3326 visitatori in 24 ore
 135 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3326

135 persone sono online
Lettori online: 135
Poesie pubblicate: 358’829
Autori attivi: 7’549

Gli ultimi 5 iscritti: ScottTrunc - Thomasedume - LarryDiulp - BrianDaf - Jamesarorn
Chi c'è nel sito:
Club Scriveremoreno marzoli Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Il paradosso dei libri nella mia biblioteca

Biografie e Diari

Nella mia piccola biblioteca ci sono dei libri morti e dei libri vivi. I libri morti sono quelli che ho finito di leggere da poco o da molto tempo, e i vivi sono quelli sui quali la mia lettura si è fermata a metà, verso la fine o addirittura soltanto all’inizio.

La cosa è abbastanza paradossale, perché di solito i libri letti completamente (talvolta in pochissimi giorni) sono quelli che ho amato di più (potrei dire che la velocità di lettura è spesso direttamente proporzionale al godimento che dà il testo), mentre quelli con un’orecchietta (fatta da tempo immemorabile, a volte, in qualche pagina) sono i libri che meno mi sono piaciuti.

Però resta il fatto che i libri letti completamente sono ormai quasi morti, perché hanno esaurito la loro funzione (ho il difetto di non avere la pazienza di leggere due volte lo stesso volume), mentre quelli lasciati a metà hanno ancora la speranza di essere presi in mano, pensano di avere ancora tante pagine da regalarmi.

Non vale questo anche per le persone che conosco o che ho conosciuto? Non sono esse per me ormai morte se sono convinto di averle lette fino in fondo, di averle giudicate per sempre? (Mi costerebbe troppa fatica rileggerle daccapo e magari, spesso, cambiare le mie idee su di loro; un caso a parte è costituito da quelle pochissime persone che, eccezionalmente, tanto vorrei rileggere, ma non posso farlo, perché si sono allontanate, o perché io ho lasciato che si allontanassero.)

Ma, accanto ai rari individui che ho cercato di leggere del tutto (quelli che più amavo), ce ne sono tanti altri (vicini di casa, conoscenti occasionali, parenti trascurati...) dei quali ho sfogliato solo le prime pagine e che forse non si dispiacerebbero se tentassi di leggerli un po’ di più. Come i libri, però, chissà quanto tempo dovranno aspettare (l’eternità?) prima che li riconsideri, perché, forse sbagliando, ritengo che siano letture poco interessanti, o almeno non confacenti ai miei gusti.

I libri che ho terminato e le persone che ho cercato di decifrare sono morti, ma hanno contribuito alla formazione di una parte di me, e continuano a condizionare parecchi miei pensieri e ad influenzare certi miei comportamenti; i libri e le persone soltanto vagamente decifrati, anche se decidessi, con un grande sforzo di volontà, di dedicarmi a loro, morirebbero senza il piacere di avermi lasciato una qualche eredità...



Antonio Terracciano 25/08/2020 00:57 1 697

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Una descrizione molto interessante e tipica del nostro caro Prof, che chissa perche, e capace di trasformare delle semplici situazioni in cose complicatissime psicologicamente parlando, ma che piacciono, perche impeccabili e ben scritte come sempre. Complimenti! (Chiedo scusa ma ho dovuto togliere tutti gli accenti per evitare che si trasformassero come sta succedendo nel sito)»
Franca Merighi

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 100 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il futuro del calcio (13/01/2023)

Una proposta:
 
Il futuro del calcio (13/01/2023)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 2443 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2023 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it