4’212 visitatori in 24 ore
 297 visitatori online adesso




Pubblicare poesie Pubblicare poesie
Pubblicare poesie

Menu del sito

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Illusione Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Memoria Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Terra Tristezza Uomo Vento Vita


Visitatori in 24 ore: 4’212

297 persone sono online
Autori online: 5
Lettori online: 292
Ieri pubblicate 55 poesie e scritti 11 commenti.
Poesie pubblicate: 331’941
Autori attivi: 7’450

Gli ultimi 5 iscritti: Stopped - Abi - Abakbakonaf - pecka - RudolphFar
Chi c'è nel sito:
♦ Wilobi Messaggio privatoClub ScrivereDanilo Tropeano Messaggio privato ♦ Antonio Terracciano Messaggio privatoClub ScrivereRosanna Peruzzi Messaggio privato ♦ Felice Serino Messaggio privato
Vi sono online 3 membri del Comitato di lettura

SpiegaAutore della settimana
Peppe Cassese


Seduto sopra il tempo e la sua cima io srotolo la trama inadempita per raccontare brevemente in...(continua)

autore della settimana Le sue poesie


_



Seguici su:



Giugno 2018  
do lu ma me gi ve sa
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24

Raccolte di poesie Raccolte di poesie
In un remoto altrove di Felice Serino
Haiku di Maria Luisa Bandiera
Haiku, Tanka e ... volo libero di Salvo Scamporrino
I temi di Zaza di poeta per te zaza
Cuori di porcellana di Lara

SpiegaPoesie riproposte
Povere perdute mie parol d’amore di giuseppe gianpaolo casarini
Sui poeti mancati di Antonio Terracciano
Naufragio di Carmine Ianniello 1
Tattoo di Antonella G
Il tracimare delle cose di Bruno Leopardi
Ruggero, il pirata di Dio di Azar Rudif
Mi piace di Stefana Pieretti
Tempesta di Giorgio Dello
Caldo afoso d’estate di Augusto Cervo
L’istituzionalizzazione di Antonio Terracciano

I 10 autori più recenti:
Poeta Abi: 1 poesie
Poeta Gioirose: 2 poesie
Poeta Andrea De Flora: 6 poesie
Poeta IrenePizzimenti: 1 poesie
Poeta lucio61: 1 poesie
Poeta Maria Castronuovo: 1 poesie
Poeta gianluca truncellito jiva: 3 poesie
Poeta Milk and Death: 1 poesie
Poeta Maurizios: 3 poesie
Poeta Gianluca96: 3 poesie

Autori del giorno
Autore del giorno Splendido Leotta Michele
(24 Giugno 2018)
Autore del giorno EnzoL
(23 Giugno 2018)
Autore del giorno Momentum
(22 Giugno 2018)
Autore del giorno Lightm25
(21 Giugno 2018)
Autore del giorno ginestra calabra
(20 Giugno 2018)
Autore del giorno Elena Poldan
(19 Giugno 2018)
Autore del giorno Fantalusa
(18 Giugno 2018)

Autori del mese
Autore del mese Amara
(Giugno 2018)
Autore del mese Giovanni Monopoli
(Maggio 2018)
Autore del mese Nunzio Buono
(Aprile 2018)
Autore del mese Mariasilvia
(Marzo 2018)
Autore del mese Azar Rudif
(Febbraio 2018)
Autore del mese Mau0358
(Gennaio 2018)






Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale
Pubblicare poesie

Trovati 930 commenti di Antonio Terracciano

Commento n° 930
«Secondo me (e il mio è un complimento convinto e sincero), il Garbellini sarebbe potuto essere anche un ottimo autore di fiabe (quelle in cui, alla fine, tutti "vissero felici e contenti") o un valido sceneggiatore cinematografico (dei film di F. Capra, che io vedevo con molto piacere in televisione da bambino, ad esempio) . La maggior parte delle sue poesie, come questa, oltre a essere tecnicamente impeccabili, raccontano storie ai limiti della realtà, sono immerse in un "realismo magico" di cui lo spirito umano ha un grande bisogno: anche se raramente la realtà ci offre quegli spettacoli, le opere del poeta hanno il merito di renderci per almeno cinque minuti più buoni, di fare (ri) emergere nel nostro animo le qualità più altruistiche.»
Inserito il 22/06/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Quella ragazza si stava suicidando" di sergio garbellini  

Commento n° 929
«Questa breve, essenziale poesia, in cui l’autore fa parlare l’erbaccia con sincerità ed efficacia, potrebbe, secondo me, avere anche un valore simbolico, riferirsi cioè alle persone che non seguono le regole della società, e mi ricorda una delle prime poesie- canzoni di Georges Brassens, "La mauvaise herbe", appunto: "Les hommes sont faits, nous dit- on, / pour vivre en bande comme les moutons. / Moi, je vis seul, et c’est pas demain / Que je suivrai leur droit chemin. / Je suis de la mauvaise herbe / Braves gens, braves gens, / C’est pas moi qu’on rumine / Et c’est pas moi qu’on met en gerbe. / Je pousse en liberté / Dans les jardins mal fréquentés . / Et je me demande / Pourquoi bon Dieu / ça vous dérange / Que je vive un peu... "»
Inserito il 19/06/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Insolenza d’un filo d’erba tra i mattoni d’un marciapiede" di numerouno  

Commento n° 928
«Ho letto con vero piacere questo sonetto un po’ anomalo, perché tratta chiaramente un argomento che conosco bene: la grande difficoltà di scrittura del dialetto napoletano. Solo attraverso letture di alcuni poeti classici e la consultazione di libri e di vocabolari (come ho fatto artigianalmente io) o, meglio, con la frequentazione di un corso (come ha fatto l’autore di questo lavoro) si può sperare di scrivere in modo corretto il dialetto, pur, forse, senza mai avere la certezza di non commettere errori. Basterebbe una minima défaillance (come non raddoppiare, ad esempio, la "n" nella parola "napulitano" del titolo) per far crollare tutto il delicato poetico castello di parole!»
Inserito il 16/06/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "’O cuncorzo e ‘o nnapulitano" di Antonio Guarracino  

Commento n° 927
«Con questi versi essenziali ed efficaci la poetessa si sofferma su una condizione esistenziale da me ben conosciuta: sentirsi estranei nel proprio paese, nella propria città. I motivi possono essere diversi, ma la sensazione, certo poco piacevole (quando non si parla il dialetto del luogo, ad esempio, o non se ne condividono le tradizioni, c’è la quasi certezza di fare risicate ed aleatorie amicizie), può essere riscattata dalla soddisfazione intellettuale di saper vedere le cose da un altro, personale punto di vista. Le radici, però, ci suggerisce l’autrice alla fine della poesia, restano comunque, e forse in età avanzata ci si riconcilia con esse.»
Inserito il 14/06/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Il mio Sud" di Monica Messa  

Commento n° 926
«Se è indubbiamente vero che il mistero è intrigante, è altrettanto vero che uno dei bisogni fondamentali del genere umano è quello di svelarlo, di dare una spiegazione (sia pur solamente illusoria) a tutte le cose. E, soprattutto nella sua seconda parte, la poesia elogia le similitudini tra il macrocosmo e il microcosmo, la completezza cui lo spirito anela. Indirettamente, questo lavoro mi sembra anche un apprezzamento per quelle poesie che sanno, magari con pochi versi, darci un senso compiuto, se non del mondo, almeno degli argomenti che esse affrontano.»
Inserito il 11/06/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Poesia della completezza" di Monica Messa  

Commento n° 925
«Il prolifico autore, che questa volta si è voluto cimentare con la satira, mi permetterà, immagino, di non essere d’accordo con lui. Anch’io mi preparo delle autentiche ciofeche, intese come caffè, che però non mi permetterei mai di offrire ad eventuali ospiti. Se vado al bar, invece, pretendo un caffè almeno sufficiente. Passando alle poesie, tutti hanno certo il diritto di scriverne di scadentissime, ma dovrebbero tenerle per sé, mentre quando le pubblicano (soprattutto in un sito selettivo, sia pur blandamente, come questo) dovrebbero fornire al lettore un prodotto almeno accettabile... (Chi ritornerebbe nello stesso bar in cui gli hanno servito una ciofeca?)»
Inserito il 08/06/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "" di   

Commento n° 924
«Eccellente poesia, formata da versi metricamente irregolari ma ben calibrati, con una struttura quasi pavesiana e con qualche rima e assonanza sparse qua e là. Il contenuto, poi, è universale; con o senza scialle, braciere e rosario, vecchia o vecchio, con parenti vicini o lontani, le tappe della vita prossime al traguardo finale si susseguono un po’ allo stesso modo per tutti: si torna "quasi a toccar con mano" il passato, a ripetere quotidianamente gli stessi gesti e a far finta di non sapere che quella meta è sempre più vicina, sempre più incombente.»
Inserito il 07/06/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "La vecchia nello scialle" di Stello  

Commento n° 923
«Ottimo sonetto, che ritrae fedelmente una delle più diffuse pessime abitudini della società moderna. Gli attuali mezzi informatici, anziché, come s’illudevano i più ingenui, innalzare il livello delle conversazioni, lo hanno abbassato alquanto, e parecchi individui, incapaci, come sostiene il poeta, di criticare faccia a faccia un’altra persona, si scatenano, usando magari una lingua sgangherata, davanti al computer, arrivando ad ingiuriare e addirittura a minacciare (e ciò dovrebbe qualificarli negativamente per sempre) anche persone alle quali andrebbe il massimo rispetto (come l’impeccabile Presidente della Repubblica italiana in questi giorni)!»
Inserito il 29/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Leoni e agnelli" di Augusto Cervo  

Commento n° 922
«E’ una situazione comune a molti, credo, quella descritta dalla poetessa in questa sua accorata composizione poetica. La tristezza, il silenzio, l’ombra dei ricordi strettamente personali, che non possono essere condivisi con gli altri, sembrano impossessarsi di tante persone sensibili e condurle verso strade senza uscita, verso la passiva accettazione della vanità del mondo. Del resto, senza queste intime e profonde sofferenze (che talvolta però, all’improvviso, per un gradevole incontro fortuito o per un repentino mutare dello stato d’animo, possono essere, anche se per breve tempo, superate) difficilmente nascerebbe la poesia.»
Inserito il 26/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Labirinti" di Elena Poldan  

Commento n° 921
«E’ molto difficile per me, pessimo lettore di poesie ermetiche, commentare un’opera come questa, ma sento il dovere di farlo, per una volta, perché da essa emana un fascino particolare, sembra una poesia nata proprio da un sogno, come Sogno è il cognome della poetessa. Posso appena dire che vi scorgo un’originale vena metafisica molto personale, anche se non la so analizzare approfonditamente (evidenzia il piacere della piccolezza, dell’isolamento?) Mi trovo di fronte a questa poesia quasi come davanti a certi film di Federico Fellini: ne apprezzo la bellezza onirica e me ne lascio passivamente conquistare. Spero che la poetessa saprà perdonare le eventuali inesattezze di questo mio modesto commento.»
Inserito il 22/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Pochi decimi di efa e un grano nuovo" di Claudia Sogno  

Commento n° 920
«E’ una poesia ben scritta e che invita a riflettere. Fin da piccoli, per difendere noi stessi, la nostra presunta integrità morale, costruiamo dei muri (psichici), simili a quelli (materiali) usati nelle città medievali per difenderle dalle aggressioni dei nemici. Questi muri, che molte volte portano al risultato di farci troppo chiudere in noi stessi, di impedire i pur benefici apporti di gran parte degli altri, col tempo sembrano sgretolarsi, sembrano forse riconoscere l’ingombrante e negativa loro presenza. Ma è troppo tardi: nessuno avrà più l’interesse di penetrare nella nostra interiore città, diventata, nel frattempo, decadente e priva di attrazioni.»
Inserito il 20/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Muri" di Stello  

Commento n° 919
«"Delle poesie rimangono non le parole, ma il gusto che si prova a pronunciarle" . E’ indovinatissima, direi, questa definizione della poesia (a volte ho l’impressione che le poesie sulla poesia siano la quintessenza della poesia stessa), che evidenzia, a mio modo di vedere, la prevalenza della forma sul contenuto nella nostra arte. (Quante volte mi trovo, ad esempio, a ripetere un verso di Dante, di Mallarmé, o di Montale, senza pensare al significato - pur se c’era -, ma inebriandomi esclusivamente della loro musica, dell’eccentrico piacere che danno all’anima, proprio come "dopo un bacio, un silenzio, un addio"! )»
Inserito il 15/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Quello che resta" di santo aiello  

Commento n° 918
«E’ un delicato sonetto d’amore, quasi perfetto. Ma scrivo questo commento soprattutto per complimentarmi con l’autore per la sua originale idea di far terminare con una parola francese praticamente tutti i versi. Piaccia o meno, la lingua francese è molto probabilmente la più indicata per apportare a una composizione poetica quel lusso, quella calma e quella (ponderata) voluttà (per citare le tre parole di una famosa poesia di Baudelaire), virtù quanto mai utili per farci almeno momentaneamente astrarre dalla vorticosa (e a volte folle) velocità del mondo moderno, causa di numerose insoddisfazioni.»
Inserito il 14/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Un incontro" di Mattia Pomponi  

Commento n° 917
«Sono senz’altro d’accordo con la concezione della poesia esposta mirabilmente da Alessio Rossi. La poesia può dire tutto (ma non le banalità), sia il piacevole che lo spiacevole, e possibilmente qualcosa di originale, qualcosa che esuli dai pensieri di tutti i giorni. La poesia è un’illuminazione, è cibo per gli studiosi della psiche umana (e questo Freud lo riconobbe più volte), ma dovrebbe essere espressa in una forma comprensibile da tutti, dovrebbe essere edulcorata (anche attraverso la finzione) in modo tale da non rimanere indigesta, da abbinare l’emozione e la riflessione del lettore al suo godimento estetico.»
Inserito il 08/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Cos’è la poesia" di Rossi Alessio  

Commento n° 916
«Sono del parere che siano sempre interessanti, come questo godibilissimo lavoro, le poesie sul calcio. Si dice che il calcio è la metafora della guerra, ma secondo me lo è anche della poesia. Quando il poeta, ad esempio, dopo tanti tentativi, trova finalmente una parola giusta, non è come se avesse segnato un gol, non è come se avesse vinto l’ostinazione del portiere (del dizionario), che difendeva strenuamente la sua rete (lessicale)? I godimenti del calciatore, che usa i piedi, e quelli del poeta, che usa la mano, non sono poi alla fine tanto dissimili!»
Inserito il 08/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "I due portieri" di Augusto Cervo  

Commento n° 915
«"Esiste un insondabile terreno vago della percezione che è esclusivo dominio dell’elemento femminile, un terreno nel quale i maschi sono destinati a soccombere", scrive Giancarlo De Cataldo nel suo ultimo romanzo, "L’agente del caos" . Questa raffinata poesia rende bene l’idea (malgrado l’ottimismo finale) della difficile comprensione, da parte degli uomini, del complicato universo femminile.»
Inserito il 06/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Zala e l’altra faccia della luna" di numerouno  

Commento n° 914
«Ecco (al di là della perfezione stilistica) un chiaro esempio di ciò che io sostenevo nella mia ultima poesia pubblicata (i sonetti si scrivono con mente lucida) . Il poeta, in questo suo lavoro, espone la grande verità del presente, che è figlio di un passato spesso infelice e raramente gioioso. Ma forse è proprio dalle poche gioie passate che bisogna partire per cercare di costruire un futuro più radioso.»
Inserito il 04/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Senza te, non ho futuro" di Rossi Alessio  

Commento n° 913
«Napoli è tutto e il contrario di tutto, sembra dirci, in pratica, il poeta in questi suoi sontuosi versi. Tutte le città sono tutto e il contrario di tutto, ma a Napoli questa dicotomia si manifesta in modo più marcato, e ciò può attrarre irresistibilmente alcuni e respingere inevitabilmente altri. Vivere a Napoli significa (anche) essere disposti ad accettare l’estremamente bello accanto allo squallidamente brutto, a passare con disinvoltura dal sommo bene all’inquietante male. Come la natura in cui è immersa, Napoli non conosce le mezze misure, e un fine d’anno, ad esempio, o una vittoria dello scudetto nel calcio non saranno mai altrove così festosi e così pericolosi allo stesso tempo come in questa inimitabile città.»
Inserito il 03/05/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Napoli" di Peppe Cassese  

Commento n° 912
«"Dov’è quel tempo meraviglioso sparito nel tempo? " è la domanda (retorica) che conclude questa leggibilissima composizione poetica. Penso che uno dei principali motivi di rammarico degli adulti, e ancor più degli anziani, sia quello di non rassegnarsi alla fine dell’epoca vissuta da ragazzi, o da giovani. Se c’è una colpa, però, essa è solo nostra, perché non avevamo messo in conto, allora, che la vita così come la vivevamo negli anni Cinquanta, Sessanta o Settanta dovesse (come tutte le cose) poi inevitabilmente finire, cambiare forma, diventando non necessariamente peggiore. L’intenso ricordo dei nostri primi lustri dell’esistenza diventa così un importante motore dell’ispirazione poetica e della nostalgica concezione del mondo.»
Inserito il 25/04/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Dov’è quel tempo" di Mara Reggio  

Commento n° 911
«Feci, nel 1974, i primi due mesi di servizio militare a Cagliari, alla caserma "Monfenera", cioè a poca distanza dalla Basilica di Bonaria. Non sono tanto credente, ma ricordo ancora che, ogni volta che le passavo davanti, provavo un senso di quiete e di pace, che mi aiutava a sopportare meglio i disagi di quella vita militare che poco gradivo. Alcuni sostengono addirittura che questa Madonna abbia dato il nome alla capitale dell’Argentina, a quella Buenos Aires che, unitamente al nome "Palermo" di un suo vecchio e centrale quartiere, renderebbe così benissimo omaggio alle due maggiori isole italiane.»
Inserito il 22/04/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Madonna Di Bonaria" di FrancescoCau 47  

Commento n° 910
«Riflettiamo un po‘. Se Dante, poniamo, non avesse mandato all’inferno i suoi nemici politici con rime ed endecasillabi perfetti, ma con dei "vaffa" come un Beppe Grillo qualsiasi, non sarebbe venerato da tutti ancora adesso, a settecento anni dalla sua scomparsa. E anche nella prosa, Voltaire e d’Holbach espressero più o meno le stesse critiche nei confronti della religione, ma Voltaire è diventato eterno per la sua grazia e la sua ironia, mentre l’eccessiva rudezza di d’Holbach lo ha fatto praticamente dimenticare... C’è modo e modo di dire le cose, ed assicuro alla poetessa (che tanto stimo) che il modo migliore è quello vestito di leggerezza, di lingua raffinata e - perché no? - di un po’ di finzione.»
Inserito il 19/04/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "No filter" di Paola Riccio  

Commento n° 909
«E’ solo per colpa mia che di solito non riesco a comprendere (pur se talvolta le gusto) le poesie in stile moderno e piuttosto enigmatico di Lia. Ma questa volta credo di avere afferrato il senso della poesia: la poetessa, secondo me, confronta la fanciullezza con l’età matura; nella prima fase della vita si è legati alla terra, si colgono le bellezze dei prati, dei fiori, ecc., mentre nella seconda siamo portati ad alzare gli occhi verso il cielo, a preoccuparci maggiormente dello spirito (dato che la fisicità comincia a perdere dei colpi), facendoci trascinare dal vento che è nell’aria e che non sappiamo dove ci condurrà... Mi scuso se la mia interpretazione non è corretta.»
Inserito il 18/04/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Oralità nel vento" di Lia  

Commento n° 908
«Ottima, breve e intensa, questa considerazione poetica del Laurenti, che suona a mo’ di consiglio per le ragazze. Ma esse, credo, ne sono intuitivamente consapevoli, perché il "gusto amaro del pianto" si legge a distanza, e l’altro sesso non lo gradisce granché. (Sarà per questo gusto, forse, che buona parte della produzione poetica - degli uomini, ma, a dire il vero, anche di parecchie donne - si concentra sulle storie d’amore sfortunate?)»
Inserito il 14/04/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Senza titolo" di Eraldo Fabrizio Laurenti  

Commento n° 907
«Questi consigli in forma di poesia trattano un argomento a me molto caro: l’importanza degli incisi (e in particolare delle parentesi) . Mi innamorai delle parentesi soprattutto leggendo la "Recherche" di Proust (che, in media, ne ha una, a volte lunghissima, ogni due pagine), accorgendomi che esse sono come gli affluenti di un fiume, come le parole bisbigliate all’orecchio, come quegli indispensabili dettagli che ci aiutano a capire meglio le cose. Forse più adatti alla prosa che alla poesia, gli incisi ci invogliano a deviare ogni tanto dalla via maestra, come quando si abbandona momentaneamente un’autostrada per cercare una trattoria, e si scoprono paesaggi inaspettati.»
Inserito il 09/04/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "L’inciso e i lillà" di carla vercelli  

Commento n° 906
«Sembrerà strano ai più (in questi tempi moderni dell’imperante poesia in versi liberi), ma quelle "contiguità inespresse [ che ] s’intrufolano furtive" alle quali si riferisce l’autore di questo breve componimento, io le trovo nelle costrizioni della metrica, e forse ancor più nella ricerca delle rime. Il pensiero, infatti, in questo caso, deve per forza deviare dalla via maestra iniziale (dall’ispirazione originaria), per rispettare le regole, e spesso è proprio lì, in quelle stradine secondarie della ricerca, che trova quelle inaspettate associazioni di idee che un pensiero più lineare (come quello della prosa) più raramente riesce a incontrare. Preciso comunque che questa è solo la mia lettura personale del testo.»
Inserito il 05/04/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Contiguità" di Marco Forti  

Commento n° 905
«Un altro testo forte di Paola Riccio, questa volta scritto per protestare contro la censura alle poesie. Penso che essa sia sempre esistita, e che purtroppo esista tuttora. Durante il Ventennio, ad esempio, i poeti ermetici riuscirono ad eluderla, pagando però il prezzo di dover scrivere in modo così oscuro da farsi comprendere da pochissimi lettori eletti (non certo dai censori fascisti, a volte non tanto raffinati) . Sarebbe davvero una disgrazia se quei tempi tornassero, se almeno i poeti non avessero riconquistato la libertà di dire ciò che pensano! (Forse l’unica censura si dovrebbe applicare alle forme ben poco poetiche...)»
Inserito il 04/04/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Bavaglio" di Paola Riccio  

Commento n° 904
«Quanto sono d’accordo con questa potente doppia satira della Riccio! Io sarei incapace di usare uno pseudonimo (e ciò non mi darebbe neppure soddisfazione), figuriamoci due o tre! (Pessoa non ha mai usato pseudonimi, ma eteronimi, il che è diverso.) Per quanto poi riguarda le poesie d’amore, sono di nuovo oltremodo d’accordo con la poetessa (c’è chi inserisce tutte le sue poesie in quella categoria, anche se parlano d’altro, e lo fa, credo, per attirare con più facilità tanti lettori e lettrici...)»
Inserito il 28/03/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "What’s my name?" di Paola Riccio  

Commento n° 903
«Con molta schiettezza il poeta affronta il problema della malavita a Napoli, e dell’omertà della gente (almeno questo un vero scrittore dovrebbe fare: vedere il male che è a due passi da lui prima di intravvedere quello che è lontano) . Ci sono certe zone della città, soprattutto certi vicoli, in cui le guerre di camorra producono talvolta dei morti ammazzati: delle persone vedono tutto, ma per paura (e ciò è comprensibile) fanno finta di non sapere niente. Il poeta sottolinea giustamente che però non si possono condannare certi atti solo col pensiero: esso dovrebbe essere seguito dalle parole, usate invece spesso per descrivere falsamente la presunta contentezza della città.»
Inserito il 27/03/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Paura ‘e parlà" di Andrea Sbarra  

Commento n° 902
«Ai tempi di Petrarca e Dante vigeva l’aristocrazia, intesa non tanto come titolo nobiliare (era la cosa meno importante), ma soprattutto come eccellenza in qualunque mestiere o arte. Ora (ad eccezione dello sport, forse) viviamo in una democrazia esagerata, in tempi di "uno vale uno", ed ognuno sembra libero di proclamarsi anche poeta... Ho il timore che il protrarsi di questa tendenza possa portare un domani (non tanto lontano) a non saper più distinguere ciò che è poesia da ciò che non lo è (o forse quel domani è già arrivato?)»
Inserito il 25/03/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Arte della poesia e corsa di Maratona" di ex Lorenzo Crocetti  

Commento n° 901
«Approfitto di questa poesia per ringraziare ancora il suo autore che, anni addietro ormai, mi fece notare qualche lieve imperfezione in due o tre mie composizioni: quei suggerimenti mi aiutarono a stare poi più attento! Purtroppo ci sono persone con l’ego smisurato, che pensano di non sbagliare mai, o forse di avere un dono particolare, in base al quale i difetti si trasformano, per una qualche alchimia, in grandi pregi... Peccato, perché costoro contribuiscono al decadimento della nostra bella arte, un po’ come certi politici che ottengono momentanei successi con le loro malefatte, rendendo invisa (e ridicola) quella nobilissima attività...»
Inserito il 22/03/2018 da Antonio Terracciano alla poesia "Lesa Maestà" di ex Lorenzo Crocetti  

Successivi 30

930 commenti trovati. In questa pagina dal n° 930 al n° 901.



Lo staff del sito
Poesie su Internet
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore - Cookie policy
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .


Copyright © 2018 Scrivere.info Poesie Poesie erotiche Poesie d'amore Nuovi poeti Poesie scelte Poesie sulle donne AquiloneFelice.it