4696 visitatori in 24 ore
 135 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4696

135 persone sono online
Lettori online: 135
Poesie pubblicate: 325’159
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ Davide Zocca Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Parallelismi

Sociale e Cronaca

Per un lungo periodo di tempo, durante il Regno borbonico, la mia cittadina, che dista soltanto quindici chilometri dal centro di Napoli, con tante altre ad essa vicine fece parte della provincia di Caserta, o di Terra di Lavoro. Era questa una provincia molto grande, che si estendeva dal Basso Lazio fin quasi a Salerno.

Dalla fine del Settecento il principale monumento della Terra di Lavoro fu la Reggia di Caserta. La città capoluogo che vediamo ora, duecentocinquanta anni fa praticamente non esisteva (c'era soltanto un borgo su una collina, a una decina di chilometri di distanza, l'attuale Caserta Vecchia appunto) . La moderna città si sviluppoò in modo alquanto razionale (vie quasi tutte parallele e perpendicolari fra loro) presso la Reggia vanvitelliana, e si riempì di cortigiani di differenti provenienze (gli attuali discendenti possono ormai ben dire di essere arrivati alla fatidica settima generazione, e spesso manifestano un certo sentimento di superiorità nei confronti degli immigrati più recenti) che cercavano incarichi dei tipi più diversi al servizio del re.

La mia cittadina nel 1938 fu dotata di un grande stabilimento industriale, con annessa una pista di volo, per la produzione di aerei (Mussolini in persona venne a posare la prima pietra) . Si costruirono case per i dipendenti (tra i quali mio nonno materno, marchigiano) dello stabilimento (in una di quelle case nacqui io, e in un'altra vissi da bambino), a un paio di chilometri dal centro storico, e (poche) vie rette, parallele e perpendicolari fra loro, che presero, (quasi) tutte, il nome di qualche aviatore più o meno noto ed eroico; le due parti della cittadina rimasero a lungo separate: ancora oggi chi è nato o ha vissuto in quella zona allora nuova si sente un po' diverso dal resto della popolazione del comune.

Un omonimo, per nome e cognome, di mio padre, il puteolano professore di botanica Nicola Terracciano, fu il direttore dei bei giardini della Reggia di Caserta dall'unità d'Italia ai primi anni del Novecento.

Mio padre, invece, cercò inutilmente, dopo la guerra, di essere assunto da quello stabilimento: le raccomandazioni di suo suocero, evidentemente, erano troppo deboli rispetto a quelle fatte da qualche locale combriccola che, con riferimenti politici, si stava organizzando nel migliore dei modi! (Chi allora riuscì ad entrarvi vede ora, o vedrebbe, spesso i suoi nipoti ricoprire un incarico parecchio simile...)

All'avvento dell'unità d'Italia la Reggia di Caserta cambiò un paio di padroni: dai Borboni passò ai Savoia (e credo che da allora cominciò a venire un po' trascurata, ad abdicare alla sua funzione di corte), e infine alla Repubblica italiana.

Dopo la guerra, che lo distrusse in gran parte, anche il complesso industriale della mia cittadina cambiò un paio di padroni; la pista di volo fu abolita, ed al suo posto ora si producono, con alterna fortuna, automobili.

La Reggia di Caserta è diventata, col tempo, praticamente un museo (in gran parte a cielo aperto), e i turisti che la visitano apportano non pochi benefici alle casse comunali di quella città.

Tra cento, o cinquant'anni, chissà, anche la produzione di automobili e di motori d'aerei cesserà (forse allora ci sposteremo in modi adesso inimmaginabili), e le fabbriche della mia cittadina si trasformeranno in un parco archeologico industriale, che sarà visitato a pagamento...

Pare che a Caserta, negli ultimi anni, la presenza della Reggia non più attiva abbia ispirato alcuni suoi cittadini, che sono diventati scrittori ormai noti: Antonio Pascale, Francesco Piccolo (che da ragazzo e da giovane viveva addirittura in un palazzo che sulla Reggia si affaccia), Roberto Saviano...

Alla fine di questo secolo, forse, il cadavere dell'area industriale della mia cittadina saprà ispirare qualche mio conterraneo, inducendolo alla realizzazione di un'innovativa opera letteraria...


Antonio Terracciano 10/05/2016 13:01 1 315

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Purtroppo l'uomo non segue più il cuore,
non riconosce i luoghi, dimentica il retaggio
e la memoria. Mi colpisce questo descrivere struggente,
la memoria delle cose ancora nitida ma che presto sara dimenticata.
La cultura in tutte le sue forme, nella poesia, potrà
dare risposta ad un divenire incerto.
Un elogia per questo testo lucido e sincero.»
Eolo

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Interessante: Come cambiano le cose! (Silvana Poccioni)



Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 72 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La parabola (03/11/2017)

Una proposta:
 
La parabola (03/11/2017)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1598 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it