4’088 visitatori in 24 ore
 222 visitatori online adesso




Pubblicare poesie Pubblicare poesie
Pubblicare poesie

Menu del sito

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Delusione Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Illusione Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Terra Tristezza Uomo Vento Vita


Visitatori in 24 ore: 4’088

222 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 212
Ieri pubblicate 50 poesie e scritti 15 commenti.
Poesie pubblicate: 334’948
Autori attivi: 7’479

Gli ultimi 5 iscritti: Fabert - Massimo Bellini - MarioE - bibibi6662 - Scorsone Francesca
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privato ♦ Pasquale Farallo Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privatoClub Scriveresanto aiello Messaggio privatoClub Scriverefrancesco cau Messaggio privato ♦ vittorio pochini Messaggio privato ♦ Sebastiana Caliò Messaggio privato ♦ Davide Zocca Messaggio privato ♦ Cercatore di conchiglie Messaggio privato ♦ claudio coppini Messaggio privato

SpiegaAutore della settimana
Saverio Chiti


“ Gli uomini stolti si perdono ai confini della ragione, e spesso è nella follia, che trovano...(continua)

autore della settimana Le sue poesie


_



Seguici su:



Luglio 2018  
do lu ma me gi ve sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Raccolte di poesie Raccolte di poesie
Spunti di vita di poeta per te zaza
Afflati di Felice Serino
Poesia a tema di Vivì
Haiku di Maria Luisa Bandiera
Haiku, Tanka e ... volo libero di Salvo Scamporrino

SpiegaPoesie riproposte
Sedoka 5 di Sara Acireale
Weekend di Augusto Cervo
Nel mio sogno di Paola Pittalis
E Napule (te chiamma) di Peppe Cassese
A Tristano di Riccardo Piunti
A mia figlia di Riccardo Piunti
Un sogno sul prato di Sara Acireale
Sedoka 4 di Sara Acireale
Ali di Giorgio Dello
Sciacchetrà di Vivì

I 10 autori più recenti:
Poeta Anais: 2 poesie
Poeta bdd: 1 poesie
Poeta Fadda Tonino: 3 poesie
Poeta Stefano Panozzo: 4 poesie
Poeta Gabriella Giusti: 2 poesie
Poeta gigiemme: 2 poesie
Poeta DomenicoBerardi: 4 poesie
Poeta Cercatore di conchiglie: 2 poesie
Poeta Adriana Bellanca: 6 poesie
Poeta Lamberto Laurenti: 1 poesie

Autori del giorno
Autore del giorno ilaria montali
(31 Luglio 2018)
Autore del giorno Lidia Filippi
(30 Luglio 2018)
Autore del giorno El Corripio
(29 Luglio 2018)
Autore del giorno Marcello Abela
(28 Luglio 2018)
Autore del giorno Maria Ligorio
(27 Luglio 2018)
Autore del giorno Desireè Nigito
(26 Luglio 2018)
Autore del giorno Teone
(25 Luglio 2018)

Autori del mese
Autore del mese Giovanni Chianese
(Luglio 2018)
Autore del mese Amara
(Giugno 2018)
Autore del mese Giovanni Monopoli
(Maggio 2018)
Autore del mese Nunzio Buono
(Aprile 2018)
Autore del mese Mariasilvia
(Marzo 2018)
Autore del mese Azar Rudif
(Febbraio 2018)






Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale
Pubblicare poesie

Trovati 1218 commenti di carla vercelli

Commento n° 1218
«Musicale all’ennesima potenza, una vera e propria Ballata, la cui eccellenza ritmica è rafforzata, oltre che dal metro e dalle rime, anche dalle anafore.
Molto apprezzata!
»
Inserito il 27/09/2018 da carla vercelli alla poesia "Ballata - Autunno, mi darai forse un Dì questo poco di Ebe" di Massimiliano Zaino  

Commento n° 1217
«La "polisemia" in linguistica non è la mancanza di chiarezza dei concetti, bensì il plurimo significato di una parola. La funzione poetica del linguaggio (il linguaggio ha diverse funzioni) ha una valenza sia denotativa, sia connotativa. Esempio: se uso la parola "notte"... In poesia, se la monosemia della singola parola è auspicabile, è vero anche che l’espressione di concetti chiari non fa una poesia ed è auspicabile pure l’uso di metafore, musicalità (non necessariamente metrica ma ritmo) e creatività della lingua, altrimenti la poesia è solo comunicazione (per la quale posso usare il linguaggio quotidiano o scientifico o specifico che si fonda sul dizionario), ma non è arte, che è respiro, battito della vita e innovazione.
Apprezzata!
»
Inserito il 08/08/2018 da carla vercelli alla poesia "La poesia semplice" di Antonio Terracciano  

Commento n° 1216
«"Spogliando una rosa"... bellissimo titolo per un’altrettanto bella poesia, melodica, sognante, riflessiva, evocativa di splendide immagini e trasparenti emozioni...
Molto apprezzata!
»
Inserito il 06/08/2018 da carla vercelli alla poesia "Spogliando una rosa" di Franco Scarpa  

Commento n° 1215
«Scrivi molto bene, c’è un pathos doloroso (che a me personalmente non appartiene, ma ognuno scrive della sua vita...), mitigato però dall’uso di metafore e chiuse fantastiche!
Molto apprezzata!
»
Inserito il 06/08/2018 da carla vercelli alla poesia "Dichiarazione d’amore" di Pino Gaudino  

Commento n° 1214
«Bella, fluida, sensualissima, delicata, raffinata, fresca... un modo per scrivere d’eros senza parlarne apertamente. Complimenti!»
Inserito il 03/08/2018 da carla vercelli alla poesia "La bagnante" di Gesuino Curreli  

Commento n° 1213
«"Il poeta non è un fingitore/ egli è fantasma che gira per i cuori in rivolta..." osserva la piazza, la guglia, le tazzine, le mosche, le cameriere sole, nessun cenno di rivoluzione, si mischia coi bambini, prepara porte di quaderni. Il poeta non è tante cose, non è un fingitore, un infelice, un politicante, un filosofo, non è neppure un fanciullo sprovveduto. Egli è un non qualcuno, è un fantasma di tutto questo. E’ poeta, "fantasma che gira per i cuori in rivolta". Non esiste quindi una funzione sociale della poesia nel senso più elementare e ideologico del termine, ma il ruolo della poesia, semmai, è quello di concepire mondi utopici, onirici e impossibili, senza deformare, pure in poesia, il mondo in cui già viviamo.
Pregevole opera!
»
Inserito il 01/08/2018 da carla vercelli alla poesia "Cuore del mattino" di Giovanni Perri  

Commento n° 1212
«Straordinaria breve in cui la poetessa si chiede, a mio modo di vedere, l’importanza dello sguardo "questa iperbole arsa" in poesia. Vero è che la poesia più che descrittiva ha funzione evocativa, ruolo di evocare sentimenti, emozioni, riflessioni, ma da qualche parte bisogna pur partire... e la poetessa, vera maestra d’impressionismo, questo lo sa. Vi scorgo anche una insofferenza alle regole quando accenna alle virgole come graffi, al peso goffo delle sillabe in analogia a ferite, interruzioni dell’anima. E ha ragione: talvolta le poesie più belle sono quelle che scorrono senza punteggiatura e senza metrica.
Di grande splendore esistenziale e poetico!
»
Inserito il 28/07/2018 da carla vercelli alla poesia "Per quante pagine" di Rita Stanzione  

Commento n° 1211
«Lia, come anche altri autori del sito, scrive d’amore e d’amor perduto senza nominarlo, come un "lanciatore di coltelli che tocca da lontano, il cui errore è quello di centrare il bersaglio e la grazia è quello di mancarlo," (citazione di Erri de Luca). Credo che sia un modo di fare poesia esteticamente valido, che ha dei fondamenti remoti, ma è al contempo molto moderno e, nel caso di Lia (e anche di altri, ovviamente), un modo di scrivere, direi, "postmoderno" ed è da intendersi come complimento. Postmoderno perché c’è una tendenza metanarrativa, di coinvolgimento del lettore nella narrazione, non seguendo un ordine logico e temporale, ma mischiando emozione- immaginazione e realtà, passato e presente in interessante flusso di coscienza»
Inserito il 28/07/2018 da carla vercelli alla poesia "Di bassa luce" di Lia  

Commento n° 1210
«D’ispirazione splendidamente baudelairiana, un’esaltazione della follia e della disperazione del poeta e dell’uomo che trova via di risanamento e redenzione nella Bellezza. Le cose belle non sono per i santi ma per i dannati, scrive Santo Aiello, appellandosi a quella luce della poesia che lo pervade.
Molto apprezzata!
»
Inserito il 24/07/2018 da carla vercelli alla poesia "Il dio dei dannati" di santo aiello  

Commento n° 1209
«La poesia è sempre spirituale, anche se non si occupa di spiritualità, e quindi quel verbo incantatore della poesia, che ne fa il segreto di Dio, mi affascina e convince moltissimo... (L’unica cosa, ma è una mia personale impressione, io avrei tolto il "ne", non necessario, al penultimo verso per evitare una sovrapposizione col "nella" del verso prima).
Molto apprezzata!
»
Inserito il 23/07/2018 da carla vercelli alla poesia "Verbo" di Daniele miraflores  

Commento n° 1208
«Bello questo monito di Danilo Tropeano a costruire una civiltà dell’amore fondata sull’essere e non sull’avere, sull’emozione e quindi sulla poesia piuttosto che sull’utile. A proposito del rapporto fra emozione, essere, e poesia vorrei citare una frase di Thomas Stearns Eliot: "La poesia non è un modo di liberare l’emozione, ma una fuga dall’emozione, non è un’espressione della propria personalità, ma una fuga dalla personalità. Ma, naturamente, solo coloro che hanno personalità ed emozioni sanno cosa significa voler fuggire da queste cose."
Molto apprezzata!
»
Inserito il 23/07/2018 da carla vercelli alla poesia "Civiltà dell’Amore" di Danilo Tropeano  

Commento n° 1207
«Un registro ironico, quello della poesia dell’autore, che è comune alle poesie secondo me più affascinanti, Perché o il poeta è veramente un profeta, un saggio e la sua poesia ha una limpida valenza irenica, ispiratrice di virtù e di pace o altrimenti meglio gigioneggiare col mondo, complice Euterpe, colei che rallegra, dicendo cose sagge comunque.
Molto molto apprezzata!
»
Inserito il 21/07/2018 da carla vercelli alla poesia "Il mestiere di gigioneggiare col mondo" di numerouno  

Commento n° 1206
«Renoir scrisse, a distanza di anni dalla nascita dell’impressionismo, dissacrando questo movimento artistico che tanto aveva donato anche a lui in termini di notorietà, fama, successo, denaro: "Uno di noi aveva finito il nero. Si servì del blu. Era nato l’impressionismo!". Forse, come si evince da questa frase, l’impressionismo nacque per caso, ma fu, ad ogni modo, una rivoluzione in pittura che ebbe i suoi effetti anche in altre arti. La luce e il colore, l’arte en plein air, l’attenzione all’attimo fuggente e quindi al movimento, al divenire, i soggetti naturali, familiari e urbani... tutto questo ha trovato posto anche in poesia, quella della fine dell’ottocento a cavallo tra decadentismo ed ermetismo, fra vitalismo e crepuscolarismo.»
Inserito il 12/07/2018 da carla vercelli alla poesia "Poesia impressionista" di Antonio Terracciano  

Commento n° 1205
«Veramente incantevole questa descrizione di sapori, profumi, odori, colori d’estate... tutto è minuto "stradina... finestrelle all’acqua..." ma tutto è intenso ed intriso di meraviglioso ed eterno stupore!
Molto apprezzata!
»
Inserito il 18/06/2018 da carla vercelli alla poesia "Sapori d’estate" di Galante Arcangelo  

Commento n° 1204
«Da pittrice comprendo che i colori hanno la capacità di rispecchiare i nostri stati d’animo, a volte più delle parole... L’ocra ha effettivamente una connotazione monocorde che ricorda il deserto, la roccia, la sabbia... "un suono attutito proveniente dal nulla, un rumore sordo ovattato che si muove dentro..."
Molto apprezzata, con una chiusa magnifica!
»
Inserito il 16/06/2018 da carla vercelli alla poesia "Ocra" di Eolo  

Commento n° 1203
«Belle queste suggestioni parigine, tra "metafisica e libido...", canzonettiste e poeti, bistrot e serate al piano bar...
Molto piaciuta ed apprezzata!
»
Inserito il 16/06/2018 da carla vercelli alla poesia "Une amie très chère" di numerouno  

Commento n° 1202
«Una bellissima dedica alla figura materna, "voce nei cortili" mi ricorda una poesia di Mario Luzi: "Nelle stanze la voce materna è bella..."
"Canto d’amore che sul mare si diffonde" conclude Eolo e infatti il mare è più volte, da sempre, considerato il simbolo della madre, tanto che in molte lingue il sostantivo "mare" è femminile.
Delicata, colma d’amore e di venerazione, molto apprezzata!
»
Inserito il 08/06/2018 da carla vercelli alla poesia "Mia madre" di Eolo  

Commento n° 1201
«Meravigliosa fiaba... si sente tutto il pathos delle emozioni provate dalla foglia e con finale- morale bellissimi e significativi. Penso che persino Monet vorrebbe un tale capolavoro a commentare la nascita delle sue ninfee.
Molto apprezzata!
»
Inserito il 24/05/2018 da carla vercelli alla poesia "La Foglia, ossia Come nacque la Ninfea" di Massimiliano Zaino  

Commento n° 1200
«Che splendida descrizione di giardini antichi dove la magnificenza delle piante e dei fiori si mescola con quella degli amanti, re, regine, principesse, principi ...immortalati per sempre nei dipinti tramandati che narrano delle loro gesta e delle loro regali vite, intrise, come quelle di tutti gli umani, di amore e di Bellezza.
Molto apprezzata!
»
Inserito il 23/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Giardini di primavera" di Giorgio Andreato  

Commento n° 1199
«Piacevolissima composizione in cui è descritta mirabilmente la pesca dei calamari (mai provata, ma c’è sempre da imparare) in modo scorrevole e gradevolissimo sia dal punto di vista musicale che dal punto di vista visivo: al lettore pare di assistere alla pesca e all’annodamento della lenza...
Molto apprezzata!
»
Inserito il 23/05/2018 da carla vercelli alla poesia "La pesca del calamaro" di Augusto Cervo  

Commento n° 1198
«La trovo bellissima... anzi magnifica... una di quelle poesie che incantano alla lettura, sovvertono gli schemi mentali e ci si trova sbalzati in un quadro astratto o surrealista dove l’immaginazione ha la padronanza assoluta...
Io vi leggo un rapporto d’amore e di apprendimento, probabilmente quello con la madre.
Molto apprezzata!
»
Inserito il 23/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Pochi decimi di efa e un grano nuovo" di Claudia Sogno  

Commento n° 1197
«Un ritorno ad Itaca, metaforicamente, che rappresenta la vera essenza del viaggio- Nostós in greco, da cui deriva la parola nostalgia: essenza del viaggio che consiste nel cambiamento, nella metamorfosi, nel divenire... Si ritorna profondamente cambiati da un viaggio, pronti a nuove sfide d’amore e di vita, permeati da quella nostalgia d’eterno, d’infinito e di trascendente che dovrebbe caratterizzare l’umano.
Bellissima poesia d’amore e non solo... Molto apprezzata!
»
Inserito il 18/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Nostós: il ritorno" di Eolo  

Commento n° 1196
«Leggere le poesie di Lia è come entrare in una luna park onirico e poetico dove s’incontrano attrazioni irresistibili, a volte capaci di deformare, elevare, sublimare, giostrare, giocare con la realtà... In questa "fusaggine" (etimologia della parola da fusione? da fuso? da fusa?...) io vedo e sento una distanza... Almeno così mi giunge. Ma indipendentemente dall’interpretazione dico che mi piace e che Lia meriterebbe più riconoscimenti ufficiali della sua creativa e significativa (lo si capisce da come commenta, sempre attentissima...) vena poetica.
Molto molto apprezzata!
»
Inserito il 17/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Fusaggine" di Lia  

Commento n° 1195
«Mi è piaciuta moltissimo. Un gesto della donna amata che racchiude davvero l’eleganza e l’ostinazione delle donne da secoli e secoli... un gesto osservato e fissato nella mente del poeta e rapportato dall’essenza della femminilità alla sua essenza, quella maschile, in un venerabile ossequio, rispetto, attrazione per l’altro sesso che è sigillato nella bellissima chiusa.
Molto apprezzata!
»
Inserito il 15/05/2018 da carla vercelli alla poesia "I tuoi capelli" di Luciano Capaldo  

Commento n° 1194
«Vedo in questa poesia, breve ma fascinosa, tante storie, leggende, miti del popolo del mare, storie e destini che s’intersecano da millenni nel Mediterraneo, storie di uomini e donne tenaci, forti, volitivi, curiosi, umili... che attendono la "rugiada di un mattino annunciato".
Molto apprezzata!
»
Inserito il 15/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Il popolo del mare" di Eolo  

Commento n° 1193
«Mi piace la gioia di vivere che sprizza dalle poesie di Giovanni Ghione...
Ora si cimenta con il mese di maggio, evocandolo sinteticamente con pochissime pennellate, ma esaurientemente per fare assaporare al lettore tutta quell’aura di "speranza e coraggio", promessa e abbandono che questo mese, bellissimo, reca con sé.
Molto apprezzata!
»
Inserito il 15/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Maggio" di Giovanni Ghione  

Commento n° 1192
«La gente può apparire "strana" a seconda degli stereotipi culturali con cui uno si relaziona all’altro (io, per esempio, tendo a considerare "strano" chi non è artista... quando so che intorno sono alcuni altri che considerano "strana" me...) o più semplicemente se ha un comportamento diverso rispetto al nostro... chi ha molta sensibilità, per esempio, tende a considerare "strano" chi non ne ha e viceversa. Il problema è che si tende a costruire, come ben scrive il poeta, subito muri e castelli dove le ricchezze di un possibile confronto vengono sepolte in antiche segrete, celando emozioni piuttosto che condividerle.
Molto piaciuta e apprezzata!
»
Inserito il 12/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Gente strana" di Galante Arcangelo  

Commento n° 1191
«La porcellana è fragilissima, delicatissima, può andare in frantumi ma al contempo è un materiale molto temprato, non si deforma e nemmeno si scolora tanto facilmente se uno ne ha meticolosa cura... Un po’ come per i legami con le persone, più o meno preziose ai nostri occhi.
Bellissime metafore in versi molto apprezzati!
»
Inserito il 12/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Porcellana" di Eolo  

Commento n° 1190
«Una poesia amara di Terracciano che contiene però delle verità, almeno per quanto riguarda i motivi dell’unità nazionale. Vi leggo comunque una certa anglofobia che io limiterei alla prima parte della nostra storia (se penso all’ultimo conflitto mondiale senza gli Americani non ne saremmo mai usciti, oltre al contributo fondamentale della Resistenza...), un’anglofobia che condivido per l’ultimo periodo storico, dagli anni ‘50 in poi: troppo schiavi e assoggettati al modello e al sogno americano... (Ora come ora troppo schiavi del modello e del sogno europeo...).
Molto apprezzata, da un poeta che sa sempre quello che scrive e ha anche il coraggio di andare controcorrente!
»
Inserito il 11/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Una semplice espressione geografica" di Antonio Terracciano  

Commento n° 1189
«Mi piace molto il modo di poetare dell’autore usando parole straniere che ormai però fanno parte della nostra lingua italiana o almeno del linguaggio comune (io non sono del tutto una purista) e di trovare la rima puntando sul suono (che poi è giusto perché le poesie andrebbero sempre lette ad alta voce) piuttosto che sullo spelling: esempio -smartphone -suon-. Inoltre i temi trattati sono di scottante attualità.
Molto apprezzata!
»
Inserito il 11/05/2018 da carla vercelli alla poesia "Cari gingilli cibernetici" di Mattia Pomponi  

Successivi 30

1218 commenti trovati. In questa pagina dal n° 1218 al n° 1189.



Lo staff del sito
Poesie su Internet
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore - Cookie policy
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .


Copyright © 2018 Scrivere.info Poesie Poesie erotiche Poesie d'amore Nuovi poeti Poesie scelte Poesie sulle donne AquiloneFelice.it