3755 visitatori in 24 ore
 235 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3755

235 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 231
Poesie pubblicate: 343’189
Autori attivi: 7’508

Gli ultimi 5 iscritti: Rosalba Fieramosca - Marinella - Everettweaby - Richi - sergeyvox
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMirella Santoniccolo Mairim14 Messaggio privatoClub ScrivereWinterWolf Messaggio privatoClub ScrivereAdriana Bellanca Messaggio privatoClub ScriverePasquale Vulcano Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

"Un'altra vita" cap. 32

Amore
Poi, successe tutto molto in fretta.
Erano passati due giorni da quell'incontro, due giorni molto spiacevoli per Sergio che, in famiglia, aveva sentito tutto il peso delle accuse di Silvia condensato nel suo silenzio greve, nei suoi gesti quasi violenti nel compimento delle attività quotidiane, in casa. I figli si dileguavano in ogni direzione, quasi fiutassero pericolo per la loro tranquillità: erano diventati maestri nello scantonare dalle pesanti atmosfere di casa, anche quando c'erano, era come se fossero trasparenti, sembravano non vedere e non sentire. Non che a Sergio questo dispiacesse: percepiva la ferrea volontà di Silvia di tenerli dalla sua parte, che era, fuori di ogni discussione, "la parte della ragione", e comprendeva che la loro tecnica di difesa, quella di estraniarsi quanto più potevano, era l'unica possibile. Non si sentivano né volevano dispensare torti e ragioni: lui si riconosceva in questo modo di essere dei ragazzi, perciò cercava di proteggere le loro fughe, fisiche o mentali che fossero, dal veleno di casa.
Quel pomeriggio Sergio avvertiva una specie di ansia, col senno di poi avrebbe potuto definirlo forse un presentimento. Arrivato a casa di Giovanni vide, con crescente apprensione, un'auto posteggiata, una piccola auto scura con targa straniera. Suonò il campanello, si sentiva teso. Gli aprì sua sorella, sul viso aveva stampata un'aria di trionfo appena trattenuta, e con tono solo apparentemente neutro gli disse:
- C'è qui il marito di Irene. Pover'uomo, ha viaggiato tutta la notte; ma dice di voler ripartire subito. E' venuto a prenderla, se la porta via... problemi familiari, dice.
L'istinto di Sergio sarebbe stato quello di ritrarsi, solo con enorme fatica invece entrò in casa, pronunciando poche parole a bassa voce, che gli sembrarono tutto cosa poteva dire, a sua sorella: - Alla fine ce l'hai fatta, a farla andare via
Era sicuro che Augusta avesse tramato per arrivare a questo risultato, lei aveva i contatti con le persone che avevano potuto avvisare quell'uomo, suscitarne la reazione: evidentemente in qualche modo ci teneva, ad Irene, ed era venuto a riprenderla.
Irene, come lui, non aveva le risorse per opporre scelte radicali a questa specie di rappresaglia, Sergio lo intuiva chiaramente. Erano entrambi impotenti a modificare la forma della loro vita, e non potevano rimproverarselo, né recriminare ciascuno sulla propria incapacità di azioni reali, perché era quella anche la natura forte dell'attrazione che li aveva legati, che li legava. Il loro vivere più nella mente delle cose che nelle cose stesse.
Sergio era appena entrato in casa che subito lo aveva sentito un gesto incauto; in un attimo aveva compreso la situazione e si chiedeva cosa avrebbe potuto fare là e non aveva neppure idea di che direzione prendere; Augusta sembrava quasi euforica, e questo traspariva forte. Era una cosa così rara in lei, che gli era impossibile non notarlo; di certo capiva il suo imbarazzo e questo la faceva sentire vincente. Lo guardava con una serietà forzata, mentre si fingeva impegnata nelle sue solite compulsive frenetiche operazioni d'ordine. In realtà stava solo godendo del suo imbarazzo.
Sergio, se avesse potuto ritornare sui suoi passi, non avrebbe certo esitato un attimo a farlo: era sempre così, caratterialmente incapace di convivere con le situazioni ambigue ed aggressive. Era facile pensare di lui che sfuggisse sempre e comunque le sue responsabilità. La verità era che non gli riusciva mai di comprendere con chiarezza quali queste fossero, si sentiva invischiato in una tale ragnatela di
responsabilità che, in qualsiasi direzione andasse, avrebbe fatto torto
a qualche altra.
Si trovava davanti alla porta della cucina, da dove sentiva provenire l'eco di un dialogo concitato. Le voci erano stanche, probabilmente la discussione durava da un po': la voce maschile era forte e autoritaria, e sembrava assediare quella di Irene, pacata, come intrisa di fatalista rassegnazione. Non capiva cosa dicevano, neppure voleva fermarsi ad ascoltare. Certo Irene si stava confrontando col marito che, avvertito per chissà quali vie traverse di quella che a tutti gli effetti poteva considerare una tresca amorosa della moglie, era arrivato impetuosamente con l'intenzione di riportarla a casa.
Sergio si sentiva esitante, una parte di lui avrebbe voluto entrare, presentarsi, magari interporsi nel loro dialogo. Ma per dire cosa? Per prendersi quali responsabilità? Sentiva come se in queste cose non ci fosse spazio che per posizioni definitive, quelle che sono chiamate "scelte". Per lui risultava chiaro come, nella vita per come è organizzata, tutte le persone avessero il loro spazio circoscritto, da cui era vietato uscire. Uno spazio che includeva il possesso, e che non poteva essere diluito, non prevedeva espansioni o varchi; e sentiva che era tutto così, uomini e cose, tutti ben infissi nella loro casella. Non accettare questo dato di fatto, corrispondeva a vagare in uno spazio alieno, inibito ad interagire con qualsiasi altro.
Seppure si considerava senza pregiudizi, per un attimo non era riuscito a non pensare, percependo in sé l'eco di tante dicerie che raccontavano come gli uomini dell'est potessero essere violenti e pericolosi, per un momento temette per la vita di lei e per la propria. Poi, proprio mentre sentiva quietarsi i toni della discussione e si chiedeva come potesse
districarsi da quella situazione e salvare in qualche modo le apparenze, senza che la sua si manifestasse come una vera e propria fuga, la porta della cucina di aprì, e ne uscì Irene.
Lo guardò sorpresa, non aveva sentito il campanello, né avvertito il suo ingresso nella casa. Augusta era salita nelle camere, probabilmente da Giovanni. L'uomo, fermo in cucina, seduto al tavolo dove tante volte Sergio si era fermato con Irene a cenare, a parlare, gli dava le spalle, non lo aveva visto.
Con calma Irene accostò la porta della cucina, aggiungendo solo, nuovamente rivolta verso il marito, alcune parole nella loro lingua, che a Sergio suonarono come un "torno subito".
Gli sfiorò un braccio; era molto pallida, nel suo sguardo scuro e in quel momento chiuso, privo del consueto aperto calore, a Sergio sembrò di leggere come l'ombra di una domanda muta. Fu solo un attimo, la domanda rimase tra loro sospesa e inespressa, poi si dileguò. Allora Irene gli sorrise con tristezza, gli sussurrò "vieni", e insieme andarono verso l'ingresso dell'abitazione.
"Vado via, torno a casa", furono le parole di lei, e non vi era più cenno, nella sua voce, ed era scomparso anche dai suoi occhi, di alcuna domanda.
Nell'ingresso buio fu più forte di loro, per un attimo, stringersi, con la consapevolezza dell'avversità del momento e la tenerezza del ricordo dell'incontro che era stato, il loro. Fu un momento lunghissimo, conteneva il calore e l'assenza di recriminazioni, una quiete che, forse, sarebbe stata il ricordo più intenso del loro rapporto. Silenziosamente, poi, Irene aprì la porta d'ingresso, dolcemente lo accompagnò fuori; le loro mani si stringevano ancora, mentre già l'uscio si richiudeva, infine era chiuso davanti a lui, e lei scomparsa.
Era scesa la sera, aleggiava una foschia lieve, che saliva dalla campagna non lontana.
Sergio si sentiva vuoto di pensieri e di forze, a passi incerti si avviò verso casa, desiderando che quella nebbia non finisse mai.
Michele Serri 20/12/2015 09:37 557

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Michele SerriPrecedente di Michele Serri

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Michele Serri ha pubblicato in:

Libro di poesieFoto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie

Pagine: 200 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-494-6


Libro di poesieTibet
Autori Vari
«E’ con grande gioia che leggo questo bellissimo libro, che contiene parole che illustrano le caratteristiche e la bellezza della cultura e della religione Tibetana, dello splendido paesaggio del “tetto del mondo”. Le poesie contenute in questo libro dimostrano sintonia con il puro, amorevole e semplice cuore del popolo Tibetano. Apprezzo moltissimo l’amore e l’affetto degli autori di queste poesie verso le tradizioni del Tibet e verso la sua eredità spirituale.
Agli autori di queste poesie va il mio ringraziamento e le mie preghiere, ma anche a tutti coloro che le leggeranno!»
Lama Geshe Gedun Tharchin
Il ricavato della vendita di questo libro sarà dedicato al beneficio dei monaci e dei rifugiati tibetani


Pagine: 59 - € 10.99
Anno: 2008


Libri di poesia

Ritratto di Michele Serri:
Michele Serri
 I suoi 53 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
L'arrivista (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il funerale (23/11/2017)

Una proposta:
 
Il funerale (23/11/2017)

Il racconto più letto:
 
Lo stupro (30/09/2012, 65535 letture)


 Le poesie di Michele Serri

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it