4’755 visitatori in 24 ore
 200 visitatori online adesso




Pubblicare poesie Pubblicare poesie
Pubblicare poesie

Menu del sito

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Delusione Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Memoria Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Terra Tristezza Uomo Vento Vita


Visitatori in 24 ore: 4’755

200 persone sono online
Autori online: 3
Lettori online: 197
Ieri pubblicate 54 poesie e scritti 49 commenti.
Poesie pubblicate: 322’554
Autori attivi: 7’357

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
♦ gabriele vacca Messaggio privatoClub ScrivereLaura Fogliati Messaggio privatoClub ScrivereMirella Santoniccolo Mairim14 Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura

SpiegaAutore della settimana
Alberto De Matteis

Alberto De Matteis è nato il 18 febbraio 1940 a Pisignano (frazione di Vernole, provincia di Lecce),...(continua)

autore della settimana Le sue poesie


SpiegaAutore del mese
Patrizia Ensoli


Solo una donna, nient'altro ...(continua)

Autore del mese Le sue poesie





Seguici su:



Ottobre 2017  
do lu ma me gi ve sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20

Raccolte di poesie Raccolte di poesie
Addio alla poesia di Giuseppe Vullo
Imperfezioni di Nutellina Cinzia Pallucchini
Ruggero di Azar Rudif
Brevi Riflessioni Istintive di Salvo Scamporrino
LiVidi del CuoRe di Patrizia Cosenza

SpiegaPoesie riproposte
No’ giudicari di Giuseppe Vita
Rispettu pi l’anziani di Giuseppe Vita
Sterile podere di Vivì
Haiku 13 di Sara Acireale
Dentro ai rampicanti del cuore di Nadia Mazzocco
Li giuvini ti muni di Giuseppe Vita
Verso la luce 1 di paolo corinto tiberio
Squilibri di paolo corinto tiberio
La stella guida il cammino di Sara Acireale
Esalazioni dimezzate di rosanna gazzaniga

I 10 autori più recenti:
Poeta Iacopone: 1 poesie
Poeta Maddalena Corigliano: 1 poesie
Poeta Marco Miserini: 3 poesie
Poeta SimoneMeini85: 2 poesie
Poeta Manuel Crispo: 1 poesie
Poeta pueraeternus: 6 poesie
Poeta Giovanna De Felice: 1 poesie
Poeta maria grazia savonelli: 9 poesie
Poeta Laura Cl: 2 poesie
Poeta Argenth: 1 poesie

Autori del giorno
Autore del giorno Marcella
(20 Ottobre 2017)
Autore del giorno Dagon Lorai
(19 Ottobre 2017)
Autore del giorno Marco Marine
(18 Ottobre 2017)
Autore del giorno Beatrice Niccolai
(17 Ottobre 2017)
Autore del giorno Rosellina Brun
(16 Ottobre 2017)
Autore del giorno Plasson
(15 Ottobre 2017)
Autore del giorno Marcello Esposito
(14 Ottobre 2017)

Autori del mese
Autore del mese Patrizia Ensoli
(Ottobre 2017)
Autore del mese Rasimaco
(Settembre 2017)
Autore del mese Melina Licata
(Agosto 2017)
Autore del mese Giovanni Ghione
(Luglio 2017)
Autore del mese Pierangela Fleri
(Giugno 2017)
Autore del mese Alberto De Matteis
(Maggio 2017)






Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale
Pubblicare poesie

Trovati 860 commenti di Antonio Terracciano

Commento n° 860
«Spesso le poesie brevi, proprio perché usano poche parole, non sono di facile interpretazione, e l’autore mi perdonerà se sbaglio, ma ritengo che questa composizione (perfetta per l’equilibrata struttura e per l’efficacia del lessico usato) sia una di quelle poesie che parlano della poesia stessa, che sia una ricerca poetica elevata al quadrato. Sospinto da qualche dio, il fonema (l’unità minima del linguaggio), che spesso serve ad iniziare (o a completare) un lavoro e che quindi è avidamente ricercato dall’autore, passa velocemente nella sua mente, soprattutto nel sogno, o in momenti estatici, facendogli ammirare tutta la sua bellezza: fortunato è il poeta che riesce a catturarlo e a trasferirlo nella sua opera!»
Inserito il 17/10/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Fonèma" di Felice Serino  

Commento n° 859
«Il Garbellini, con questi suoi chiari ed armonici versi, ha messo il dito sulla piaga: per un uomo è un’impresa disperata capire fino in fondo una donna! C’è chi, palesando false sicurezze, sostiene di riuscirci, ma gli uomini più sensibili (gli scrittori) hanno onestamente ammesso più volte la loro sconfitta. Penso a Boris Vian, a Italo Svevo, a Franz Kafka... (A proposito di quest’ultimo, secondo Elias Canetti pare che egli abbia addirittura scritto il famosissimo "Processo" per trasfigurare l’esperienza avuta con una ragazza berlinese, da lui considerata semplicemente un’amica e che, invece, l’aveva portato a un passo dalle nozze, che spaventavano Kafka in modo paralizzante...)»
Inserito il 14/10/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "E’ il più grande mistero della vita" di sergio garbellini  

Commento n° 858
«Tutto cambia lentamente sotto i nostri occhi e, se il cambiamento di ciò che vediamo ogni giorno è quasi inavvertibile, quando abbiamo l’occasione di rivedere dopo tanto tempo un luogo amato quasi non lo riconosciamo più, perché le differenze rispetto al passato si sono accumulate e piombano tutte insieme nella nostra mente (non accade la stessa cosa, ad esempio, anche per le persone riviste dopo tanti anni?) : questo tema è trattato da Lorenzo Crocetti con la sua solita lucidità poetica, in perfette e linde quartine di endecasillabi.»
Inserito il 13/10/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Ritorno al paese" di ex Lorenzo Crocetti  

Commento n° 857
«Chissà se la demenza senile, descritta dalla poetessa con tanta empatia ed in maniera molto toccante, è davvero una malattia o non rientra piuttosto nella norma, in quello che in realtà noi siamo sempre stati, dei bambini indifesi, costretti a trasformarci in adulti "consapevoli" soltanto a causa delle necessità di questa vita così assurda? Il tramonto assomiglia all’alba: la luce è scarsa, e la fine (della giornata / della vita) non è che l’altra faccia dell’inizio.»
Inserito il 11/10/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Bimbi sperduti" di Eleonora Capomastro Orofino  

Commento n° 856
«Quanti sani consigli in questi deliziosi ottonari! Per i Francesi, spesso più freddi, razionali e realistici di noi, quei castelli non sono "in aria", ma "en Espagne", alludendo forse alle assurde aspirazioni donchisciottesche (che riassumevano quelle di molti Spagnoli dell’epoca) . Ognuno deve seguire la propria natura per evitare figuracce, sembra suggerirci giustamente il poeta! (Ad esempio, un’aspirazione più che legittima sarebbe quella del Garbellini, se egli ambisse a farsi leggere anche dai posteri; se vi ambissi io, troverei al massimo un novello Cervantes Saavedra che farebbe ridere il mondo creando un nuovo don Chisciotte...)»
Inserito il 10/10/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "I castelli in aria della nostra vita" di sergio garbellini  

Commento n° 855
«Ho dato un’occhiata, in Internet, a questo "Mercato di San Benedetto" di Cagliari, descritto con tanto amore e tanto colore dal poeta nella sua bella e lunga poesia con accattivanti rime: edificato nel 1957, è il più grande d’Europa, e si trova nel centro di Cagliari, in via Ortu. Ebbene, questa poesia è stata per me una specie di "madeleine" proustiana, perché mi ha fatto rivivere i quindici giorni gioiosi passati nel 1974 proprio in quel mercato (che magari allora non era ancora così grande), quando, recluta alla caserma "Monfenera", fui incaricato, insieme a un altro soldato, di aiutare un anziano e umanissimo maresciallo a fare la spesa viveri (soprattutto frutta e verdura) per la mensa della caserma.»
Inserito il 04/10/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Saint Benedict Markt" di gabriele vacca  

Commento n° 854
«Ogni dialetto possiede le sue caratteristiche e, se quello napoletano è adatto alle fantasie sdolcinate, se il milanese appare spesso realistico, se il romanesco e il toscano ben si prestano a una visione sovente scanzonata e pungente della vita, il dialetto siciliano esprime con forza l’intensità dei sentimenti, sia positivi che negativi: è come un vento che spira dal sud (preislamico) e dall’ovest (donchisciottesco) che, frenando un po’ la sua furia sull’isola, permette l’adeguata espressione di pensieri così sofferti come questo dello Scimonelli.»
Inserito il 01/10/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Senze’tia" di Giacomo Scimonelli  

Commento n° 853
«Ogni vecchia generazione si rammarica per la scomparsa, o per l’affievolimento, nella generazione attuale di valori presenti e forti ai suoi tempi (o che il suo ricordo gli fa ritenere che fossero tali) . In questo pregevolissimo (come al solito) lavoro poetico, il Ghione, pur non disperando, si rincresce della poca luce che fanno attualmente la pace, la fede, l’amore e la speranza (un po’ come, negli anni Sessanta, Georges Brassens, nella sua canzone- poesia "La rose, la bouteille et la poignée de main" già si lamentava della quasi totale scomparsa della galanteria, dell’arte della condivisione, dell’amicizia gratuita e della sincerità) .»
Inserito il 29/09/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Quattro sorelle" di Giovanni Ghione  

Commento n° 852
«Una poesia è davvero degna di tal nome quando riesce a coniugare la perfezione della forma con la densità del contenuto. E questa poesia del Rossi soddisfa a entrambe le condizioni. La bellezza della forma è stata esaurientemente spiegata, in nota, dall’autore stesso, per cui mi soffermerò solo sul contenuto. "Il paradosso sta dalla parte dell’accaduto: dall’altra parte se ne sta, sconfitta, quella che chiamiamo (sebbene con ottimismo) ‘logica delle cose’ ", scriveva lo sfortunato romanziere Guido Morselli a proposito della prima guerra mondiale. E lo stesso si potrebbe dire per la religione: i primi concili fecero vincere un improbabile Dio buono, mentre il ben più logico "Demiurgo cattivo" (per citare Cioran) ne uscì sconfitto...»
Inserito il 26/09/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Riprendi in mano il mondo (ormai fin troppo imperfetto)... Rondò italiano" di Rossi Alessio  

Commento n° 851
«Direi che l’autore è stato fortunato nell’aver conquistato sua moglie (anche) con le poesie a lei dedicate, perché spesso si rischia di ottenere l’effetto contrario (dipende, certo, dalla sensibilità delle singole donne) . Sono invece totalmente d’accordo con le poesie dedicate ad amici, amiche, conoscenti, colleghi, colleghe, ecc., perché queste poesie, prive dell’assillo della conquista amorosa, risultano il più delle volte un regalo davvero gradito, una finezza, un surplus al quale il genere umano è raramente insensibile.»
Inserito il 22/09/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Quando l’amore diventa poesia" di Antonio Guarracino  

Commento n° 850
«Con questa poesia, ancora una volta tecnicamente costruita in modo interessante, il giovane poeta riesce di nuovo a toccare una corda molto simile alla mia. La poesia, la letteratura, l’arte e il pensiero in generale sono parecchio esclusivi, e riescono ad attrarci così fortemente da impedirci di godere delle gioie semplici, alla continua portata della maggior parte della gioventù. E, quando capita di assaporarle (anch’io giocai, rarissimamente, a biliardino), il nostro godimento è più grande di quello di coloro che vi sono abituati, perché le eccezioni hanno sempre un gusto più intenso, in quanto (lo intuiamo) soltanto provvisorio.»
Inserito il 21/09/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Biliardino e miracoli" di Angelo 2000  

Commento n° 849
«Non è la prima volta, mi pare, che Angelo ci fa sapere di amare la pioggia, e anche stavolta esprime questa sua preferenza (che io condivido) con molta grazia. E' facile far passare una prosa per poesia, ma Angelo resta ben lontano da questo pericolo, scrivendo versi che, pur avendo una lunghezza estremamente variabile, sono imperniati su un abile gioco di rime e di consonanze. Spesso le belle poesie non sono tanto quelle che si occupano di sentimenti elevati e di profonde riflessioni, ma quelle che esprimono con finezza considerazioni su minimi avvenimenti, e Angelo ce ne fornisce un delizioso esempio.»
Inserito il 14/09/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Un punto al pessimismo (ma sarà pessimismo?)" di Angelo 2000  

Commento n° 848
«Attratto dal titolo baudelairiano ("Ubriacatevi, ubriacatevi sempre! Di vino, di poesia o di virtù, come vi pare") , ho letto con piacere questa composizione. Certo, l'autrice (un'insegnante, suppongo) ha avuto una brillante idea (considerare la scuola, nel suo complesso, come una bottiglia di ottimo vino, che dispensa l'ebbrezza a chi la frequenta) . Nella realtà, purtroppo, le cose stanno raramente così, perché le "bottiglie di vino" che vi si trovano sono sovente mediocri, e inoltre pure spesso nascoste dalla troppa burocrazia. Certo, se gli insegnanti di materie letterarie fossero tanti Ungaretti (poniamo), e quelli di materie scientifiche tante Margherita Hack, allora sì che gli alunni si ubriacherebbero davvero, e con gran gusto!»
Inserito il 13/09/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Ubriacatevi" di Franca Mugittu  

Commento n° 847
«Ogni dialetto (come del resto ogni lingua) è bello, a condizione che sia scritto con la massima cura. Non conosco (come credo anche la stragrande maggioranza dei lettori) il dialetto della Val Bormida, ma basta un occhio (e un orecchio) minimamente esercitato per rendersi conto dell'estrema attenzione dedicatagli dal Ghione (cosa che d'altronde si riscontra in tutte le sue produzioni, non solo dialettali) . I dialetti (soprattutto quelli più rari, patrimonio ormai di poche persone) vanno salvaguardati e rispettati il più possibile, come, nel campo etologico ad esempio, quei famosi panda, affinché non si estinguano.»
Inserito il 10/09/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "L'è carò la neuc" di Giovanni Ghione  

Commento n° 846
«Secondo la mia lettura, il poeta ci fa muovere in un'atmosfera situata tra Baudelaire (per la presenza di quell'"albatros" qui morente, e non catturato come nelle "Fleurs du mal") e Pessoa (per il riferimento, fin dal titolo, all'inquietudine, a quell'ansia ben presente nell'autore del "Libro dell'inquietudine", appunto) . Ad una certa età, sembra dirci il poeta (secondo la mia interpretazione), si comincia ad avere paura di osare, di comportarsi spensieratamente come i giovani. A nessuna poesia fanno male i riferimenti letterari, ed in questa opera essi mi appaiono particolarmente adeguati.»
Inserito il 09/09/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Inquietudini" di Pinotota  

Commento n° 845
«Charles Baudelaire, nelle "Fleurs du mal", dedicò tre poesie al gatto. Pinotota si è ispirato particolarmente alla prima di queste poesie (quella relativa agli occhi e allo sguardo del divino animale) . "Viens, mon beau chat, sur mon coeur amoureux; / Retiens les griffes de ta patte, / Et laisse- moi plonger dans tes beaux yeux (...) " sono dei versi superbi, ma quelli che Pinotota ha voluto dedicare al grande poeta transalpino e al suo animale preferito non sono certo tanto inferiori!»
Inserito il 06/09/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Il gatto di Baudelaire" di Pinotota  

Commento n° 844
«Rari sono i poeti e gli scrittori capaci di fare appassionare il lettore ad argomenti che egli poco conosce e cura (di solito il lettore ama maggiormente gli autori che hanno i suoi stessi interessi) . Sono ben poco avvezzo al mare, ai porti e tanto meno alla pesca, ma il Vacca, con questa sua nitida e concreta poesia (in cui le belle rime sembrano essere funzionali al rinforzo dei concetti espressi), mi ha quasi suscitato il desiderio di fare quantomeno una passeggiata nei paraggi di un porto! I grandi scrittori, inoltre, si riconoscono anche dal loro stile personale, ed ormai sarei capace di riconoscere una poesia del Vacca anche se non fosse da lui firmata...»
Inserito il 30/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Nel porto" di gabriele vacca  

Commento n° 843
«Il poeta confessa di aver trovato l'anima di Firenze non nei suoi monumenti o nelle sue chiese più celebri, ma in un'anonima ansa dell'Arno che si rispecchiava in un anonimo palazzo. E' l'impressione che ho avuto anch'io visitando varie città che conosco meglio di Firenze. In generale l'anima non s'annida nei luoghi più turistici di una città, come non si trova nelle qualità più esibite dalle persone, nell'ufficialità delle feste comandate o nei versi delle poesie più premiate...»
Inserito il 26/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "L'anima nell'Arno" di Angelo 2000  

Commento n° 842
«Trovo molto saggio il pensiero del padre dell'autrice di questo lavoro. Anch'io la penso un po' così, ed ho ricollegato immediatamente quella considerazione a ciò che disse uno zaddik (un rabbino dell'Europa orientale dell'Ottocento; cfr. "I racconti dei Chassidim", di Martin Buber): "Quando Rabbi Bunam stava per morire, sua moglie piangeva. Egli disse: 'Che piangi? Tutta la mia vita è stata soltanto perché imparassi a morire. ' "»
Inserito il 23/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Il trapasso" di Giulia Gabbia  

Commento n° 841
«E' senz'altro meritevole di plauso tutta l'opera poetica dialettale (compresa quest'ultima poesia, naturalmente) di Peppe Cassese, che con perfetta padronanza ortografica (essenziale anche, e forse soprattutto, per un dialetto), e sovente con una verve un tantino istrionica che non guasta, ci fa gustare un dialetto napoletano classico difficile da trovare in altre produzioni. Paragonerei la preziosa opera del Cassese a quella di Fabrizio De André nell'album "Creuza de ma": a Napoli, come a Genova, non si usano più ormai certi termini ("guarattelle", "schiattosa", "guittaria" ...) nella vita odierna, ma sono essi che danno sapore a un'opera d'arte degna di essere tramandata.»
Inserito il 17/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "E so' cuntento (E sono contento)" di Peppe Cassese  

Commento n° 840
«In questo sito c'è chi inserisce quasi tutte le sue poesie nella nobilissima categoria dell'"amore", e chi, come il Pochini, le immette, magari senza neppure grandi pretese letterarie, in quella, molto più umile, della "comicità" . Ma, secondo me, la sua è un'impresa benemerita, perché viviamo in un'epoca che spesso sembra aver perso la virtù del (sor) riso. Più che far ridere, le poesie del Pochini (come questa, dedicata alle tante file che siamo costretti a fare nella vita) fanno (talvolta un po' amaramente) sorridere: al poeta va dato il merito di sapere tenersi lontano dal mettere in poesia raccontini più salaci, che potrebbero sfiorare la volgarità, tranello nel quale io, ad esempio, ho rischiato talvolta di cadere.»
Inserito il 15/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Le file" di vittorio pochini  

Commento n° 839
«Questo giovane poeta (e valente critico: ho letto alcuni suoi commenti) mi è congeniale, perché spesso mi ricorda chi ero io (con minore profondità) alla sua età. In questa poesia egli si rammarica di dovere abbandonare la sua attività poetica per intraprendere gli studi ingegneristici. Anch'io dissi "basta" attorno ai vent'anni, perché dovevo fare le "cose serie" . Ma la poesia è come una malattia cronica: la si può curare prendendo qualche pilloletta ogni giorno, ma non debellare. E sono quasi certo che Angelo, dopo una più o meno lunga "cessazione di attività", riaprirà, in età più avanzata, il negozio della poesia con ancora maggior vigore e determinazione (smetterà di prendere quelle "pillolette sociali" ...)»
Inserito il 14/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Mai mi avrete" di Angelo 2000  

Commento n° 838
«Confesso che leggo sempre le poesie di Dorella Dignola, ma che non le commento più da tantissimo tempo per un solo motivo: sono (e questa non fa eccezione, anzi...) così belle, così tecnicamente perfette, così musicali e così piene di significato (spesso nostalgico) che ho paura di sciuparle con qualche parola di troppo o inadeguata (mi sto accorgendo, col tempo, che molte volte la bellezza e il valore di una poesia sono inversamente proporzionali al numero di commenti che essa ha ricevuto) . Immagino che anche tutti gli altri lettori della poetessa (che secondo me dovrebbe averne molti di più) la pensino come me.»
Inserito il 12/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Precarietà" di Dorella Dignola  

Commento n° 837
«Non amo ripetermi, e penso che sia superfluo ribadire le eccelse doti di chiarezza e di plasticità che hanno tutte le poesie del Vacca: la scelta di vocaboli semplici ma netti riesce a dare rilievo a tutti gli argomenti trattati (questa volta è di scena la scultura) . Ma vorrei approfittare del commento per evidenziare un vezzo particolare (non è la prima volta che lo noto) che il poeta può permettersi in quanto cagliaritano. Nella prima strofa, "descritta" fa rima con "finita" e "matita": ciò che sarebbe un po' scorretto in un'altra regione non lo è in Sardegna, dove spesso non c'è differenza tra la "t" semplice e quella geminata (la consonante è pronunciata sempre doppia) .»
Inserito il 08/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Lo scultore" di gabriele vacca  

Commento n° 836
«Forse all'inizio di questa ben strutturata poesia c'è un molto larvato doppiosenso che non guasta affatto in un'opera "comica" . Ma la poetessa essenzialmente rende un giusto omaggio al peperoncino, a quell'ingrediente della cucina meridionale (soprattutto lucana e calabrese) che è un vero toccasana (studi scientifici lo dimostrano) per la nostra salute. Mi risulta che in Calabria il peperoncino "si presenta in tavola già di buon mattino, col 'morseddu', perché, dice un adagio calabro, 'chi ben mangia di buon'ora con un pugno sfascia un muro' " (da un libro di cucina) .»
Inserito il 06/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Peperoncino amore mio" di RitaLM  

Commento n° 835
«Se ho ben compreso, il poeta, con significativi e ben strutturati versi liberi, fa un sogno che anche a me, forse proprio perché sono un linguista e conosco piuttosto bene i trucchi e gli inganni del linguaggio umano, capita ogni tanto di fare: ci capiremmo meglio ed in modo certamente più essenziale se fossero gli occhi, anziché le bocche, a parlare, se ci avvicinassimo all'autentico linguaggio, semplice e diretto, degli "specchi dell'anima"! E alla fine, sembra sostenere il poeta, il messaggio principale sarebbe forse quello di una benefica risata da opporre alle molte volte finte seriosità dei nostri mondi di parole...»
Inserito il 03/08/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Due occhi" di Fedel Franco Quasimodo  

Commento n° 834
«"Odio l'estate", cantava il grande Bruno Martino quando ero un ragazzino, e allora non sapevo perché mi piacesse tanto quella canzone. Ma, crescendo, ho cominciato ad apprezzare sempre meno il sole caldo, le spiagge affollate e la "secchezza del ciliegio", metafora ben scelta dal poeta per indicare la mancanza di ispirazione; ho amato certe estati solo quando esse erano più piovose o fredde, a Parigi o in Normandia. Credo che avesse ragione Montesquieu, quando collegava il clima alle attività umane, e molti studiosi pensano che la prodigiosa fioritura artistica (e tecnica) della Firenze del Cinquecento sia stata favorita da un clima allora particolarmente rigido. L'estate mediterranea secca tutto, a volte anche gli amori...»
Inserito il 26/07/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Ancora contro l'Estate" di Angelo 2000  

Commento n° 833
«A mano a mano che procedevo nella lettura di questa pur bella poesia, avvertivo una strana sensazione di "déjà vu", e alla fine ho svelato il mistero: questa composizione, nella seconda parte, assomiglia molto a "Falsetto" degli "Ossi di seppia" di Eugenio Montale, usa parole ed espressioni quasi uguali (la giovinezza insidiata, l'acqua che ritrova e rinnova, l'equorea creatura, i fortilizi diroccati, il ritorno al lito più pura...) Se l'autore (come immagino) non l'ha fatto apposta, si può dire che egli ha sfiorato l'esperienza del Pierre Menard di Jorge Luis Borges (di quel personaggio cioè che scrisse una copia identica del "Don Chisciotte" di Cervantes senza averlo mai letto!)»
Inserito il 26/07/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "A te figlia mia" di Universo Arte  

Commento n° 832
«E' una poesia di buona fattura che, con semplicità, entra nei cuori di molti lettori, soprattutto dei poeti e dei poeti potenziali, perché essi jn modo particolare hanno vissuto, in gioventù, quelle esperienze inconcludenti ma intensissime che il Conte mette benissimo in evidenza. L'estremo impaccio di giorno e le fantasie più sfrenate di notte: quanti di noi sono passati attraverso queste solo apparentemente contrastanti esperienze! E la poesia si conclude con una precisazione molto veritiera: quegli amori si dimenticano più facilmente (talvolta si rinnegano addirittura) quando si conoscono le sorti della ragazza, mentre ben difficilmente vanno via dalla testa quando non si sa più niente di lei!»
Inserito il 20/07/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Amor fanciullo" di pompeo conte  

Commento n° 831
«Certo, il poeta non usa tanti eufemismi (e fa bene) per denunciare l'imbecillità che ci circonda! "La madre dei cretini è sempre incinta" è un modo di dire - ahinoi! - sempre attuale. Per quanto riguarda, in particolare, tanti politici, mi piace riportare il pensiero (tratto dal "Dizionario della stupidità" di Piergiorgio Odifreddi) di tre notissimi uomini inglesi: W . Churchill sosteneva che parlare con un politico è come parlare con un suo elettore (sono stupidi entrambi), B . Russell sottolineava che gli eletti non possono (per fortuna!) essere più stupidi dei loro elettori, e G . B . Shaw pensava che le democrazie avessero introdotto l'elezione di molti incompetenti al posto di pochi corrotti...»
Inserito il 15/07/2017 da Antonio Terracciano alla poesia "Quanta ce ne vuole di pazienza (o di pasienza o di pacienza)" di rob ponzani  

Successivi 30

860 commenti trovati. In questa pagina dal n° 860 al n° 831.



Lo staff del sito
Poesie su Internet
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore - Cookie policy
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .


Copyright © 2017 Scrivere.info Poesie Poesie erotiche Poesie d'amore Nuovi poeti Poesie scelte Poesie sulle donne AquiloneFelice.it