3’208 visitatori in 24 ore
 238 visitatori online adesso




Pubblicare poesie Pubblicare poesie
Pubblicare poesie

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Delusione Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Illusione Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Memoria Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Tristezza Uomo Vento Vita


Visitatori in 24 ore: 3’208

238 persone sono online
Autori online: 2
Lettori online: 236
Ieri pubblicate 23 poesie e scritti 35 commenti.
Poesie pubblicate: 344’620
Autori attivi: 7’485

Gli ultimi 5 iscritti: Rosanna Giordano - Alexakits - Mixnag - Annacow - BrucePralk
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereLuigi Ederle Messaggio privatoClub ScrivereAnna Maria Cherchi Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura

_



Seguici su:



Gennaio 2020  
do lu ma me gi ve sa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27

Raccolte di poesie Raccolte di poesie
Sogni e segreti di Salvo Scamporrino
Vita trasversale di Felice Serino
Lei di Berta Biagini
Abbasso gli artifici di poeta per te zaza
Crónicas di Arelys Agostini

SpiegaPoesie riproposte
Crune di Lia
Dove volano gli aquiloni di Vivì
L’indifferenza di Giuseppe Mauro Maschiella
Shoà di Stefana Pieretti
Il Violino di Auschwitz di Duilio Martino
43... 40... 71...(numeri scelti non semza ragione) di Peppe Cassese
Orizzonte di Carmine Ianniello 1
Legami e legami di Antonio Terracciano
Le bianche parole di Antonella Garzonio
Baishù 11 di Sara Acireale

I 10 autori più recenti:
Poeta Tedesco Vito: 1 poesie
Poeta Josh Merak: 2 poesie
Poeta France52: 1 poesie
Poeta Loreta Carcaterra: 11 poesie
Poeta Artfol: 3 poesie
Poeta Rosalba Fieramosca: 6 poesie
Poeta Marinella: 1 poesie
Poeta oikosmm: 1 poesie
Poeta giuseppe palumbo: 2 poesie
Poeta Patrizia Savi: 1 poesie

Autori del giorno
Autore del giorno Lara
(30 Aprile 2019)
Autore del giorno Demetrio Amaddeo
(29 Aprile 2019)
Autore del giorno Danilo Tropeano
(28 Aprile 2019)
Autore del giorno Lara
(27 Aprile 2019)
Autore del giorno Francesco Rossi
(26 Aprile 2019)
Autore del giorno Mauro Santi
(20 Marzo 2019)

Autori del mese
Autore del mese Silvia De Angelis
(Giugno 2019)
Autore del mese Amara
(Maggio 2019)
Autore del mese Saverio Chiti
(Aprile 2019)
Autore del mese Franca Canfora
(Gennaio 2019)
Autore del mese Andrea Palermo
(Dicembre 2018)
Autore del mese Cinzia Gargiulo
(Novembre 2018)






Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale
Pubblicare poesie

Trovati 177 commenti di Sanzi

Commento n° 177
«Ho l’impressione che anche visivamente la poesia suggerisca un moto interiore, che inizia essenziale (i primi tre versi), ha come un ampliamento (dopo, piuttosto che prima) nei due versi più lunghi (quarto, quinto) e poi ha una conclusione di nuovo breve nel sesto, un verso poetico (mi invento un sorriso), una chiave di lettura nell’ultimo verso, che aggiunge un tratto marcato al colore bianco del silenzio precedente (penultimo verso), più o meno queste le impressioni ricevute... Breve, perfetta, a più letture.»
Inserito il 25/09/2018 da Sanzi alla poesia "Sera" di wilson  

Commento n° 176
«C’ è la bellezza dell’arte (blu assoluto...) che fa la storia davvero e il paragone va al presente, sarebbe possibile toccare almeno un po’ quel blu ma è una cosa che accade di rado, tuttavia sarebbe possibile, è questo che rende drammatica la storia. Mi piace questo parlare per via traversa, indiretta, dell’altezza, diciamo così»
Inserito il 20/07/2018 da Sanzi alla poesia "Cieli" di hy ju  

Commento n° 175
«Mi limito ai suoni, nella prima parte c’ è l’allitterazione della s (non è soft), poi della t, forse perché questo suono culmina nel verso 11 - tu-, un verso che resta impresso. La parte successiva è molto scorrevole, i suoni sono armonici, come a dire la naturalità di cose non tanto naturali, così come società ci siamo ridotti e nell’ultimo verso ritorna l’allitterazione della s (cioè si sente), come sopra.»
Inserito il 29/06/2018 da Sanzi alla poesia "Una vitaccia" di M Aprile  

Commento n° 174
«E’ sempre difficile provare a cogliere un testo soprattutto se complesso. Ci si trova di fronte alla presenza di due persone, da una parte una fretta o un dinamismo che lascia una traccia come una scia densa( v. 3), la tendenza/capacità di osservare dall’altra, poi una pausa (v. 10, a metà del testo) e dei versi enigmatici di cui mi resta l’impressione un po’ inspiegabile che l’argento (...uno scintillìo prezioso) sparisce da una parte, riappare come carta lucida da un’altra (anche se buttata via) ma sia come una parola chiave, sia in chi scrive che nel rapporto che viene abbozzato, apparentemente un non esserci e esserci improvviso come i bagliori e, sempre, le due personalità, una più evidente( v. 15- 18),l’altra altrettanto( la scrittura...)»
Inserito il 27/04/2018 da Sanzi alla poesia "A" di Karapet  

Commento n° 173
«...quando il passato, il presente e il futuro sembrano coincidere o potersi unire in uno significa che c’è qualcosa di speciale, qualcosa che resta, nonostante tutto della nostra vita sembri transeunte, effimero, qualcosa può restare»
Inserito il 08/11/2017 da Sanzi alla poesia "Un senso" di hy ju  

Commento n° 172
«L’autore dice dove non sarà, sono immagini opposte (fango- limpidezza estrema, nell’aria rarefatta), lei invece potrebbe essere in una situazione in movimento, nell’incalzare drammatico, in mezzo a un mulinìo di cose pesanti e leggere che si perdono e si salvano, davvero una immagine intensa... e in quelle acque decidendo lei (l’azione, la responsabilità di sé) la o una persona amata può vederla arrivare... credo si tratti di un posto un po’ particolare, quello. Immagini naturali forti per uno stato d’animo altrettanto potente. Bellissima poesia.»
Inserito il 18/10/2017 da Sanzi alla poesia "Alla fine" di Amara  

Commento n° 171
«...mi piace molto in questo testo la fusione tra la natura, la realtà naturale della vita, diciamo così, e l'introspezione, i pensieri. La trovo una strada interessante da percorrere per un poeta... apprezzata»
Inserito il 30/08/2017 da Sanzi alla poesia "Così" di Zev  

Commento n° 170
«La poesia si dispiega affascinando con le sue parole, densissima, c'è una storia dentro, forse più di una, lo si avverte se uno non si fa distrarre dalla bellezza dei vocaboli (intendo dire non tanto la bellezza estetica ma che c'è la parola giusta nel posto giusto, non so dirlo meglio) e la fine ai sembra lieve, come sorvolando, ma è molto amara dato che si può immaginare di cosa si parla... può essere che sia un incontro fortuito, chissà, di uomini brutti, chissà, certo i versi rispetto alla realtà sono come quando l'acqua è rimescolata, c'è sabbia, alghe, acqua cristallina anche se non sembra, i versi sono la possibilità di vedere la limpidezza, non sempre presente, o assente da anni, la bellezza nel disordine, la verità nel piccolo»
Inserito il 16/07/2017 da Sanzi alla poesia "Bologna, forse il millennio scorso" di M Aprile  

Commento n° 169
«Alcune parole spiccano di più, nel titolo la parola "vecchio", il termine spigoli e armadio -chiuso-, in mezzo al testo il termine "risveglio" (sia pure circoscritto da -misera rima-), la parola "insultare", il termine "respira". Ci penso perché oggi leggevo un discorso sul lavoro che si fa con le parole in poesia, dove le si va a prendere (il limitare tra dicibile e indicibile, luce e oscurità in tanti sensi ecc.), quanto costano, e cose così, poi le parole tendono a restare in qualche tasca oltre che nella testa del lettore»
Inserito il 23/06/2017 da Sanzi alla poesia "Se fossi il vecchio che sono" di M Aprile  

Commento n° 168
«vado da un punto all'altro, non c'è mare, le cose immense; dove nessuna parola torna indietro...; il collo...; davvero stupenda la strofa finale. Poesia strana e bellissima»
Inserito il 28/02/2017 da Sanzi alla poesia "Non c’è mare" di Amara  

Commento n° 167
«leggendo il v. 10- 11 mi è venuta in mente la poesia di Ungaretti... bosco cappuccio ha un declivio di velluto verde... però lui poi ha scritto tanto, ha vissuto tanto, tornato dalla guerra»
Inserito il 24/01/2017 da Sanzi alla poesia "Fine gennaio, ma non conta" di Nicky Lismo  

Commento n° 166
«ci sono momenti della vita in cui si è avvolti da un deserto scoraggiante e fa male, altri momenti in cui lo sguardo è dentro una complessità tale (e la profondità) da vacillare, in ogni caso fa male anche quello... la vita è difficile ma bella... parole che ho sentito una volta, chissà se il poeta le ascolterà anche lui come me un po'... in sospensione...»
Inserito il 24/01/2017 da Sanzi alla poesia "Non esiste niente" di Demetrio Amaddeo  

Commento n° 165
«Credo che -di traverso- che accomuna le tre strofe (perché l a prima in realtà sembra divisa in due) sia una dichiarazione di poetica e, forse, di vita, o un accento che ritorna. Nella prima strofa c'è l'immensamente grande e un a fuoco su qualcosa di "piccolo" (Gatto), nella seconda strofa una fotografia di cui non si possono dire le "dimensioni", si muove tra "piccolo" e "grande" e la poesia finisce ad anello ma intanto è successo tutto, c'è una storia che vive e nell'animo del lettore sia un senso doloroso che vivo, perché il riferimento finale all'universo anche se -continua il ronzio per suo conto- dà molto respiro. Bella... veramente bella»
Inserito il 13/11/2016 da Sanzi alla poesia "Tre cose" di marco sette  

Commento n° 164
«C'è la notte, l'odore di sigaro anche se forse è un'altra cosa, le domande e i pensieri che sempre accompagnano i fumatori quando fumano, il verso 8 non sono sicura di averlo interpretato bene, la sua fine e la possibilità che si apre... qui le immagini, gli odori, l'interiorità e le sorprese si sono legati insieme e a me la poesia piace»
Inserito il 02/11/2016 da Sanzi alla poesia "Possibilità" di hy ju  

Commento n° 163
«Veramente molto bella la poesia; forse c'è una dolcezza speciale nel dire -sono io-, anche ciò che è più difficile o terribile nel dire -sono io- è costretto a venire un po' a patti con quella dolcezza, come un ritorno, questa l'impressione»
Inserito il 14/09/2016 da Sanzi alla poesia "Sono io?" di Giovanni A  

Commento n° 162
«Si dice che il mare simboleggi la madre, chissà; anche dopo però c'è un riferimento al mondo matriarcale (-delle dee della terra-)»
Inserito il 12/08/2016 da Sanzi alla poesia "A cercarti" di Giorgia Spurio  

Commento n° 161
«L'idea del testo è espressa nel verso 8, che per me è una strofa -la quarta- da solo, una frase breve e densissima e poi nella quinta strofa; la parola finale, assente, è come una delle due oscillazioni del pendolo, tra corpo / assenza, come se i ricordi non fossero anche loro corpo. Molto bella...»
Inserito il 08/07/2016 da Sanzi alla poesia "Straniati" di Amara  

Commento n° 160
«Dopo la densità e la pienezza incalzante dei primi undici versi, che descrivono il Luna- park, c'è come una pausa lirica, si sente veramente la calma della notte e come uno stacco, per poi brevemente ri- immergersi nel mondo del Lunapark ma attraverso una voce (v. 12- 13), ormai siamo lontani e questa distanza che è fisica ma la sento anche dell'animo almeno un po', a un tratto dà l'immagine del paese, in poche parole, netta e che viene più dal tra le righe che dalle parole dette e questo dato introspettivo è importante e alla fine ha anche un che di enigmatico che l'autore sa, il lettore non può saperlo. Non so se il luogo è reale o immaginario, sembra reale. Molto interessante»
Inserito il 08/07/2016 da Sanzi alla poesia "Luna- Park" di POMODORO Vito Giovanni Sergio  

Commento n° 159
«L'ho riletta. ...è che si vorrebbe morire prima di dire a un sogno che non è riuscito, così di fronte a una forza quasi niente ancora uno ci vorrebbe provare, anche in faccia all'evidenza, a dire no, non è morto perché è meglio stare in compagnia di un sogno mezzi morti che senza. In realtà qui l'autore descrive uno stato, come lo capisco. Rileggere la poesia in un altro momento è... il testo lo si guarda da un altro punto di vista. Una poesia che fa molto pensare»
Inserito il 07/06/2016 da Sanzi alla poesia "Mentre morivo" di M Aprile  

Commento n° 158
«... tento un commento... nella prima strofa si parla delle parole, sono misteriose perché lo è ciò che esprimono (implica geroglifici...) e poi viene la poesia (cerchi...) anche se il verbo sembrare mi colpisce, quasi a voler dire che nel mistero è un tentativo, il verso, può intrecciarsi verità e apparenza magari... se viene una anabasi... c'è un viaggio, una creazione forse nell'immenso fragore anche se uno è un granello o forse proprio per questo, chissà... a questa dolcezza a volte si contrappone la terza strofa (catabasi...) che ha delle allitterazioni (r, c duro...) però c'è lo stesso anche lì il tocco leggero della brezza, così lungo che può raggiungere anche la parola non detta, magari fra le righe e fa da canoa, cioè ti conduce... bella»
Inserito il 01/06/2016 da Sanzi alla poesia "Vento d'anabasi e granelli" di Lia  

Commento n° 157
«(Concisa) descrizione e introspezione si fondono in una mescolanza del tutto personale e spesso inaspettata che sembra simile a un colpo non duro, non morbido, forse indecifrabile»
Inserito il 07/05/2016 da Sanzi alla poesia "Primavera" di Roger Goetz  

Commento n° 156
«...sento che il testo scorre come un'onda, la musica si avverte per alcuni versi, poi fa una pausa, poi riprende la musicalità... però gli apici lirici se posso usare il termine (cioè i contenuti più alti o che il lettore sente così) mi sembra siano in quelle pause... -sarò solo povere, / i fogli sparsi con le cose scritte-, -ma la mano si immerge... non è mai lo stesso-, -questa era mia nonna!- e poi i bei versi finali, poesie, rose, fotografie dove i due ritmi si fondono (più piano e più musicale); una poesia che ti tocca (tu generico) ma senza farti accorgere subito... bella»
Inserito il 23/04/2015 da Sanzi alla poesia "Un giorno" di Anna Maria Cherchi  

Commento n° 155
«...è come una storia, a volte seguo il suo filo, a volte è come se cadessi o mi perdessi ma se rileggo allora magari poi credo di averne capito meglio il senso e non ho più la sensazione di oscillare anche se la poesia lo è sempre, un movimento tra capire e non capire (del tutto)... la 1 strofa descrive qualcosa di personale; la seconda è chiara, ho anche pensato una cosa mia (i versi che ti fanno pensare...), il v. 11 è importante... come anche altre cose che le due successive strofe dicono...; dalla strofe centrale in mezzo alla poesia che è ripresa dal titolo è un altro discorso, come quando cambia l'aria dalla pianura alla montagna, è diversa; parla un po' la filosofia/introspezione qui... questa lunga verticale strofa e la seguivo poi sem»
Inserito il 22/04/2015 da Sanzi alla poesia "Oppure il buio" di hy ju  

Commento n° 154
«a essere sinceri anche se è vero che il fulmine che cade è difficile da evitare, chi può lo eviti... da piccoli (bambini) è più difficile»
Inserito il 27/12/2014 da Sanzi alla poesia "Mutazione" di AntonellaB antoèstataqui  

Commento n° 153
«La poesia mi piace molto... trovo parecchi versi molto interessanti e mi piace anche l'alternarsi di descrizione e introspezione, cioè di versi non descrittivi che sono semplici e perfetti, proprio lì dovevano essere, così come sono. Provo ammirazione per questo testo, forse darei uno sguardo a qualche rima, alcune le lascerei, qualcuna no, per un fatto di equilibrio tra l'esserci (rima) e non esserci, anche perché è una strada intrapresa dall'autore stesso, non le ha volute ovunque, ma non so bene, perché i lettori in genere possono vedere solo una piccola parte del significato di un testo... molto bella»
Inserito il 30/11/2014 da Sanzi alla poesia "Il pastore" di lucio lucentini  

Commento n° 152
«... la poesia anche se alcuni aspetti e passaggi non si possono capire non dà l'impressione di un testo ermetico, i versi 4- 7 (faccia... asimmetria, unica opera mortale...) mi hanno fatto pensare alla coscienza della propria particolarità-differenza, che è quello che è, spesso un peso e anche qualcosa che cela segreti, anche gli ultimi versi (lo spazio- un deserto) sono... nei versi 13- 14 c'è un modo di dire le cose sempre denso, con ironia, ogni tanto c'è nei versi, intermittente, e è anche la cifra di uno stile. Questa densità fa parte della -asimmetria-? Non lo so io, domande universali, volendo. Bella.»
Inserito il 05/11/2014 da Sanzi alla poesia "L'aspettatore" di M Aprile  

Commento n° 151
«è meglio non nominarlo, si manifesterà solo di fatto, però, penso, il problema è QUELLA sensazione»
Inserito il 19/09/2014 da Sanzi alla poesia "Distanza di sicurezza" di Amara  

Commento n° 150
«La poesia sembra divisa in due (forse lo è...) prima, il mondo bambino, poi come dice l'autore stesso degli adulti -noi, ...- infatti nella seconda parte l'atmosfera cambia, è diversa... la prima è una prova singolare di gioia, da tanto non la incontravo, non la leggevo così... dopo c'è un sentore di qualcosa di più... serio e complesso. Mi piace molto la prima parte... la tengo. Bella»
Inserito il 09/09/2014 da Sanzi alla poesia "Tu sei qui" di Giorgia Spurio  

Commento n° 149
«Molto apprezzata, bella, soprattutto la seconda parte... mentre pensavo un po' sul -nemmeno le parole...- mi sono sorpresa a pensare che appunto quando un testo suscita riflessioni significa bene qualcosa»
Inserito il 06/09/2014 da Sanzi alla poesia "Linea di nero" di Rita Stanzione  

Commento n° 148
«...nei commenti si possono scrivere alcuni spunti di (della propria) lettura... v. 2, mi ha colpito -in alto-, ma si possono scrivere anche altre direzioni, forse; il v. 22 richiama un poeta... come se fosse una citazione (ma non linguistica, di intendimento), particolarmente belli i versi finali»
Inserito il 31/07/2014 da Sanzi alla poesia "Senza titolo" di Giovanni Perri  

Successivi 30

177 commenti trovati. In questa pagina dal n° 177 al n° 148.



Lo staff del sito
Poesie su Internet
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore - Cookie policy
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .


Copyright © 2020 Scrivere.info Poesie Poesie erotiche Poesie d'amore Nuovi poeti Poesie scelte Poesie sulle donne AquiloneFelice.it