5192 visitatori in 24 ore
 256 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 5192

256 persone sono online
Autori online: 11
Lettori online: 245
Poesie pubblicate: 324232
Autori attivi: 7371

Gli ultimi 5 iscritti: Manuela Mancini - Cesare04 - Caterina Fantoni - Gennaro Caiazzo - Simone1996Cedrone
Chi c'è nel sito:
♦ andrea veccelli Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privato ♦ Bock Messaggio privato ♦ gianni manca Messaggio privatoClub ScrivereRasimaco Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privato ♦ Nadia Mazzocco Messaggio privato ♦ Sincity Messaggio privato ♦ M Aprile Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Ghione Messaggio privato ♦ Rosaria Catania Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Condannata

Fantasy

Anita gridò: Si parte? Sbrigati che siamo già in ritardo.”
Melissa conosceva molto bene l’ amica, ogni volta che doveva partire diventava molto ansiosa e così aveva preparato tutto ed in fretta affinché fosse puntuale e le urlò: ” Si scendo.” Chiuse la porta alle spalle e volò per le scale, salirono sulla jeep rossa dirigendosi fuori città, poi imboccarono una strada che conduceva sugli altopiani silani, il paesaggio era incantevole e di una bellezza straordinaria. La vegetazione folta e lussureggiante si perdeva a vista d’ occhio, man mano che salivano verso Fallistro, il monte dei Giganti della Sila, così denominati i pini secolari per la loro maestosità, il sentiero si faceva sempre più stretto tant’è che dovettero lasciare l’ auto e proseguire a piedi.
Melissa si accorse che Anita non era del solito umore, anzi, era turbata per qualcosa, ma cosa? Possibile che avesse scoperto il suo segreto? Ricacciò quel pensiero, ma no, non poteva essere, erano stati molto attenti.
Così si rivolse all’ amica con un bel sorriso: ” Vedo che oggi non hai molta voglia di chiacchierare, sei preoccupata per qualcosa?”
Un’ ombra scura attraversò lo sguardò di Anita, che non sfuggì a Melissa, tanto che una sensazione di gelo la percosse dalla testa ai piedi. Anita rispose: ” No, no è tutto apposto, sono solo un po’ giù di corda… sai quei giorni che vorresti stare a letto a poltrire con un bel libro.”
Melissa rispose: ” Se non ti andava di venire potevi dirlo, avremmo potuto rimandare la gita.”
Anita scosse il capo dicendo: ” Ma no, ho preso un giorno di ferie apposta per venire quassù, non volevo sprecarlo senza far niente”.
Melissa non replicò ma la risposta dell’ amica non la convinse, era sicura che ci fosse qualcos’ altro e non una semplice indisposizione. Dopo circa un’ oretta di cammino, giunsero finalmente nel posto dove avrebbero montato la piccola tenda da campeggio e fecero appena in tempo a sistemarsi, prima che facesse buio.
Accesero il fuoco e si sedettero intorno per mangiare dei panini. Le lingue di fuoco illuminavano i loro visi, Melissa guardò l’ amica e per un attimo i loro sguardi si incrociarono. Adesso era più che sicura, negli occhi di Anita c’ era qualcosa che la inquietava e la metteva a disagio. Poco dopo, stanche si misero a dormire, ma Melissa non riusciva a chiudere occhio, aveva una paura inspiegabile, un brutto presentimento.
Passò la notte sveglia aspettando chissà quale catastrofe dovesse capitare, poi finalmente, appena fu giorno, si prepararono per salire ancora più su. Il percorso era abbastanza accidentato e dovevano stare molto attente a dove mettevano i piedi. Stavano attraversando la parte più difficile, fatta di caverne sotterranee, quando all’ improvviso, Melissa sentì una forte spinta alle spalle e precipitò giù, all’ interno di una di queste grotte, per fortuna non molto profonda.
Restò attonita e sbalordita per quello che le era appena capitato, Anita le aveva dato uno spintone per farla precipitare giù nella caverna.
Si era fatta male ad una caviglia e cominciò ad urlare: ” Anita ma sei matta ma che ti è preso! Aiutami a venir fuori!”
L’ amica si sporse un po’, gridandole: ” Dovrei aiutarti? Non ci penso proprio, questa è la fine che si meritano le serpi come te. Mi fidavo di te, la mia amica del cuore… mi hai tradito, ti è piaciuto andare a letto con mio marito? E adesso vediamo se ti piace morire lì dentro come un animale in gabbia.”
Ora era tutto chiaro, Melissa gridò: ” Ti giuro non è come sembra, tirami fuori, ti prego…”
Ma non ci fu più nessuna risposta, sentì solo dei passi che velocemente si allontanavano.
Era buio lì dentro e faceva molto freddo, il terrore si impadronì della sua mente, ora faceva fatica a connettere qualsiasi pensiero. Se solo avesse avuto modo di spiegarle e lei avesse avuto la pazienza di ascoltarla, non l’ avrebbe condannata a priori... le avrebbe detto che con Carlo c’ era solo un rapporto fra un medico e la sua paziente.
Aveva scoperto da poco d’ avere un male incurabile e lui, essendo un oncologo, la stava curando. Era stata lei a chiedere all’ amico di non parlare della sua malattia e non voleva che nemmeno la sua migliore amica lo sapesse.
Con le mani, cercando un appiglio tentò di arrampicarsi sulle pareti, c’ erano degli spuntoni di roccia a cui si aggrappò disperatamente, ma la caviglia dolorante le impediva di forzare sulle gambe per spingersi in su. Esausta, dopo alcuni tentativi, si abbandonò per terra, accucciandosi con la testa fra le gambe.
Man mano che passava il tempo e la notte avanzava, la temperatura si abbassava precipitosamente, si stava convincendo che sarebbe morta in quella tomba naturale. Inoltre, la speranza che qualcuno sarebbe potuto passare da lì era molto remota.
Precipitando nella grotta, la sua sacca si era sganciata finendo da qualche parte, si inginocchiò a tastare il terreno per cercare di trovarla, quando improvvisamente toccò qualcosa di strano come delle ossa, lanciò un grido che rimbombò fra la montagna silenziosa. Credette di morire di paura, poi cercò di ragionare, sicuramente erano i resti di qualche animale, si convinse che non poteva essere altrimenti.
Intanto, non si rendeva conto di quanto tempo fosse passato, le sembrava un’ eternità, il freddo le attraversava le ossa e non sentiva più le gambe, quando stendendo un braccio ritrovò la sua sacca, dentro c’ era una piccola torcia, dell’ acqua e del cioccolato. Bevve avidamente e divorò la cioccolata.
Un colpo di tosse la lasciò senza fiato, scuotendo il suo corpo fino allo spasimo, poi finalmente si calmò e tirò un sospiro di sollievo. Accese la torcia e si guardò intorno, adesso poteva intravedere le ossa che aveva sfiorato prima e non erano di un animale ma bensì era lo scheletro di qualcuno, c’ era un cranio, il terrore a quella vista era incontrollabile, le mancava il respiro, devo uscire da qui, devo riuscire a risalire pensava farneticando, poi quando credette che tutto fosse perduto sentì delle voci: ” E’ di qua, venite… oddio, speriamo che non sia troppo tardi… Melissa… Melissa rispondi…”
La voce era concitata e lei riconobbe Anita e con le poche forze che le erano rimaste rispose: ” Sono qui, fate presto…”
La tirarono fuori, Anita continuava a ripetere di perdonarla, che non sapeva la verità ed era sconvolta nello scoprire che era stata capace di fare una cosa così terribile. Melissa guardò l’ amica senza dire una parola, Carlo l’ abbracciò avvolgendola con una coperta e zoppicando si diresse verso l’ auto. Anita in quel momento si rese conto che aveva perso per sempre la sua migliore amica e forse anche suo marito.
Poco tempo dopo appurarono che i resti dell’ uomo appartenevano ad un cacciatore scomparso da qualche anno. Dopo tutto, almeno una cosa positiva c’ era stata in tutta questa brutta storia, il ritrovamento dell’ uomo, aveva messo fine all’ angoscia di una famiglia che per mesi aveva vissuto nell’ incertezza e nella disperazione di non sapere la fine del proprio caro.

Anna Rossi 26/10/2017 03:38 3 112

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonch qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Tiene al lettore sospeso dal primo momento fino allultimo. Molto piaciuto e apprezzato questo racconto della brava scrittrice .»
franca merighi 42

«Un racconto che tiene il lettore sulla corda. Brava lautrice nel divulgare e rendere vive le immagini del percorso e poi la trama una chicca. LEGGETE LETTORI MERITA ASSAI LEGGETE.»
Francesco Rossi

«Un racconto semplicemente stupendo... letto tutto dun fiato per arrivare alla fine...
tante volte davvero brutto essere condannati senza avere la possibilit di replicare e di spiegare come stanno veramente le cose... condannati a priori solo per ipotetici dubbi... e poi, come in questo caso, la vita aveva gi condannato la povera Melissa... ma Anita ha agito dimpulso e senza chiedere spiegazioni ... Nella vita capitano situazioni simili che portano moltissime volte a fraintendere...»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Anna Rossi:
Anna Rossi
 I suoi 61 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Legami di sangue (05/03/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Paura del buio (14/11/2017)

Una proposta:
 
Paura del buio (14/11/2017)

Il racconto più letto:
 
Lo sconosciuto (05/01/2017, 2044 letture)


 Le poesie di Anna Rossi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pi frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it