3237 visitatori in 24 ore
 278 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3237

278 persone sono online
Autori online: 5
Lettori online: 273
Poesie pubblicate: 343’710
Autori attivi: 7’494

Gli ultimi 5 iscritti: L G - Andreacop - Loreta Carcaterra - GalenBist - Ridgecen
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereLuigi Ederle Messaggio privatoClub ScrivereAntonio Terracciano Messaggio privatoClub Scrivererosa dagostino Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privatoClub ScrivereVito Rizzuto Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

P. trus. nella racconto di Gianbattista Basile 1566 /1632

Biografie e Diari

P. truss. nella

Er’ na vot’ na femm. na prè na chiammata Pascarozia, la qual’ affacciata. s na f. nestr’ ch sbucav’ a nu ciardino’ de n’ Orca, vedd’ nu bellu quadr’ r’ p. trusin’, de lu qual’ l’ venn’ tantu vulì ch’ s. ntev asc. vulir: tantu che nu putenn’ r. sistr, abbistat’ quann’ ascett ll’ Orca, n’ cugliett’ na vrancat. Ma turnat’ ll’ Orca a la cas’ e vulenn’ far’ la sauz, s’ addunaje ca nc’ er’ m. nat’ la fauce, e disse: < M ‘ s’ pozza scat. nar lu cuoll si nce mette mmatt’ stu man. c’ r’ ancin e lu facci p. intir azzos’ impar’ ogn. un a’ magnar’ a lu taglier’ sujo, e nu scucchiariar’ p. le pignat’ r’ autr’>

Ma cuntinuvanno ‘ la povera pren’ a r. scend. r a ll’ uorto, nce fu na matin mattut’ ra ll’ Orca, la qual’ tutt’ arragiat’ ‘ e nf. lat l’ disse: Aggiutence ncappata’, latra mariola! E ch’ n’ pava lu p. son r’ st’ uort ch’ vien’ cu tanta poca dscrizzion’ a’ zppuliar’ ll’è v. r’ meje? Affè,ca nun t’ mannarraggio a Romm p’ p. ntenzia!>

Pascarozia n. gr. cat’ cumm. n. zaje a scusar. s, ricenn’ ca no p’ cannarizia o lopa’ ch avesse ncuorp’ l’ avev c. cat’ lu Riasch. nce a far ‘ st’ arror, ma per ess. r pren, e dubb. tav ch la faccia r’ criatur’ nu nascess’ s. mm. nat r’ putrisin’,anz dovev’ aver, l’ grazia ch’ nun mannat’ quarch’ agliarul’. < Parol’ vo la zite! Rispose ll’ Orca, nun m’ pisch cu sti chiacchr! Tu hai scumput lu stagli r’ la vita si nu prumiett’ r’ dar. m la criatur’ ch farrai, o’ mascul’ o femm. n ch s. sia> La negra Pascarozia, p, scappar’ lu p. ricul dov’ s truvav, nce giuraje cu na man’ ncoppo a’ ll’ autr, e’ cussì ll’ Orca la lassaje scapul’.

Ma v. nut ‘ lu tiemp’ r’ parturir, feec na figliol cussì bell’ ch era na gioia ch’ p’ aver’ ne bella cimm’ r’ p. trusine mbiett’ la chiamaje P. trus. nella, la qual, ogni ghiurn criscenne’ nu parm’, comm fu r’ sett’ anni la mannaje a la majestria; la qual, sempr ch’ glieva p’ la strat, e s’ scuntrav’ cu ll’ Orca, l’ riceva: < Ri a mamm. t ‘ ch s’ allicord’ r’ la mprumess’!> E tanta vote fece stu taluorn, ch la scura mamm, nun avenne’ cchiù cell. vriell’ r s. ntir sta mus. ca, l’ diss’ na vota,: Si t scuntr’ cu la solita vecchia, e t’ cercarrà mar. letta prumess’, e tu l’ rispunn’: Pigliatell!>

P. trusinella, ch nun sapeva la cos, stessa prupost, l’ rispos nnucentemente, comm ‘ l’ aveva ritt la mamma’; e ll’ Orca aff. rrat la p.’ li capilli s’ n’ la purtaje a nu voscio dov’ nun trasevn’ maje cavall’ ru Sol p’ nesse. r affidate a li pascul’ i r chell’ ombra, m. ttenola rinta na torre, che fec nascere per art, senza porta, né scale, sulu cu nu f. n. striell’, p’ la qual’ li capill’ i r P. trus. inella, cher. n luongh’ luongh’,sagliev e scennev comm, comm sol muzzo r’ nave nzartie r l’ arbl’. Or’ success che essenn for r’ chella torr’ ll’ Orca, P. tru. sinell cacciata la cap for d’ chillu p. turtus, e spas li trezze a lu sol, passaie lu figli r’ nu principe lu quale v. renne roje banner r’ or ch chiammavan l’ arm a ed ass. ntar. ss’ a nu rollo r’ Ammore, e mirann’ rinta a chell onn pr. zios na faccia d Sirena, ch ncantav’ li cor’ s’ ncrapicciaje for m. sur r tanta b. llezz; e mannat. lu ’ nu mmuriale d’ suspir, fu decretat ch se l’ ass. ntass a la chiazza a’ grazia soia. E m. rcanzia riuscì d’ maner ch’ lu princip’ ebb calata r’ cape a vasat re man, uocchie a z. nnariell a li, v. renza, ringraziament ‘ a offerte, sp. ranz a prumess’ e bone parol’ a licc. salemm. la qual cos’, cuntinuat p. cchiù ghiurn’, s’ addum. isticar n’ d’ manier ch venn. er appuntament’ r truvar. s nziemm’: la qual’ cosa doveva ess. r la notte, quann la luna ioca pass. ra muta cu li stell, che’ ess avarrì a rat l’ adduormio a ll’ Orca e nu l’ avarria aizat cu li capill.

E cussì r. stat r’ cummegno, venn’ ll’ or’ appuntata, e lu princip s’ cunzigniaje a la torr’ dov’ fatt calar’ a sisc li trezza r’ P. trus. nella’ e aff. rats a ddoi man diss’: < Aize!>; e tirate ncopp, schiaffat. s p lu f. n. striell’ rinta la camm. r, se fec nu pasto r chill p. trusin r’ sauz r’ ammor, e nnant ch lu Sol, mm. zziass li cavall’ suoje p. lu chirchio r’ Zudiaco s’ n calaje p. la medes. ma scala d’ oro a fare li fatti suje. La qual’ cosa cuntinuann spesse vote a far, s’ naddunaje na cummar d ll’ Orca, la qual, pigliann. s lu mbaccio r’ lu Russo,, vos mett. r lu muss’ a la mmerda, e disse a ll’ Orca ch stess’ n. cell. vriell, ca P. tris. nell’ facev ll’ ammor cu nu ciertu gov. n, e susp. ttav ca nun foss. r passat. Cchiù nnanz li ccosa, p. cchè v. rev lu nischiutt e traff. c ch’ s faceva e dubb. tav ch, fatta nu pigliatutt’, nu foss. r sfrattat nant Maggio r’ chella cas. Li LL’ Orca r. ingraziaje la cummar d lu buon avvertiment e disse ca sarria stata p. nzier suoi d’ imp. dir la strat a P. trus. nella; oltr can un er possibb. l’ ch foss pututa fuir per averl fatt nu ncant, che si n’ avevan’ man tra gghiandr annascus rinta a nu trav d’ la cucina, era op. ra perza ch putess sfilà r. nell. Ma mentr’ er n’ a sti raggiungiment, P. trusi. nell, ch stev cu ll’ aurecchio app. zzut e avev quarch suspett r’ cummar, ntese tutte lu trascuorz, e comm la Nott spas li v. stit nir p. cche se cunzurv. asse. r ra li tarme, vnur lu solit princip lu fece saglir ncoppo a li ttrav e truvat li gghiandr, le qual sapenn comm s’’ l’ avevan ad’ operà r, per esser stat fatata all’ Orca, fatt na scal r’ funicell’ s’ nsceser tutt e duje a bascio e cumm. zarn. n’ a tuccar d’ carcagn vers la cetat. Ma essenn vist a l uscir da la cummar cumm, zaje a strillà r, chiammann ll’ Orca, e tanta fu lu strillatorio se scitaje e sntenn ca P. trus. nell se n’ er fuiut s’ ne sces p la medes. ma scala che era ligata a lu f. nestriell, e cumminzaje a corr. r add reta li nnammurat. Li qual’ comm la ve. ddero v. nir cchiù r nu cavallu scapulo a vota lloro, s’ ntennr p. erdut, ma licurdann. s P. trus. nell r’ le tre gghiandr n’ ittaje subb. t una n’ t’ erra, ed eccot sgugliar nu cane curz cussj t. rribb. l ‘ ch’ hu mmamma mia! Lu qual cu tant r’ cann apert’ abbaiann iett ncntr a ll’ Orca p’ s’ nn’ far nu vuccon; ma chell, ch erchiù mal. zios’ r’ Parasacco, puost. s. e man a la saccoccia l’ n cacciaje na panell’ e dat. l’ a lu can l ‘ fece carer la cor’ ammuscià r la furia. E turnat a corr. r add. reta chill ca fuiev. n, P. trus. nell’, vist l’ avvicinar, ittaje la siconna ghiandra, e vecco scire nu f. roce lion, ch sbattenn la coda n’ terr e scutiann’ li crin cu duje palma d’ ccanarone spaparanzat s’ er puost di far scafaccio d’ ll’ Orca. E ll’ Orca turnann arret scurt. caje n’ as n’ ch pascev mmieza nu prat, e’ puost la pell ncopp, corz d’ nuovo ncontro chillu lion, lo qual cr. renn. s ch fosse nu ciuccio ebbe tanta paur ch ancora fuje. P la qual cos’ sautat stu siconne fosse ll’ Orca turnaje a s. cutar chilli pov. r giu. vn, ch s’ entenn lu scarpuniar, e v. renne la nuov l’ r’ porvr ca sauzava a lu cielo, cunnieturar. n ‘ ca ll’ Orca s’ n’ venev r’ nuovo. La qual, avenne semp suspett can u la s. cutass’ nu lion, nun s. aveva luvata la pell r’ ll’ as. n, e avenne P. trus. nell iettat la terza gagliozza n’ scett nu lupo, lu quale senza dar tiemp a ll’ Orca d’ pigliar nuov partit s’ l’ annurcaje comm a nas. n. E li nammurat scenn’ r mpaccio s’ iett. r chianu chian a lu regn r’ lu princi. p, dov’ cu bona licenza r’ lu patr s la pigliaje p. muglier, e pruvar. n ra tante tm. pest r’ travaglie.

Ch’ n’ or d’ buon puort fa scurdar cient’ ann r’ furtuna.

Gianbattista Basile.


Pasquale Lettieri 09/04/2019 10:14 229

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Pasquale LettieriPrecedente di Pasquale Lettieri

Nota dell'autore:
«E’ un breve racconto di Giambattista Basile scrittore napoletano nato a Giuliano nel 1566 e morto nel 1632. E’ scritto in lingua arcaica napoletana.»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Pasquale Lettieri ha pubblicato in:

Libro di poesieFoto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie

Pagine: 200 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-494-6


Libro di poesieSalutiamo Eluana
Autori Vari
Poesie per la morte di Eluana Englaro, dallo Speciale "Salutiamo Eluana"

Pagine: 68 - € 9.53
Anno: 2009


Libri di poesia

Ritratto di Pasquale Lettieri:
Pasquale Lettieri
 I suoi 189 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Acino lo Gnomo (21/12/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Ciuciù (03/12/2019)

Una proposta:
 
Ciuciù (03/12/2019)

Il racconto più letto:
 
Le due Sirene (05/01/2011, 5358 letture)


 Le poesie di Pasquale Lettieri

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it