2917 visitatori in 24 ore
 181 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 2917

181 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 177
Poesie pubblicate: 337’176
Autori attivi: 7’493

Gli ultimi 5 iscritti: Mauro Maschiella - BradleySek - giulia4567 - Mirko Vangi - Andreesove
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMarco Forti Messaggio privato ♦ Beatrice Piras Messaggio privato ♦ Giancarlo Fiaschi Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Un pregiudizio

Sociale e Cronaca

Alcuni anni fa un comico napoletano (del quale non ricordo il nome), in uno sketch televisivo, disse che i Napoletani sono diventati meridionali solo a partire dall’unità d’Italia, perché prima erano settentrionali, in quanto, nel Regno delle Due Sicilie, la capitale si trovava al nord della maggior parte dei suoi territori...

Una battuta comica, a volte, può contenere più verità di quanto non sembri a prima vista: la differenza fra Nord e Sud è forse più sentita all’interno della stessa nazione che tra nazioni diverse (non credo, ad esempio, che i Tedeschi si sentano superiori agli Svizzeri...)

Ricordo che da bambino, quando una o due volte all’anno andavo con i miei genitori, partendo dalla mia cittadina nel Napoletano, a trovare lo zio paterno in provincia di Salerno, io mi sentivo superiore, perché provenivo dal nord (e la cosa era aggravata dal fatto che il ramo materno della mia famiglia era originario delle Marche, e di quelle del nord...) (Ahimè, quanto sbagliavo! La gentilezza e anche la preparazione culturale della famiglia di mio zio e della sua cerchia di amici erano, sotto diversi aspetti, superiori a quelle riscontrabili nel mio ambiente.)

Tutto, quanto più stava al nord, mi appariva più elevato e migliore, e disprezzavo facilmente ciò che potevo porre al sud. Col tempo, certo, ci si accorge di questi gravi errori, e tuttavia qualcosa rimane, perché è nella natura dei gruppi umani sentirsi superiori o inferiori ad altri.

Nell’antichità succedeva forse il contrario, perché per i Greci e per i Romani erano inferiori i "barbari" che stavano al nord (i Macedoni, o i Germani), mentre la stima per chi stava al sud era piuttosto elevata (per gli Egizi, per i Libici...) A un certo punto della storia, il progresso e la civiltà cambiano direzione, e quei popoli che ne erano stati il faro entrano in una fase di decadenza, passando la staffetta a chi sta al loro nord (o al loro sud): nessuno è in grado di dire se tra qualche secolo la nostra civiltà entrerà in una tale fase di declino che si farà superare, magari, proprio da quegli Africani che ora, umilmente, vengono a cercare fortuna da noi...

Attualmente, comunque, il fatto che il nord abbia una maggiore rilevanza è sottolineato anche dall’ubicazione delle capitali di importanti Paesi nei loro territori settentrionali (Parigi in Francia, Berlino in Germania, Vienna nella piccola Austria... Roma fa eccezione per motivi storici, anche se tutti sanno che la vera capitale - morale, si diceva una volta - dell’Italia è Milano...) ; superata una certa latitudine, però, la vita diventa troppo difficile e ingrata al nord, e allora le capitali si trovano al sud (Londra in Gran Bretagna, Oslo in Norvegia, Stoccolma in Svezia, Helsinki in Finlandia...)

Tornando finalmente alla battuta di quel comico, è probabilmente vero che i Napoletani borbonici si sentissero settentrionali, superiori, ad esempio, ai Siciliani; anche per questo motivo nacque facilmente l’Italia unita, perché i Siciliani covavano un profondo risentimento nei confronti di Napoli capitale (un po’ come i leghisti della prima ora, che abusavano dello slogan "Roma ladrona") , e la spedizione dei Mille di Garibaldi fu preparata anche con la quasi assoluta certezza di non trovare ostacoli nell’isola (poi la spedizione continuò sul continente perché i Garibaldini si resero conto di avere davanti a loro un esercito borbonico davvero decrepito e corrotto, ben oltre ciò che potevano inizialmente immaginare; cfr., ad esempio, la "Storia degli Italiani" del siciliano Niccolò Rodolico, ed. Sansoni, Firenze, 1964) .

Ogni essere umano, purtroppo, nasce con dei pregiudizi (spesso inculcatigli dalla propria famiglia), e ci vuole del tempo affinché riesca a superarli: in età matura, bene o male, di solito ci riesce, e si impossessa di un concetto di tolleranza molto simile a quello ben noto di Voltaire (anche se pure lui non riuscì mai ad essere davvero tollerante con gli Ebrei, ad esempio...)


Antonio Terracciano 13/06/2018 12:10 144

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Quanta verità in questo brano, come sempre (Franca Merighi)

si riconosce e risalta la bravura di Terracciano! (Franca Merighi)



Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 76 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Ponti (22/08/2018)

Una proposta:
 
Un pregiudizio (13/06/2018)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1768 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it