3892 visitatori in 24 ore
 204 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3892

204 persone sono online
Autori online: 9
Lettori online: 195
Poesie pubblicate: 334’939
Autori attivi: 7’479

Gli ultimi 5 iscritti: Faber75 - Massimo Bellini - MarioE - bibibi6662 - Scorsone Francesca
Chi c'è nel sito:
♦ Pierfrancesco Roberti Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privatoClub Scrivereu cuntadin Messaggio privatoClub ScriverePaola Riccio Messaggio privato ♦ numerouno Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privato ♦ Wilobi Messaggio privatoClub ScrivereSaverio Chiti Messaggio privato ♦ Antonio Terracciano Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Autunno da dimenticare

Ragazzi

L’ autunno era arrivato, con i suoi colori stupendi, quelle fantastiche tonalità di marrone e giallo, davano un senso di tranquillità, ma anche d’ immensa tristezza.

Per lo meno, così era per Victoria, lei era capace di stare a guardare dalla finestra per delle ore, seduta sopra la sua sedia a rotelle, e mentre il suo sguardo si perdeva nel paesaggio autunnale, la sua mente percorreva la sua infanzia, e si vedeva felice in quella distesa di foglie secche che ora riempivano il grande giardino della sua casa. Le pareva di sentire una voce che la chiamava: “ Victoria! Victoria! Dove ti sei cacciata? Esci dal tuo nascondiglio, sono stanco di cercarti!” Lei allora, ridendo, saltava fuori come uno scoiattolo e correva a fare “ tana!” . Carmelo si arrabbiava e diceva che se ne sarebbe andato a casa sua! non avrebbe giocato piu’ con lei, sapeva nascondersi così bene che lui non riusciva a scovarla mai, poi all’ improvviso... eccola!!! e vinceva sempre...

Fu proprio così, dieci anni fa in una giornata autunnale, loro due stavano giocando a nascondino, e Carmelo come sempre la cercava e la chiamava impazientito. Ma quella volta Victoria non apparve. Carmelo allora, preoccupato, corse in casa e lo disse ai genitori della ragazza e andarono tutti fuori a cercarla.

Il giardino della villa era grande, ma presto si accorsero con angoscia che la ragazzina non c’ era... Stavano rientrando in casa desolati, quando videro arrivare un uomo che la portava in braccio, disse che l’ aveva sentita lamentarsi vicino a casa sua sotto ad un muro molto alto. Victoria si lamentava dal dolore, chiamarono subito il medico di famiglia che dopo averla visitata, consigliò di portarla all’ ospedale.

All’ ospedale li aspettava una notizia molto crudele: Victoria doveva essere operata al più presto alla colonna vertebrale, ma già si capiva dalle lastre che non avrebbe più potuto camminare.

Al principio fu la disperazione per tutti, la portarono dai migliori specialisti del ramo, fecero tutto quello che era possibile fare, ma il destino aveva deciso diversamente. Quella tremenda caduta le aveva tolto la sua giovinezza, la sua libertà e la sua gioia di vivere. A niente valsero la vicinanza e l’ amore dei suoi genitori, delle sue amiche, e specialmente la vicinanza di Carmelo. Non c’ era giorno che non andasse a trovarla, a farle compagnia, ma Victoria si era spenta, rinchiusa nel suo dolore e niente e nessuno potevano smuoverla o rallegrarla un po‘...

Victoria ebbe un brivido che le attraversò tutto il corpo, ora si trovava davanti a quella finestra, guardando quel giardino, e come in un incubo, per l’ ennesima volta pensò a quello che le era capitato.

Arrivò il suo ventesimo compleanno, e i suoi genitori decisero di farle una grande festa, alla sua insaputa, altrimenti si sarebbe ribellata e opposta come faceva ogni volta che la sua famiglia parlava di feste o ricevimenti. I suoi speravano che trovandosi di fronte a cose fatte, forse, sarebbe riuscita anche a divertirsi...

Ma come si sbagliavano! Victoria appena se ne accorse del movimento anomalo che c’ era in casa sua, volle sapere a tutti i costi cosa stava succedendo. Sua madre allora dovette dirglielo, la abbracciò con tutto l’ amore che sempre le aveva donato, e le disse che era giusto festeggiare i suoi vent’ anni, che lasciasse per una volta almeno, che una ventata di allegria e spensieratezza entrasse in quella casa, che da molto tempo ormai era diventata un luogo tetro e solitario.

Victoria ebbe una reazione violenta, incominciò a piangere e gridare che era lei che compiva gli anni, ed era lei che decideva se voleva festeggiare oppure no, e la risposta era NO! NO! Non voleva che tutti la vedessero come si era ridotta, e leggere nei loro occhi la pietà, mentre con parole false, ipocrite, le facevano mille complimenti e sorrisi di circostanza. NO! Nessuno poteva obbligarla ad accettare una festa che lei non desiderava nè sentiva di poter sopportare!

Sua madre, con un dolore immenso nel cuore, le disse di calmarsi, che le avrebbe fatto male alterarsi in quel modo, che non ci sarebbe stata nessuna festa se lei non voleva. La lasciò sola e andò a telefonare a Carmelo, lui era l’ unico che riusciva a calmarla veramente. Lui arrivò immediatamente, e la trovò in lacrime, questa storia della festa le aveva dato proprio tanto fastidio;, quando lo vide Victoria aprì le braccia e lui si chinò sulla sedia a rotelle e la baciò per la prima volta.

Lei allora lo guardò con immenso amore, e gli domandò: “ Tu mi ami davvero?” Carmelo rispose “ Lo dubiti ancora?”, Victoria gli chiese se aveva pensato bene come sarebbe stata la sua vita assieme a lei, e Carmelo, inginocchiandosi davanti le disse: “ Vuoi sposarmi?” Victoria questa volta piangeva, ma di felicità, e guardandolo con gli occhi pieni di lacrime rispose: “ SI, SI, SI!” “ Cosa aspettavi a chiedermelo?” . E un altro bacio, questa volta più appassionato, sigillò quelle parole...


Franca Merighi 02/10/2018 16:21 41

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Franca Merighi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Franca Merighi:
Franca Merighi
 I suoi 37 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Autunno da dimenticare (02/10/2018)

Una proposta:
 
Autunno da dimenticare (02/10/2018)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 545 letture)


 Le poesie di Franca Merighi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it