3’864 visitatori in 24 ore
 203 visitatori online adesso




Pubblicare poesie Pubblicare poesie
Pubblicare poesie

Menu del sito

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Delusione Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Illusione Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Terra Tristezza Uomo Vento Vita


Visitatori in 24 ore: 3’864

203 persone sono online
Autori online: 2
Lettori online: 201
Ieri pubblicate 50 poesie e scritti 15 commenti.
Poesie pubblicate: 335’101
Autori attivi: 7’478

Gli ultimi 5 iscritti: Fabert - Massimo Bellini - MarioE - KristanDal - bibibi6662
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereDanilo Tropeano Messaggio privato ♦ Giuseppe La Marca Messaggio privatoClub ScrivereDelfina Andolfi Messaggio privato ♦ Alessandra Tessarin Messaggio privatoClub ScrivereLia Messaggio privato

SpiegaAutore della settimana
Saverio Chiti


“ Gli uomini stolti si perdono ai confini della ragione, e spesso è nella follia, che trovano...(continua)

autore della settimana Le sue poesie


_



Seguici su:



Luglio 2018  
do lu ma me gi ve sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Raccolte di poesie Raccolte di poesie
Spunti di vita di poeta per te zaza
Afflati di Felice Serino
Poesia a tema di Vivì
Haiku di Maria Luisa Bandiera
Haiku, Tanka e ... volo libero di Salvo Scamporrino

SpiegaPoesie riproposte
Il tempo che passa di Antonella Garzonio
Amore mancato di Sara Acireale
L'attimo immortalato di Nadia Mazzocco
Girotondo di paolo corinto tiberio
Quartina di paolo corinto tiberio
Puerizia di paolo corinto tiberio
Il respiro della terra di Melina Licata
Come cerva alla fonte di valentinatortora
Leggenda antica di Alboraletti Enrica
Profumi e odori Sicilia mia di Rosaria Catania

I 10 autori più recenti:
Poeta Fabert: 1 poesie
Poeta Anais: 2 poesie
Poeta bdd: 1 poesie
Poeta Fadda Tonino: 3 poesie
Poeta Stefano Panozzo: 4 poesie
Poeta Gabriella Giusti: 3 poesie
Poeta gigiemme: 2 poesie
Poeta DomenicoBerardi: 4 poesie
Poeta Cercatore di conchiglie: 2 poesie
Poeta Adriana Bellanca: 6 poesie

Autori del giorno
Autore del giorno ilaria montali
(31 Luglio 2018)
Autore del giorno Lidia Filippi
(30 Luglio 2018)
Autore del giorno El Corripio
(29 Luglio 2018)
Autore del giorno Marcello Abela
(28 Luglio 2018)
Autore del giorno Maria Ligorio
(27 Luglio 2018)
Autore del giorno Desireè Nigito
(26 Luglio 2018)
Autore del giorno Teone
(25 Luglio 2018)

Autori del mese
Autore del mese Giovanni Chianese
(Luglio 2018)
Autore del mese Amara
(Giugno 2018)
Autore del mese Giovanni Monopoli
(Maggio 2018)
Autore del mese Nunzio Buono
(Aprile 2018)
Autore del mese Mariasilvia
(Marzo 2018)
Autore del mese Azar Rudif
(Febbraio 2018)






Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale
Pubblicare poesie L'autore del mese:

Trovati 216 commenti di Mina Cappussi

Commento n° 216
«Ironia della sorte, ironia della mente... giocare con le parole significa avere lo sguardo lungo di chi gestisce fonemi, rime, allitterazioni, rimandi celati da affanni»
Inserito il 01/08/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Ironica... mente" di Peppe Cassese  

Commento n° 215
«Le parole sono pietre, addirittura macigni, e hanno una loro autonomia emozionale. Antonella B antoequi sceglie il linguaggio criptico giocando sull’eleganza fonetica per regalare un’anima ad ogni parola, anche quella “sempre in ritardo”, “che cerca credito” e che, “nonostante tutto rimanga pietra”. La parola che, lungi dall’essere solo fonema, si fa cuore promotore di incontri, investigando sul senso dell’assoluto e puntando all’ideale di perfezione, che tende naturalmente all’immortalità.»
Inserito il 10/06/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Che rimanga pietra" di AntonellaB antoequi  

Commento n° 214
«Le ore battono ritmando i versi di Stefano Canepa che scrive la “ballata di un uomo morto” centellinando le parole che “scorrono lente come le ombre della sera”. Un sentire atroce di dolore per il “declino di un tempo malato” che accompagna le ombre della notte. E’ un momento magico, questo, in cui i sogni prendono forma e le pareti sembrano “chiudersi nell’eterno oblio del nulla”. Ritmo ansiogeno in cui la morte fa capolino di continuo, giunge alla disperazione di “corde strette intorno al collo” nel nauseante distacco dalla vita, che spegne le sue ultime luci nel buio del nulla.»
Inserito il 28/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia ""Battono le ore"" di Stefano Canepa  

Commento n° 213
«"Barca capovolta, così mi sento". E’ nella chiusa il cuore di questi versi il cuore doloroso della riflessione»
Inserito il 11/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Cosi mi sento" di emiliapoesie39  

Commento n° 212
«Soave nella sua veemenza, questa lirica ci restituisce l’animo volitivo e disilluso di Pierfrancesco Roberti, che si fa osservatore esterno di una società di superficie, di “vite gettate”, “nulla quotidiani”, “anime di latta” e “stupidi burattini” che interpretano ruoli di commediucole di quart’ordine sul palcoscenico delle finzioni. Sono “vuoti a perdere” gli spezzoni di esistenze che interagiscono come automi, tra desideri compressi e spettacoli da bon ton. I vent’anni di chi crede nei sogni parlano con le stelle e sussurrano speranze…»
Inserito il 11/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Avere vent'anni" di Pierfrancesco Roberti  

Commento n° 211
«Il disgregarsi delle cose provoca spesso sentimenti di malinconia, perché ci riporta, in qualche misura, alla caducità della vita. “Là fuori non ci sono più sogni” urla Stefano Caneva, il quale ci regala un’immagine di rara bellezza formale: “Qualcuno ha dimenticato di accendere le nuvole” sottolineando che “prima che sia aurora spegnerà le ferite”. Stefano anela il silenzio, come nuova promessa salutandoci con un auspicio criptico “E spargere le rovine di strada”.»
Inserito il 09/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia ""Rovine"" di Stefano Canepa  

Commento n° 210
«Sapiente mistura di parole, quella di Saverio Chiti, che fa una telecronaca emozionale di un “lussurioso mattino dove il cielo di noi ora si scioglie nel mare”. Tutto parla di sole, di cielo e di mare, per una direzione obbligata “verso bollente essenza di vita”. Il poeta è rapito dall’intensità del momento, e chiude con un atto di umiltà e di abbandono. “Deciso è il nostro transito a cui oggi mi inchino”»
Inserito il 09/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Rovente calura" di Saverio Chiti  

Commento n° 209
«Eleganza briosa del verso che si fa musicale a tratti»
Inserito il 07/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Triste mélamcolie" di Josiane Addis  

Commento n° 208
«Una lirica ironica, e allo stesso tempo una lirica di cronaca: semplice, diretta, a tratti dura, di un parlottio di superficie che esalta la stoltezza in nome di un like.»
Inserito il 07/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Idiozie" di Galante Arcangelo  

Commento n° 207
«Un amore che esplode in versi dal ritmo musicale e sembra l’espressione lirica dell’amor cortese, dove la donna amata diviene figura idealizzata e quasi mitica. Vito Marco Giuseppe ci regala squisiti tratteggi di sentimento»
Inserito il 07/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Lei è un fiore, elisir d’amore" di Vito Marco Giuseppe  

Commento n° 206
«Desiderio n. 1: essere acqua. Dopo vengono altri centoventidue desideri. Essere acqua è, per Silvio Ottaviano, un modo per rendersi invisibile, per essere mare, per confondersi con le lacrime e con le nuvole. Ma è anche un modo per fondersi con la persona amata che, come ogni essere umano, il cui corpo è composto dall’ottanta per cento di acqua. E l’anima? Di quale sostanza è fatta l’anima? Ottaviano non lo dice»
Inserito il 04/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Le cose che so di me" di Silvio Ottaviano  

Commento n° 205
«Ritratto impietoso, eppure così umano, della passione per il calcio. Qualcosa che va ben oltre lo sport, che diventa metafora di un malessere compensato con l’idolatria che trasforma le persone, e persino i "cristiani".»
Inserito il 04/05/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Lu tifosu du palluni" di FedericoCalderone  

Commento n° 204
«Il viaggio è il tema centrale della lirica di Galante Arcangelo, il quale cattura “le speranze di chi costretto è a partire senza indietro potersi voltare”. Un movimento continuo, quello dell’umanità, incessantemente sospinta dai moti della coscienza verso dimensioni altre. “Il viaggio inizia per un dove non definito; in un rotolo di documenti” perché diviene un fatto burocratico il bisogno di muoversi, di trovare un futuro migliore. E’ la storia di milioni di italiani costretti ad emigrare; è la storia, oggigiorno, di tanti migranti che partono all’avventura…»
Inserito il 02/04/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Straniero" di Galante Arcangelo  

Commento n° 203
«Vestita di pensieri arriva la donna amata. Anelito profondo che supera la facciata di superficie di un istinto animale per desiderare la fusione completa nell’amore»
Inserito il 02/04/2018 da Mina Cappussi alla poesia "L’incontro" di santo aiello  

Commento n° 202
«“Lontani sono i giorni del dolore e della solitudine – scrive il poeta - come il pianto e le lacrime versate sul volto di ossidiana, a purificare un peccato d’amore mai commesso”. L’amore non ha peccati, infatti, quando anima il cuore e spinge la Vita. “Metamorfosi di amante sei al mio fianco” prosege Eolo nel suo lucido manifesto d’amore che prende a modello il celebre dipinto di Leonardo da Vinci “La dama con l’ermellino”. E ricorda “le rincorse verso la vita”, i “sussurri colorati di bisbigli”, cieli di magenta “e cantilene di parole tra i silenzi”. Cantico d’amore, senza tempo.»
Inserito il 02/04/2018 da Mina Cappussi alla poesia "Furetta" di Eolo  

Commento n° 201
«La terra diviene linea di demarcazione tra cielo e mare “tra evanescenze e silenzi, tra mura diroccate di retaggio antico impresso nel cuore”. Una lirica fortemente evocativa che sa di sale, di mare, di tempeste e di preghiere. Un close up sul “movimento frenetico delle mani” che intrecciano sudore; sugli “occhi di donne, profondi, dal colore intenso, dalla forma irregolare di mandorle amare. Un cantico che sa di antico, che ferma il respiro su gesti ripetuti e paure ataviche del non ritorno, del periglioso viaggio per mare. Mina Cappussi»
Inserito il 22/10/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Borghi marini" di Eolo  

Commento n° 200
«Tripudio di colori, che si vestono di emozioni in un'atmosfera da fiaba di cui diviene filo conduttore il cantalenante verso in rima. Ricorda le filastrocche dell'infanzia, questa lirica di Giuseppe Cassese che indaga la magia del bosco fuori e dentro di noi in una sorta di matrimonio mistico con la natura»
Inserito il 25/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "La foresta e la sposa" di Peppe Cassese  

Commento n° 199
«Peppe Cassese ci sorprende ancora, con questa lirica che profuma di sogni e zucchero filato, che racconta di una casa dei sogni tenuta in cielo da cinquanta palloncini. Nella bellezza delle meraviglie che la casa riserva, il poeta riserva un posto a “bambini dispersi e perduti, di tutte le razze, dall’odio tessuti, con gli occhi cuciti, le mani legate, lasciati e smarriti dall’uomo quaggiù”. Un riferimento forte, duro, terribile, all’assurdità delle guerre, all’ignominia delle violenze. Ma è una parentesi, per regalare ali di luce ad un sogno di “colori brillanti e vivaci”, di “stanze lucenti”, “prati e giardini ridenti e fioriti, con l’eccezione di una “lingua che grida il suo blu”»
Inserito il 11/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "La casa dei sogni" di Peppe Cassese  

Commento n° 198
«Criptismo solipsistico intriso di classicismo quello di NegliocchiDesiderio, che dipinge “nubi, in vortici da sacre ombre, che sfidano l'Ego con uno strato scuro”, quasi un diapason emozionale che collega la natura con il Sé. “Di mute nuove, errando, se non d'Amore screzio lo sguardo e i riflessi rivolgo alle vesti”, quasi ad esorcizzare un vissuto raziocinante che si fa estasi quando “indulge la ragione e inclina il fianco al certo” perché “in quella vastità d'istanti, i dèmoni dardeggiano perversi in controluce”. E’ l’archetipo dell’abisso in fondo ad ognuno di noi che viene a galla frammentando l’io.»
Inserito il 11/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Spiriti di sentinella per strani passatempi" di negliocchiDesiderio  

Commento n° 197
«Sensualità che trasborda da ogni verso, che colora ogni parola, dove il piacere “imperla la pelle e scivola in basso”. Ed è poesia il rimando di Giacomo Scimonelli che racconta della “danza di dita complici che accende il fuoco”, di “labbra che bagnano il contorno dei desideri”.»
Inserito il 11/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Urla il tuo corpo" di Giacomo Scimonelli  

Commento n° 196
«Eco bambina, quella di Peppe Cassese, che sembra raccontare, sulle ali dei ricordi, la casetta dell’infanzia costruita dal papà e al “meglio amico” di questi, con un dialettismo che rende il verso più pieno e lo avvicina al lettore, già calato nell’atmosfera magica del mondo bambino. Il poeta si vede piccino, scrive completamente catapultato in quel mondo lontano che affiora concreto e tangibile. Torna l’adulto nel finale: archiviati i ricordi dorati dell’infanzia, la casetta si rivela una proiezione mentale, accarezzata e sognata nell’intima profondità dell’essere: “Questa casetta che è soltanto mia/ è dentro la mia testa: che magia!”»
Inserito il 11/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "La mia casetta" di Peppe Cassese  

Commento n° 195
«Il tempo si ferma nelle propaggini della coscienza che cristallizza momenti ed emozioni»
Inserito il 03/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Ore cristallizzate" di Ventola raffaele  

Commento n° 194
«Criptica e allettante la poetica di Tristano, che ricusa l'alloro per tornare a raccontare il mondo»
Inserito il 03/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Non un poeta" di Max Ray Springsteen  

Commento n° 193
«L'amore corre sul filo del tempo raccontando brandelli di sogni. Bella l'immagine di Pino Gaudino, di quelle panchine che parlano la lingua degli innamorati»
Inserito il 03/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Impossibile non amare il ricordo" di Pino Gaudino  

Commento n° 192
«L'abilità nel raccontare con parole nuove, da una diversa visuale, la speranza del mondo»
Inserito il 03/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Cosa di tutti" di Antonio D’Auria  

Commento n° 191
«“Altro tempo m'attende per tuffarmi nei sogni”. Umberto de Vita racconta per immagini poetiche il susseguirsi delle ore e dei giorni, soffermandosi sul crepuscolo, “l'ora mistica della penombra” che annuncia “il fascio della notte”. E’ la fotopoesia quella che snocciola incanti impregnati nel tempo, frammentando la realtà e ricostruendola, pezzo pezzo, nella geografia del sentire.»
Inserito il 03/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Nell’ora mistica della penombra" di Umberto De Vita  

Commento n° 190
«Coinvolgente e totale, l’amore tratteggiato da Santo Aiello, che esprime il sentimento sublime che si nutre di argomentazioni impossibili. “Se io non esistessi e tu, non esistessi” è l’incipit che abbassa la guardia della mente per cedere il passo alla meraviglia del cuore. Amanti che sono memoria d’acqua dentro i ghiacci, alberi senza radici “che bevono il cielo”. “Se io non esistessi – incalza il poeta – sarei uno dei tuoi pensieri” e s’innesta il dialogo immaginario, mentre il ritmo si fa pressante. “SE tu non esistessi io ti avrei già creato in una notte folle”.»
Inserito il 02/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Se" di santo aiello  

Commento n° 189
«Misura attentamente il livello poetico, Barba, che gioca sapiente con le parole, ad evocare emozioni e soffusi sguardi di sé, nell’immagine che racconta “il fango sulle ossa, la radice che si spezza”.»
Inserito il 02/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Per sempre, mai" di Barba  

Commento n° 188
«Guardare dentro di sé e ritrovarsi, all’improvviso, oltre gli inganni, scrostando il superfluo “tra le pieghe di fogli colorati a matita da sogni”. Claudio Giussani scrive sull’onda delle emozioni che scorrono copiose, laddove l’incontro con se stesso ha generato mostri, ormai cancellati»
Inserito il 02/06/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Ritagli di poesia" di Claudio Giussani  

Commento n° 187
«Lasciarsi andare, affidarsi, perdersi e ritrovarsi. E’ questo il senso della lirica di Josiane Addis, che ha intravisto una presenza angelica a proteggerla. Una presenza lieve, “gioiosa lacrima di perle” che estingue dolori, ricama l’anima, ospita la vita.»
Inserito il 29/05/2017 da Mina Cappussi alla poesia "Angelo Vero" di Josiane Addis  

Successivi 30

216 commenti trovati. In questa pagina dal n° 216 al n° 187.



Lo staff del sito
Poesie su Internet
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore - Cookie policy
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .


Copyright © 2018 Scrivere.info Poesie Poesie erotiche Poesie d'amore Nuovi poeti Poesie scelte Poesie sulle donne AquiloneFelice.it