2964 visitatori in 24 ore
 163 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 2964

163 persone sono online
Autori online: 5
Lettori online: 158
Poesie pubblicate: 337’211
Autori attivi: 7’494

Gli ultimi 5 iscritti: Donaldamutt - Mauro Maschiella - BradleySek - giulia4567 - Mirko Vangi
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMidesa Messaggio privatoClub ScrivereMaria Assunta Maglio Messaggio privato ♦ susannaocchiverdiman ca Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Ghione Messaggio privatoClub ScriverePaola Riccio Messaggio privatoClub ScriverePatrizia Cosenza Messaggio privatoClub ScrivereAugusto Cervo Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Ponti

Sociale e Cronaca

Quando, giovane studente, andai a Lisbona perché vincitore di una borsa di studio per l’approfondimento della lingua portoghese, rimasi colpito, fra l’altro, da un bellissimo e moderno ponte sul largo fiume Tago, l’attuale "25 de Abril", o più semplicemente, allora, "a ponte sobre o Tejo", e, con la scarsa diplomazia tipica dei vent’anni, chiesi alla guida, che ci faceva visitare tante chiese, perché non ci portasse nei paraggi di quel ponte e non ci illustrasse le sue bellezze: "Perché non è un’opera d’arte, ma di ingegneria", fu la sua risposta.

Ma il "ponte Morandi", rovinosamente caduto a Genova il 14 agosto scorso, veniva considerato da molti un’opera d’arte: anche per questo motivo, forse, nonostante i suoi tanti problemi si esitava ad abbatterlo, e lo si curava alla stregua della Torre di Pisa...

Un ponte, poi, trasmigra senz’altro nell’ambito artistico e conquista l’immortalità quando ad esempio ad esso si dedica una bellissima poesia, come fece Apollinaire con "Le Pont Mirabeau" di Parigi, sulla Senna.

I ponti possono essere anche immaginari, perché irrealizzabili, presenti soltanto nelle menti di persone sprovvedute, come quello che Masaniello voleva fare costruire da Napoli alla Spagna, dopo essere stato finalmente ricevuto con (falsi) onori dal viceré spagnolo, una volta che fu sedata la sua sommossa (cfr. "Napoli entro e fuori le mura", di Massimo Rosi, ed. Newton & Compton, 2003) .

Come ha fatto notare l’imam di Genova nel suo discorso di commemorazione delle vittime del 14 agosto, la caduta di un ponte non produce solo un danno materiale e non provoca soltanto la perdita di vite umane, ma fa anche un danno morale, perché il ponte è un potente simbolo dei legami tra persone diverse (e non a caso, forse, in portoghese la parola "ponte" è di genere femminile: le donne sono senz’altro più capaci degli uomini di coltivare con intuito, pazienza e perseveranza i rapporti umani) .

Quando, nei primi anni del mio lavoro, andavo ad insegnare in provincia di Caserta, e oltrepassavo in auto, all’andata e al ritorno, qualche ponte sul piccolo fiume Volturno, avevo l’impressione che di qua e di là ci fossero due mondi impercettibilmente diversi, ma legati indissolubilmente proprio da quelle strutture. (Quanto sono stati, invece, per lungo tempo profondamente differenti il mondo francese e quello tedesco, forse anche per la mancanza di un sufficiente numero di ponti sul fiume Reno!)

Ci sono ponti che nascono forti e che durano centinaia di anni, anche con poche cure, ed altri, come il "Morandi" di Genova, che nascono già piuttosto deboli e che, nonostante le attenzioni ad essi riservate, dopo cinquant’anni muoiono, per l’eccessivo carico che sono stati costretti a sopportare.

Non siamo così anche noi esseri umani? Quando incominciai a studiare la letteratura francese, mi impressionò la biografia di Fontenelle (uno scrittore nato nel 1657 e morto nel 1757), che, secondo l’antologia "Lagarde et Michard", "é tait de santé dé licate mais sut si bien se mé nager qu’il vé cut presque centenaire" ("aveva una salute delicata, ma seppe amministrarsi così bene che visse quasi cento anni") : anche il ponte di Genova, se avesse dovuto sempre sopportare il moderato traffico degli anni Settanta, forse ora sarebbe ancora in piedi... Le creazioni dell’uomo, proprio perché le fa l’uomo, sono sempre antropomorfe, sono i nostri specchi, si ammalano di malattie simili alle nostre, e prima o poi vanno incontro alla nostra stessa fine.



Antonio Terracciano 22/08/2018 19:24 1 178

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Penso sia l’uomo ad avere l’ultima parola in queste situazioni, purtroppo, troppo spesso nel male più che nel bene. Ricordo la tragedia tremenda che fu il crollo del monte Toc nella diga del Vajont. In quel caso la diga rimase intatta, un lavoro ingegneristico ineccepibile, ma chi decise, consapevolmente, che quello era un luogo sicuro?»
Marisa Amadio

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Sottoscrivo ogni parola. Ottima riflessione. (Elena Poldan)

Parole sempre sagge quelle del Professore. (Franca Merighi)



Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 76 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Ponti (22/08/2018)

Una proposta:
 
Un pregiudizio (13/06/2018)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1768 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it