4424 visitatori in 24 ore
 234 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4424

234 persone sono online
Autori online: 16
Lettori online: 218
Poesie pubblicate: 324ĺ032
Autori attivi: 7ĺ366

Gli ultimi 5 iscritti: Simone1996Cedrone - Filippo Nardozza - Emanuela - Mariarosaria Angelo - Daniela Rinaldi
Chi c'è nel sito:
♦ Mario Arena Messaggio privato ♦ Pulse Messaggio privato ♦ alias Marina Pacifici Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Monopoli Messaggio privatoClub ScrivereStefania Siani Messaggio privatoClub ScrivereAnna Di Principe Messaggio privato ♦ Massimo Imperato Messaggio privato ♦ marco vallefuoco Messaggio privato ♦ romeo cantoni Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Ghione Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privato ♦ Giomiri Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privato ♦ vittorio pochini Messaggio privatoClub ScrivereBerta Biagini Messaggio privato ♦ Elena Artaserse Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Una ragazza "difficile"

Ragazzi

Quando Gabriella entrò dentro a quel alto portone grigio pensò che la sua vita sarebbe finita in quel preciso istante. Un lucidissimo pavimento, e una suora vestita di nero, furono le due prime cose che vide. La religiosa le disse con voce garbata ma ferma: “ Mi segua, signorina, venga, le faccio strada”, io la seguì, con la mia valigetta in finta pelle, e quelle scarpe che sembravano da uomo, con dei cordoni lunghissimi, che mi obbligavano a fare due lacci se non volevo pestarmeli. La suora camminava così svelta che quasi dovevo correre per starle dietro, attraversammo una infinità di corridoi e alla fine salimmo delle scale che ci portarono al piano di sopra. Un dormitorio lunghissimo con lettini bianchi pulitissimi, e quel pavimento che sembrava le avessero messo la cera pochi minuti prima. La suora tirò fuori un numero dalla sua tasca, e me lo diede dicendo:

Ecco, lei ha il n° 6, e sarà quello per tutto il tempo che resterà qui, lo avrà sia nella sua biancheria da letto, come nelle varie uniformi che le daremo: una per tutti i giorni per assistere alle lezioni assieme alle altre compagne esterne, una per tenere qua dentro per il dopo scuola, e un’ altra per la domenica, per assistere alla messa e ricevere le visite”...Mi accompagnò fino davanti al mio letto, dove c’ era un comodino per mettere le mie cose personali e alla fine mi disse: “ La sveglia sarà ogni mattino alle cinque, dovrà alzarsi immediatamente, fare la doccia, fare il letto, mettere tutto in ordine ed essere pronta con l’ uniforme della scuola per scendere a fare colazione, dopo di che, andrete ognuna nelle vostre aule a studiare fino allĺora di classe, intesi?” Poi mi diede in mano tanti cartoncini blu, tutti uguali, erano 20, mi disse, questi sono punti che andranno a sommarsi alla pagella settimanale di comportamento, ogni volta che ci sarà un motivo di disubbidienza, disordine, mancanza di rispetto verso le religiose, e anche verso le compagne, litigi, chiacchiere fuori orario, ecc. ecc. le toglieremo un punto. Perciò dipenderà da lei il voto che avrà a fine settimana. Se c’è qualcosa che vuole chiedermi, lo faccia adesso, perche dopo non sarà permesso parlare con le altre interne, fino all’ ora di ricreazione...

Io guardai la suora con aria di sufficienza, come se la sua osservazione fosse completamente fuori luogo. Ma dentro di me sentivo una gran voglia di scappare da quel posto che sembrava più un carcere che un Collegio di prestigio, dove mio padre mi aveva messo perche lui e mia madre sarebbero andati a vivere molto lontano dalla capitale, dove mio padre aveva trovato un buon lavoro, ma dove non c’ erano né scuole, né istituti adatti “ a una ragazza come me!!!” Hahahahaha, mi veniva proprio da ridere! “ una ragazza come me”, comunissima ragazza come mille altre, che mio padre voleva a tutti i costi darle un’ educazione da “ Gran Dama”, Che ridicolo! Ma presto se ne sarebbero accorti del grosso errore che avevano fatto i miei cari genitori...

Per prima cosa, arrivai con grosso ritardo alla mensa del collegio, e la mia cena era lì che mi aspettava dentro al piatto coperto, una minestrina fredda gelata che non l’ avrebbe mangiata nemmeno un morto di fame! Infatti, non assaggiai nulla, e la suora incaricata della mensa mi disse che quello non era un ristorante, e che se non mangiavo non avrei avuto più nulla fino a colazione del giorno dopo... e intanto mi tolse tre punti blu per il grosso ritardo!

Ma chissenefrega!!!!!” pensai, mentre una rabbia mi saliva dentro facendomi diventare rossa come un peperone, dopo pochi minuti ci alzammo in piedi, e in fila per due, ci recammo al dormitorio, le mie compagne si davano da fare per andare in bagno a lavarsi i denti, e fare le altre cose prima di dormire, io invece mi infilai il pigiama e mi coprì fino la testa, sotto le coperte. Non erano passati nemmeno cinque minuti che mi sentì battere i piedi, mentre una voce stizzita mi diceva: “ Signorina! Lei non ha l’ abitudine di lavarsi i denti e farsi un bidet prima di andare a dormire?” Sempre tenendo la testa sotto le coperte risposi che non avevo mangiato niente, perciò avevo i denti pulitissimi, in quanto al bidet, ero già lavata da prima della cena... Indovinate cosa mi disse la simpatica suorina? “ Allora, mi dia tre punti blu, e poi dorma fino a domattina, se vuole!!!!”

Era solo un giorno che ero arrivata là dentro e mi avevano tolto già sei punti! Bene! Ed era solo lunedì...a fine settimana quanto avrei preso in comportamento? Ma non ci pensai più e mi misi a dormire, ma non era finita lì, la suora incominciò con delle preghiere e voleva sentire le nostre voci, io non rispondevo e questo mi costò altri due punti blu...

La mattina seguente un’ altra suora incominciò a chiamarci per nome una per una, e dovevamo dire: ” Presente!", io non risposi nulla, avevo un sonno da morire, erano solo le cinque del mattino!!!! Come potevano pretendere che noi rispondessimo? Invece le altre, evidentemente, erano già allenate, perche una per una rispose all’ appello... e quando arrivarono al mio nome, la suora mi chiese direttamente altri due punti, me ne rimanevano dieci....e mi scappò una sonora risata!!!! Una risata che malauguratamente contagiò tutte quante, e il dormitorio si trasformò in una baraonda che non si poteva placare...

Il giorno dopo, mi chiamò la Madre Superiora, aveva una faccia che solo a guardarla mi mise paura, mi disse chiaramente, che se pensavo di portare lo scompiglio dentro al collegio, mi ero sbagliata di grosso, che questo era un ammonimento che non aveva nessuna intenzione di ripetere, la prossima volta, semplicemente, avrebbe chiamato i miei genitori per farmi riportare a casa mia!

Quello che la Madre Superiora non sapeva, è che era proprio quello che andavo cercando, e facendo finta d’ essere pentita, mi feci uscire anche una lacrimuccia, e dissi che non sarebbe successo più! Così tornai in classe, tra gli sguardi curiosi delle mie compagne, e qualche risatina qua e là, che la suora di turno fermò subito. All’ uscita dell’ aula noi interne, dovevamo andare alla sala dei compiti, per studiare, e aspettare l’ orario del pranzo. Io domandai il permesso per andare alla toilet, e la suora me lo diede, ricordandomi di fare presto, io dissi di si, e sparì dalla loro vista. Questa volta volevo dare a tutti quanti una lezione, mi sarei nascosta così bene che nessuno mi avrebbe trovata! Avevo visto passando con la suora, una porta che dava a un salone pieno di vecchi mobili, accatastati, e mai usati, vista la quantità di polvere accumulata sopra di essi, entrai, e mi misi dentro ad un armadio, vuoto, che era in mezzo al salone, chiusi bene lo sportello e mi rannicchiai in un angolo, decisa a non muovermi da lì. Non so quanto tempo rimasi chiusa dentro l’ armadio, non portavo l’ orologio, e non sapevo cosa stesse succedendo fuori, perche all’ improvviso sentì una gran confusione, voci alte che si scontravano, e anche parole pesanti che volavano gratuitamente dentro quel luogo “ santo”, in mezzo a queste parole concitate, riconobbi la voce di mio padre:

Insomma!!! ” “ Io porto qua mia figlia perche sia protetta, guidata, indirizzata verso una carriera promettente, e voi mi telefonate per dirmi che mia figlia è sparita???” “ Io vi denuncio, vi mando in galera, vi....non finì la frase perchè io mi stavo avvicinando con un sorriso da orecchia a orecchia... Quando mio padre mi vide disse”: “ Ma tu, da dove esci???” Io allora, con un viso da martire, mi misi a piangere sconsolatamente, pregando a mio padre di portarmi via da quel luogo dove trattavano le persone come in un carcere....Naturalmente lui mi abbracciò dicendomi che sarei uscita subito con lui, che non piangessi più, e io, con aria trionfante, guardai la Madre Superiora che se avesse potuto mi avrebbe mangiata viva!!! Così finì il mio brevissimo tempo di “ clausura”, e fortunatamente, non mi misero più in nessun altro Collegio.!


franca merighi 42 31/10/2017 07:03 83

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonchÚ qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di franca merighi 42Precedente di franca merighi 42

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di franca merighi 42:
franca merighi 42
 I suoi 11 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il coraggio di cambiare (15/11/2017)

Una proposta:
 
Il coraggio di cambiare (15/11/2017)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 274 letture)


 Le poesie di franca merighi 42

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pi¨ frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it