3347 visitatori in 24 ore
 154 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3347

154 persone sono online
Lettori online: 154
Poesie pubblicate: 358’829
Autori attivi: 7’549

Gli ultimi 5 iscritti: ScottTrunc - Thomasedume - LarryDiulp - BrianDaf - Jamesarorn
Chi c'è nel sito:
Club Scriveremoreno marzoli Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Minervina, una donna d’altri tempi

Amore

Durante la mia infanzia, passata tra le pareti di un bilocale umido e scrostato, ho sofferto, quasi per una specie di legge del contrappasso, d’agorafobia. Una maledetta sensazione di paura che un soggetto prova in ambienti non familiari, comunque in ampi spazi all’ aperto o affollati, temendo di non riuscire a controllare la situazione.

Questo malessere mi ha sempre portato a sentire il bisogno epidermico di una via di fuga immediata verso qualcosa da me reputato più sicuro: la scrittura.

Quando scrivo, è l’ unico momento in cui riesco a dominare la mia angoscia.

Il motivo di tale afflizione è probabilmente dovuto al fatto che eravamo costretti a convivere in uno spazio ristretto e privo di porte.

Ho sempre cercato di dare una motivazione plausibile a questo turbamento che mi porto addosso come una seconda pelle.

Dopo anni di riflessione, sono arrivato alla conclusione che due fattori psicologici hanno condizionato il mio carattere ribelle: l’ ambiente in cui sono vissuto e, soprattutto, la peculiarità del carattere delle persone con le quali ho convissuto.

In primis mia madre, Arcinese Elena Maria Ester, detta Minervina, una donna d’ altri tempi che parlava correntemente tre lingue (il francese, l’ italiano e…. il gessano) credeva fermamente in alcuni valori fondamentali della vita, quali per esempio la sacralità della famiglia, la lealtà e, soprattutto, la sincerità.

Sono cresciuto in una famiglia dove la sopravvivenza «au jour le jour» era il Leitmotiv delle nostre discussioni quotidiane, dovute ai problemi finanziari che ci attanagliavano frequentemente.

Anche se la mancanza di denaro fungeva da barriera invalicabile alle nostre aspirazioni segrete, le nostre vite erano costellate da piccole gioie, come per esempio indossare un abito nuovo, per me era come degustare un frutto proibito.

Vivevano la nostra esistenza all’ insegna della sopravvivenza.

Per noi figli, il momento più atteso della giornata, era quello in cui nostra madre ci avrebbe raccontato le sue storie.

Ci sedevamo attorno al focolare, dove crepitava la legna, e rimanevamo rapiti dai suoi racconti legati soprattutto alla Seconda Guerra Mondiale e alla Resistenza.

Quando parlava della Resistenza, dove suo marito aveva combattuto nelle fila della Brigata Majella in qualità di Partigiano, i suoi occhi cerulei s’ illuminavano di un immenso orgoglio.

Una volta, mentre raccontava un’ impresa eroica dei Patrioti, scorsi una minuscola lacrima scivolare sul suo volto raggrinzito.

Una sera d’ inverno, mentre imperversava una tormenta di neve, mia madre ci disse una cosa che mi è rimasta nel cuore: «Vostro padre era una persona triste e malinconica, ma quando tornava a casa la sera, dopo una giornata di lavoro passata nella cava di pietre dove lavorava, e vedeva i suoi nove figli i suoi occhi s’ illuminavano di felicità! La stessa contentezza che leggevo nel suo sguardo tormentato dopo aver partecipato ad una missione militare della Banda della Majella».

Per fortuna che la televisione era un lusso che allora non potevamo permetterci, sennò non sarei mai riuscito a scrivere le storie che mia madre ci ha tramandato la sera, davanti ad un focolare dove spesso languiva una fiamma che non riuscivamo a ravvivare con nuovi tizzoni di legna.

Ventisette anni dopo la sua dipartita, avvenuta il 3 gennaio 1993 ad Ortona, in provincia di Chieti, la sua voce sibillina mi rimbomba ancora nella testa, come una scheggia impazzita, e dà un senso logico alle cose che in quei tempi mi erano purtroppo incompressibili. Anche se, come scrive Jerry Spinelli, «ogni notte ci sdraiamo in un cimitero di ricordi», lo sguardo malinconico di mio padre e la voce narrante di mia madre mi hanno sempre accompagnato e mi hanno dato spesso la forza di continuare a lottare per degli ideali giusti, seminati durante la mia adolescenza in quel bilocale, umido e scrostato, e che hanno condizionato positivamente le mie scelte di vita.





Sergio Melchiorre 06/05/2020 13:44 1 1230

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Sergio MelchiorrePrecedente di Sergio Melchiorre

Nota dell'autore:
«Il gessano è il dialetto parlato a Gessopalena (CH).»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Bellissima storia, ben scritta, che fa pensare a come sia cambiata la nostra vita oggi, nell’era del coronavirus... Cosa avrebbe fatto la cara Signora Minervina, con nove figli chiusa in casa per la cuarantena obbligata? Forse avrebbe raccontato molte altre storie, della sua vita, dei suoi momenti felici, della nascita dei suoi figli, e della fatica di andare avanti... Tutti abbiamo una storia, magari completamente diversa una dall’altra, ma storie da raccontare ai nostri nipoti, si, perché io sono una bisnonna che si crede di poter scrivere, comunque complimenti al bravo scrittore Sergio... (mio marito è pure abruzzese... e mi ha conosciuta nel Venezuela... ma questa e tutta un’altra storia...)»
Franca Merighi

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Sergio Melchiorre ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Sergio Melchiorre:
Sergio Melchiorre
 I suoi 97 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Gina non ha più lacrime per piangere (07/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il latte miracoloso di Annina «la taliana» (19/11/2020)

Una proposta:
 
L’idea geniale di Francesco (14/03/2020)

Il racconto più letto:
 
Lo stupro di gruppo (07/09/2013, 46548 letture)


 Le poesie di Sergio Melchiorre

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2023 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it