alias Marina Pacifici)



Ritratto di Davide Ghiorsi:
Davide Ghiorsi
 I suoi 6 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Il sognante cavaliere Olaf (03/11/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il generale (16/11/2016)

Una proposta:
 
Il sognante cavaliere Olaf (03/11/2015)

Il racconto più letto:
 
Lo spaventapasseri (09/11/2015, 453 letture)


 Le poesie di Davide Ghiorsi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it