3’240 visitatori in 24 ore
 194 visitatori online adesso




Pubblicare poesie Pubblicare poesie
Pubblicare poesie

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Delusione Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Illusione Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Memoria Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Tristezza Uomo Vento Vita


Visitatori in 24 ore: 3’240

194 persone sono online
Lettori online: 194
Ieri pubblicate 23 poesie e scritti 35 commenti.
Poesie pubblicate: 344’560
Autori attivi: 7’484

Gli ultimi 5 iscritti: Alexakits - Mixnag - Annacow - BrucePralk - Tedesco Vito
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereDanilo Tropeano Messaggio privato

_



Seguici su:



Gennaio 2020  
do lu ma me gi ve sa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24

L'ebook del giorno

Sei personaggi in cerca d'autore

"Sei personaggi in cerca d'autore" è il dramma più famoso di Luigi Pirandello. Esso fu rappresentato per la (leggi...)
€ 0,99


Raccolte di poesie Raccolte di poesie
Sogni e segreti di Salvo Scamporrino
Vita trasversale di Felice Serino
Lei di Berta Biagini
Abbasso gli artifici di poeta per te zaza
Crónicas di Arelys Agostini

SpiegaPoesie riproposte
43... 40... 71...(numeri scelti non semza ragione) di Peppe Cassese
Orizzonte di Carmine Ianniello 1
Legami e legami di Antonio Terracciano
Le bianche parole di Antonella Garzonio
Baishù 11 di Sara Acireale
I fiori sono come stelle lucenti di Sara Acireale
Albe e tramonti di Vivì
Dentro il tuo respiro di Maria Luisa Bandiera
Shoah di antonio giuseppe perrone
L’etichetta di Alessandro Sermenghi

I 10 autori più recenti:
Poeta Tedesco Vito: 1 poesie
Poeta Josh Merak: 2 poesie
Poeta France52: 1 poesie
Poeta Loreta Carcaterra: 10 poesie
Poeta Artfol: 3 poesie
Poeta Rosalba Fieramosca: 5 poesie
Poeta Marinella: 1 poesie
Poeta oikosmm: 1 poesie
Poeta giuseppe palumbo: 2 poesie
Poeta Patrizia Savi: 1 poesie

Autori del giorno
Autore del giorno Lara
(30 Aprile 2019)
Autore del giorno Demetrio Amaddeo
(29 Aprile 2019)
Autore del giorno Danilo Tropeano
(28 Aprile 2019)
Autore del giorno Lara
(27 Aprile 2019)
Autore del giorno Francesco Rossi
(26 Aprile 2019)
Autore del giorno Mauro Santi
(20 Marzo 2019)

Autori del mese
Autore del mese Silvia De Angelis
(Giugno 2019)
Autore del mese Amara
(Maggio 2019)
Autore del mese Saverio Chiti
(Aprile 2019)
Autore del mese Franca Canfora
(Gennaio 2019)
Autore del mese Andrea Palermo
(Dicembre 2018)
Autore del mese Cinzia Gargiulo
(Novembre 2018)






Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale
Pubblicare poesie L'autore della settimana: Paolo Franzini

L’Imperatore dai Germogli di Té

Fiabe
Così cantava un dì il Dragòn cinese,
cantava una canzone dolce e flèbile
di prodezze e di guerra, e quiete e Amore;
cantava eterni misteri e perenni
noie, e trambasciati cuori, e afflitti volti...
e cantava... cantava;
e il cièl notturno del Catài suo immane,
cui i sacri Dei lo dièdero a custode,
e che era la sua tana e il suo dominio,
fu allòr che un giorno
di questi versi gentìl e profani...
d’immenso si coprì.
Suonate voi, oh divini flauti antichi,
che dal bambù siete stati intrecciati
da’ i saggi legnaiuoli!...
e tu, Konghoù, sì dolce arpa... deh, trilla
insièm danzando con il liuto sacro
che, con le quattro corde, inneggia a’ i Numi
avìti e agli Antenati tutti! e tu,
Shèng, pìccolo lamento di tue trèdici
canne, sìbila e canta...
e il Dragòn accompagna che si cinge
di questa antica terra e gioie e dolori
a immortalàr!
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che era Notte, e il cielo tetro.
Poche ore, forse, mancàvano all’alba
nuova, sì che da Levante lentamente
il celeste mantello si rischiarava,
or lasciàndolo preda delle tènebre,
ora coprèndolo appena d’un fìl
di roseo e fulvo lume.
Lì, su’ i vicini monti, eterno e immòbile
l’immane muro di Cheng regnava a solida
difesa d’ogni sconfinato lìmite;
e da lì, appunto, venìvano tristi
e melànconiche ombre di guerrieri,
con le loro alabarde e l’alte picche,
e gli appuntiti elmetti, e le corazze
di ferree piastre ordite...
Tornàvano dalla guerra funesta,
ed èran vinti, e sgomentati... e biechi;
e l’insegne funeste èran infrante,
segno nefasto di sconfitta oscura,
vaticinio di Morte e di timori...
segno fatàl!
E dietro loro, carri atroci e bruti
procedèvano avanti,
su’i qual giacèvano i prodi eroi estinti
nel violento certame.
Allòr fu chiaro che gli Xiù-gno, i Bàrbari!
i selvaggi! i crudeli... i sanguinari!
le reali truppe massacràron tosto...
e a nulla valsero in sul muro i forti
balestrieri dall’arme aguzze e sacre,
a nulla gli altri arcieri...
nullo il valòr!
E sur d’un carro, or trafitto e coverto
di fanghiglie e di piaghe, ahimè! giaceva
l’Imperatore...
l’Imperatore! il nostro sacro Re,
il nostro Padre!...
e intorno stava, dolente e a cavallo,
il primo suo condottiero... e piangeva,
e ne chinava il volto, e vergognava...
e conficcata alla mancina scàpola
colma di sangue avèa una trista freccia...
e sovente guardava il corpo morto
del sacro Re, di colui che gli Dei
avèan donato a santa e saggia voce
della Volontà loro...
di colui che, guerriero, ei amò cotanto
e che ovunque servì... E ora... ora era spento,
addormentato per sempre nel sonno
da cui non v’è risveglio,
se non là, nel Pèng- lài!...
Ma questo suo condottiero, alla fine,
benediceva d’èsser vivo ancora...
che i truci Bàrbari avèsser ucciso
altri e non lui... E allora pensava:
la sua famiglia che avrebbe rivisto,
dopo che la abbandonò promettendo
presto ritorno e conservata Vita, e
l’ara degli Antenati cui in preghiera
si sarebbe chinato nuovamente...
a ringraziare, forse, del respiro
ancora trattenuto; e
pensava a’ le figliuòle... a’ le sue figlie
pìccole e care che di nuovo avrèbbero
lui chiamato "Padre"...
figlie che a’ poco ne sarèbber state
pronte ad accoglièr possente marito; e
pensava a’ la sua sposa, a’ i baci suoi,
a’ gli àttimi felici pe’ i giardini
di Chang-àn... E piangeva!...
Come poteva osare?... Il suo signore -
appèn vicino - defunto stava...
ed ei? Pensava d’èssere scampato
a’ Morte, e a’ lutti altrui,
al pianto della moglie e della prole!
Oh tracotanza infame pe’ un guerriero!...
Così, a lungo ei rivolse il guardo al muto
cadàvere adorato,
e per rabbia e per sdegno prese il dardo
che aveva conficcato e lo spezzò,
la metà rotta a terra rigettando
con furore irabondo.
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Oh Tài- pèng... Tài- pèng! Così svelto chiuso
in terribile lutto per la Morte
del tuo signore, poscia ardita pugna
contro que’ Bàrbari i quai, oltre i confini,
sereni vìvono e ignoranti e forti,
contenti di vagàr di qua e là, in questua
di nuovi pàscoli e pìccole terre!
Tài- pèng... Tài- pèng! Oh vìttima sublime
di guerre insane per rènder sicuro
il Regno che edificò Shi- Huantì, dopo
anni d’odio profondo
tra le dinastie tue!...
Oh Tài- pèng! Quanti lutti oggi hai contati?
Quante madri private de’i lòr figli
in armi corsi...
corsi a miràr se le leggende avìte
del Pèng- lài siano vere e non menzogne...
corsi a morìr!
Oh Tài- pèng! E ora chi siederà, dunque,
sul tuo trono possente?
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che l’Imperatòr aveva
un figlio, e che era giòvine e inesperto,
e a’ vizi dèdito, e pronto a’ la noia,
e il nome era Huen- dì.
Cantava che il giovinetto ancòr più
divenne folle, e crudo e bruto e infame
nel rimiràr il padre estinto e morto...
nel vedèrsi quel volto amato... e pàllido... e
spento... e silente per l’eternità...
nel sapèr che mai più lo avrebbe udito
contàr di leggi morali e di saggi
consigli... che mai più sarebbe stato
tra le sue braccia;
e allòr per questo lutto
ei un’immane iracòndia co’ il suo Pòpolo,
ahi! l’insano! sfogò.
Imperatòr novello ei proclamato,
così le tasse alzò, e oro pretese... oro,
e ricchezze e piaceri; e non sapiente,
un Tiranno divenne, ombra di quelle
più oscene e brute...
ombra che all’ombre andò.
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Oh Tài- pèng... Tài- pèng, così tristo istante
il tuo dolòr invade; e il tuo signore
di te, forse, si fa beffe e d’ischerni
insani ei dovunque il tuo fièl riempie,
e ti sogghigna!
Oh Tài- pèng, pòvera ombra di trascorse
glorie e pàllidi fasti...
ora inghiottito dal vizio e da brìvidi
di Morte atroce e d’ingiustizia infame,
Tài- pèng, che con più possa resistesti
a Notti cupe di Bàrbari e guerre...
mìsero mio Tài- pèng!
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che Huen- dì un giorno ne andò
nel meridiòn dell’Impero e che, lì,
nello Yùnnan, a riscuòter le gabelle
ei stesso ne bramava.
Per miglia e miglia si fè trasportare
su’ una lettiga, e intorno, avèa gli sgherri,
i qual, a cenno suo, vessàvan spesso
i campestri villaggi.
E il Pòpolo lo odiava e ‘l maledisse,
ed ei più che Imperatòr fu un bandito!...
V’era un villaggio nello Yùnnan sacro,
ove tra le risaie, in trista miseria
vivèan un padre e una giòvine figlia
che nulla... nulla dassenno avèan, sì
tanto pòveri stàvano.
E fu così che il bruto Imperatore
da costoro pretese monete e oro.
Cheng, il pòvero padre, volèa dargli
sol de’ i sacchi di riso, quei che avèvano
per vìvere a giornata,
e tanto lo pregò che nulla d’altro
possedèvan; ma l’empio non credette,
e insistendo, sbraitò.
E intanto i tristi sgherri del Sovrano
sghignazzàvan contenti come ubriachi,
e minacciàvan tremende violenze
a’ gli altri contadini,
i quali, in fine, il poco oro ne dièdero.
Huen- dì, però, non era pago ancora,
e ancora ansando insisteva da Cheng.
In realtà, gli credeva... ‘l sapèa mìsero,
glielo vedeva da’ i vestiti umìli...
da’ i tessuti e stracciati e sporchi, e guerci;
ma ei aveva il desiderio sì crudele
di vessàrlo, ahi, il furioso!
E Hsi, la figlia! che pòvera fèmmina...
che mìsera creatura! Così muta,
terrorizzata in silenzio da quel
Re così infame... da quel Re che spesso
ella in volto fissava, con le làgrime
lievemente annunziate agli occhi belli,
quasi a cercàr pietà!
E Hsi! "Chi fia costei?" chiedèa tra sè
l’Imperatore "Perché mi rivolge
quello sguardo gemente?... Perché quasi
sento di non resìstere a tal pianto?"...
e poi risolse "Facciàmola piàngere!".
Così Huen- dì ora ordinò a’ gli sgherri suoi
di prèndere quel vecchio uomo cencioso
e di portarlo in prigione a Chang-àn.
E quel che poi successe, rivòltandosi,
si rifiutò di guardare, quasi avesse
paura del cuore suo.
Infatti, brutalmente tolto via
all’abbraccio impaurito della figlia,
due alabardieri Cheng prèser con sé...
E Hsi... Hsi si buttava a loro dianzi...
in ginocchio, e ‘l pregava, e pietà ambiva...
e a’ le risate de’ i crudeli sgherri
dicèa all’Imperatore che giammai
ei èsser poteva davvèr sì malvagio...
che non così si pingeva il Sovrano
della sua terra...
e per poco uno sgherro per zittìrla
non la frustò.
Ma, intanto, il padre, la ciurmaglia,
e tutti gli altri ora si allontanàvano;
e Hsi rimase sola...
rimase a piàngere.
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Oh mìsera fanciulla! Smorta e pàllida,
condannata a soffrìr dalla sua terra...
prostrata al suolo e di cenci coverta,
con le sue gambe mezze ignude e in trèmiti, e
prementi i vermi d’un fango irrisorio,
d’un fango che la vuole
fatta di sé...
che ride e ghigna come questi sgherri
della sua povertà e del suo dolore,
del pòver padre incatenato e vecchio
il quale ora farà a piè miglia e miglia,
dalle alabarde punzecchiato... e verso
il perìcol di Morte!...
Oh mìsera fanciulla! Qui indicata
a vergogna da tutti mentre giace
a terra... e piange... e che poi tutti
abbandònano tosto!
E tu, Tài- pèng, lo tòlleri?...
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che Huen- dì fu sì colpito
da quei bei occhi di donna che bramò
prèndersi una moglie.
Ma niuna fèmmina a Chang-àn gli venne
apprezzàbile e bella
sì che più volte, per rivedèr tai occhi,
chiamava una concubina di nòbili
suoi amici, e la faceva lagrimare
a suòn d’insulti e grida.
Ma anche così non trovava èsser pago.
Allòr bandì per tutto il gran Impero
che, poiché egli cercava una fanciulla
per sposa, le fanciulle più serene
e ricche e belle, avrebbero dovuto
entro la fìn del mese
presentàrsi alla Corte, e costì fàrsi
scègliere da lui istesso.
Hsi sentì il bando che un araldo urlava,
e dopo giorni e giorni di aspro pianto
e tanta angoscia, allòr pensò d’avèr
una speme... una inqieta speme estrema
di liberàr il padre.
Si sarebbe così fatta miràr
a Corte, e appèn dinnanzi all’empio Re
gli avrebbe detto la verità ambita:
no! non era lì per èsser sua sposa,
ma per riavèr il padre!...
Eppùr v’èran problemi. Come, infatti,
poteva andàr a Corte, lei... una mìsera
fanciulla priva di tutto, che a’ stento
non faceva la fame per un campo
di riso? Lei, con i vestiti sporchi
e stracciati e cenciosi?... Lei, davanti
a un viaggio inquieto al Settentrione ignoto?...
Lei, che avrebbe dovuto a’ piedi miglia
e miglia fàr... e indifesa e fanciulla?...
Ponèndosi queste domande andò
all’ara di sua madre... estinta madre...
e la pregò... la pregò di aiutarla;
e proprio mentre la pregava, a lei
sovvenne d’una vecchia e fine seta...
d’una vesta materna, non di certo
ricca, ma bella... nulla a che fàr con
la mùssola cenciosa che ora avèa;
e le sovvenne perfìn d’un lontàn
giardìn di Té selvàtico e dimèntico
a tutti... Avrebbe offerto del Té al crudo
Imperatore?...
Eppùr in quella stagione il Té ha le foglie
ancora chiuse in càndidi germogli...
ed è inùtile forse!...
Eppure sembra argento, con la sua
lanùggine luccicante a’ le fiamme
del Sole ambrato!...
Eppure argento è quel che il Re ne brama!
"Sì!" diceva la giòvine fanciulla,
"Offrirò queste foglie al nostro Re,
e poi gli dirò il vero;
e se davvèr è nato empio e crudele,
se le suppliche mie non vuòl intèndere,
almeno stringerò mio padre ancora
pria che su entrambi ne cada la scure
del terribile boia!".
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che la fanciulla rivolse
i piè in ver il giardìn del Té sognato,
e che qui raccoglieva ceste e ceste
di sì argentei germogli...
che Notte e giorno ivi trascorrèa sempre,
lagrimando e fremendo e pianto freddo
e sudòr caldo,
e che, a riposo della sua fatica,
ella sedèa a una roccia e il mìser flauto
suonava il cièl intenerendo ovunque...
e che nessùn osava darle aiuto,
che folle era diventata per tutti...
Ed ella raccoglieva... e raccoglieva...
eppùr in molti giorni poco avèa
colto. Tra l’altro notò che le piante
più belle e ricche èran le più lontane...
là, sulle cime scoscese e perigliose
delle piccìn montagne... là, ove pietre
e sassi e serpi facèvan paura.
Sicché un meriggio l’impresa tentò.
Hsi s’accinse così a scalàr le rocce,
ma posto màl un piede, or cadde e svenne.
Ma gli Dei la vedèvano...
gli Dei vìndici e forti del Sovrano...
i nostri Dei.
Fu allora che destàndosi si vide
intorno un’ombra istrana e àgile e scialba
la qual, quand’ella pianse, a lei vicina
si fece. Era una scimmia...
e questa scimmia, mirando le ceste
della fanciulla e i bei germogli dentro,
scattando s’arrampicò per le pietre,
e singhiozzando strìduli lamenti,
e agitàndosi un poco,
altri germogli, i migliòr, i più argentei,
raccoglieva e diggiù ogn’ora scagliava.
E sovvenne il Tramonto.
Hsi, allora, vide che la scimmia avèa
raccolti molti germogli e fu contenta,
sicché prese per mano l’animàl
e seco ‘l portava a’ sua capanna,
ove gli offrì dell’acqua.
Poscia raccolse in un fagotto arcano
il materno vestito,
prese un cestòn e vi versò i germogli;
poi chiudèa gli occhi,
e allòr s’addormentò.
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che la fanciulla all’aurora
si destò, e che prendeva un’altra mùssola
da mèttersi sul corpo... e che, a stento
ricordando, un pugnàl si mise in cinta
che a un guerrièr nonno apparteneva un giorno.
Cantava che Hsi si mise alle spalle
il gran cestone e che la falba scimmia
in suso vi si pose a sonnecchiàr,
forse, o a vegliàr come volèan gli Dei;
e che scalza e discinta
la giovinetta a’ il viaggio ardito i piedi
volse, e alla speme estrema.
A Settentrione per tre ore al mattino,
e quattro di meriggio, ogni dì andava,
sedendo a breve a riposàr e a prènder
de’ selvàtici frutti che Natura
incolta offriva, per lei e per la scimmia;
e in sulla Via di Seta, allòr che giunse,
dubbia e quesiti destando a’ errabondi
mercatanti istranieri.
E fu così che verso sera, Hsi
vicina si trovò a Chàng- an, la mèta.
Il cièl si preparava al bel Tramonto,
e tra le risàie, lontano imperava,
com’àquila da’i monti, il muro immane
del Padre Cheng.
Sì... le torri possenti e gli archi e i merli
invasi stàvan dalla triste tinta
melancònica e gèlida del vespro...
quella tinta un po’ sìmile a’ bei pètali
di sì sfumata rosa che, tra il fulvo
del fuoco e il vello d’una arancia, il stame
erge alle nubi...
E, intorno, dalle ripe sacre al riso,
scendèvano e salìvano e volàvano
selvaggi augelli... lìberi e veloci...
lìberi di varcàr i santi lìmiti
da Cheng imposti a’ generaziòn pròssime...
lìberi di solleticàr i divi
troni per l’atmosfera arcana e antica...
lìberi di sognare!
E il riso stava ancora un poco verde
sotto il cièl che piàn, piano si oscurava...
ed ergeva i sogghigni sorridenti
delle sue rane... e ripeteva l’eco...
e animava la terra co’ il suo spiro...
Ed era dell’Eterno la beltà!...
Qui, Yn e Yang, come la sposa co’ il marito,
s’abbracciàvano stretti, e discorrèvano,
e borbottàvano, e poi litigàvan...
e salìvano al Tàlamo,
e generàvano i figli e le figlie,
e richiamàvano i Morti dal Regno
delle Ombre. E fu Natura!
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che la fanciulla d’un tratto
fu presa pe’ i capèi da màn crudele, e
che quando il guardo volse, due banditi
di tergo ne notò.
Il prìm era il più vecchio, un gràn colosso,
con i capelli avvolti qual un prode,
e in màn tenèa una spada e in spalla un arco.
L’altro, invece, pareva un giovinetto,
e una balestra trèmulo puntava
a’ la fanciulla.
"Dove andate a quest’ora?" chiese il veglio
il galantuòm facendo "Non sapete
che qui, per queste vie, si fan incontri
sconvenienti e fatali pe’ una fèmmina?...
Vi sono in giro certi ghigni..." e rise,
"certi pedaggi da sborsàr e tosto!...
Quasi a dirvi, o il cestone o il vostro corpo!...
Mi intendete, nevvero?...
E benché siate cenciosa e misèrrima,
bella voi siete, e mostrate bellìssime
gambe... gambe che gli uòmini perduti
a vagàr per tai strade son anni e anni
che non scòrgono più...
No!" ansimò leggermente nel miràr
il pallòr della mìsera e sentendo
il suo silenzio, "No!... Non state in trèmiti...
sapete? Sono un galantuòmo, o almeno,
il fui. E poi sono vecchio, non son come
questo giòvine mio compàr di forca...
ardente... bello, focoso... Intendete?...
Se voi ci deste il vostro cestòn, giuro,
vi lasceremmo andare avanti. Adesso,
donzella, tocca a voi!".
Hsi era impaurita, e tutta si tremava,
e non sapèa che fàr. Temèa quel dardo
al suo cuòr sì puntato, e quelle verba
gentìl ma oscene temèa ancòr di più...
sì ché il vèr gli rispose, e disse "Imploro
da voi pietade!... Sòn donna e son pòvera,
e questa cesta di germogli è colma
che dal Té un dì ho strappati.
Qui in pianto vago e corro in ver Chàng-àn
poiché con questo dono io vò parlàr
con il Re nostro, e intenerìrgli il cuore,
giacché egli ingiustamente il padre mio -
vessàndolo - in prigiòn lo portò un giorno.
L’Imperatore, infatti, un dì al villaggio
si portò e chiese e argento e oro e ricchezze
a noi mìseri.
Poiché non avevamo questi fasti,
ei s’adirò contro il mio vecchio padre...
E ora, vò che ei lo lìberi e me’l dìa...
per questo ho colto questo Té... poiché
comprenda che soltanto questo io posso
dargli, sprecando le mie Notti e i giorni,
e che questo è il mio argento!".
Ma a questi detti, il giòvin balestriere
a quella cesta s’avvicinò, e fatto
per afferràrla, tanto impallidì
quando la scimmia s’erse co’ il suo muso...
muso che ‘l minacciava.
Frattanto l’altro bandito iscoppiò
così in risate, e sogghignò irritato
"Voi?... Pazza siete!... Io sono Kàng, e fui
il condottièr supremo del compianto
Imperatore... del padre di questi
che ora è sol vizio" e scoperta una spalla
alla fanciulla palesò una ferita.
"Una freccia colpì il mio furòr baldo
quando i Bàrbari uccìsero il Sovrano...
e poi? Huen- dì che fa?... Mi accusa - il bruto -
d’avèr ucciso il padre,
e imprigiona mia moglie, e le mie figlie,
e - graziàndomi - il folle mi esiliò.
Da mesi attendo da stolto bandito
la mia vendetta... raccòglier dell’oro,
e mètter su una truppa mia, e marciàr
contro il malvagio, e liberàr i miei cari,
e il Pòpol tutto...
No, mia fanciulla! Voi siete una pazza!
Huen- dì s’adirerà furiosamente,
e voi... voi, co’ il vostro padre finirete
su un patìbolo osceno...
Ma se davvero siete del volèr
di proseguire, ebbèn! sappiate... fui
e sono padre. E non lascerò mai
una fanciulla sola per tal via.
Vi accompagnerò a Chàng-àn. Ma lì entràr
non potrò. A voi la scelta!"...
E la fanciulla scelse di tentàr
la bieca Sorte.
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che di Kang il compàr era
un contadino. Il suo nome era Tài- zù.
Era adirato poiché il gran Sovrano,
quand’ei ‘l volle, proibì la scuola ambita.
Ei, infatti, desideràva studiàr,
ma pòvero era.
A fàr il masnadièr si diede allora,
e stolto visse soffocando i Sogni.
Cantava che il guerrièr fedele Kang
colmo d’orgoglio viveva e che un giorno
disse a Hsi "Quando sarò Imperatore,
di voi mi ricorderò, e bene avrete".
"Quando sarete Imperatòr?" gli chiese
la donna. "Certo!... Huen- dì è uno stolto morto
che per me avrà scaldato il grande trono,
sul qual farò di nuovo immane il nome
di nostra terra!".
"E se pentito fosse, neghereste
a lui il perdono?".
"Perdonàr questo cane? No... fanciulla!
Morirà tosto. Sarebbe un vigliacco
se si mostrasse pentito... Vi pare?".
"Ma voi siete un guerrièr... un cavaliere,
e come tàl, dovete comportarvi!".
Ma Kang non sentìa ragioni e ghignava.
Viaggiàvano da molto, quando fu
che alle porte sublimi di Chàng-àn,
un funzionario imperiale fuggiva
ver la campagna...
e gridò d’aiutarlo.
Kang impassìbile or stava e ghignante,
si ché Hsi gli diceva "Fate voi
qualcosa per quel mìsero che fugge!"...
e intanto, bande d’armati furiosi
al fuggitivo corrèvano dietro.
"Fia We- hì, nòbile amico del Sovrano"
rispose Kang "Che vada a trovàr gli Avi!".
"Ma è in perìcolo!" disse la fanciulla,
"E voi cavalièr siete. Dàtegli aiuto!".
"Ha ragione!" sclamò Tài- zù "tra l’altro,
forse, costui ci farà entrare tosto,
e accompagnerà, poi,
a Corte questa donna!".
E così Kang si convinse, e allòr corse
dietro a’ i malvagi, e con le frecce acute
di Tài- zù, ebbe la meglio su que’ bruti.
We- hì, allòr, lo riconobbe... ma fu grato,
e saputa ogni cosa, la fanciulla
ei accompagnò al Palazzo.
Così cantava un dì il Dragòn cinese.

Cantava che la fanciulla a Chàng-àn
entrò e verso il Palazzo si diresse.
"Sire" diceva a We- hì "non posso entràr
così vestita e sudata e cenciosa.
In questo mio fagotto ho un’altra veste,
ma... insomma... ho d’uopo d’acqua e di non èsser
vista". Allora We- hì tosto indicò
a lei una vecchia casa e le rispose:
"Nessùn vi àbita, e in cortìl v’è un fonte.
Entrate, e fate quello che dovete!".
Quando Hsi uscì era bella e lustra e monda,
e We- hì i monìli d’un’amante sua
con grazie le prestò. E giunsero a Corte!
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che l’Imperatòr sen stava
crudele e furibondo in sul suo trono
e che a tremenda noia ebbe e ne trovava
le prime madamigelle che, piene
d’oro e d’argento e d’adamanti ameni,
s’èrano presentate qual volèa
l’appetitoso bando.
Quando Hsi entrò nella sala del grande
trono, co’ il suo cestone ancòr in spalle
e la scimmietta,
v’èrano appunto due di queste dame...
due Persiàne, di cui una a’ piedi scalzi
e a’ ignudo ventre una danza faceva
che il Re colmava di furente tedio.
Tant’era, infatti, annoiato e furioso,
Huen- dì nemmèn s’accorse della nuova
donzella e del suo amico... compàr gaudio
e fedèl di convivi e d’altri vizi.
"Maestà!" sclamava We- hì... ma la fanciulla
sopravvenne e, prostràtasi in ginocchio
dinnanzi al Re, gli disse "Maestà, mio
Dio e Padre... Padre di tutto il Catài"
e ben teneva il guardo a’ terra chino
che il crudo non la riconobbe ancora.
"Maestà, vedete... non sono qui sìccome
queste gran Principesse... non son qui
per supplicarvi di prèndermi sposa...".
"Proseguite, fanciulla!" ordinò l’uomo
che a fianco stava del Sovrano
e che pubblicamente gesti e voce
per tradiziòn prestava.
"Maestà, benché fingiate di ignoràr
la mia presenza e i miei detti... ascoltàtemi,
vi prego!... Sono Hsi, una poveretta,
una fanciulla umìle... e voglio farvi
un dono", e detto questo prese il cesto,
si mise in spalle la falba scimmietta,
tenne chinato il volto,
e lo aprì "Deh! Maestà... qui vi regàlo
questi germogli argentei di Té che io
stessa con l’aiuto di questo animàl
dalle pietre dello Yùnnan ho raccolti...
poiché soltanto questo è ciò che posso
darvi a placàr l’ingorda sete d’oro".
Udendo questi detti, le Persiane
la squadràron con sdegno e la derìsero,
mentre l’Imperatore un guardo volse
al Tè che poi voltò da un’altra parte.
"Maestà!" diceva Hsi "Prendete il dono
che vi offro e se volete, concedètemi
una grazia... Mio padre è qui che geme
sempre, è in prigione. Vi prego, Maestà,
liberàtelo e fàteci tornare
al nostro riso... a’ le nostre capanne...
Vi prego! So che avete un cuore buono!",
e lagrimando stava,
e alzò i suoi occhi e guardò il Sovrano,
e Questi la mirò e la riconobbe:
s’alzò dal trono ma cadèr si fece
in giù, su’ gli scalini... e si coprì
il volto... e pianse... pianse, come un bimbo,
pianse sentèndosi ora chiamàr buono...
pianse sentèndosi il cuòr palpitare...
pianse pensando a’ i crìmini commessi,
alla memoria del nòbile padre...
pianse perché capì che intorno avèa
masnade di signoretti e madame
che dàvano il superfluo, che fingèvano
affetti e ardori... che l’or non è tutto.
We- hì era incrèdulo, incrèdule l’altre
fanciulle, le Persiane... era perplesso
il fido araldo al fianco...
E l’Imperatòr piangeva... piangeva,
e singhiozzava.
Fu così che Hsi si alzò e gli andò presso,
si sedette vicino e lo abbracciò.
Huen- dì scoperse il volto e la fissava,
dopodiché la abbracciò anche lui e tosto
ordinò di libràrle il padre amato.
Così cantava un dì il Dragòn cinese!

Cantava che il Sovrano volle Hsi
in sposa, e dopo mesi di giurato
Amore, la sposò; che il di lei padre
Cerimonièr di Corte ne divenne;
che Kang raggiunto fu, che gli ridiede
e moglie e figlie, e comando e bei feudi;
che Tài- zù potè studiàr finalmente;
che la pòvera gente dell’Impero
imparò a pagàr le tasse co’ foglie
e germogli di Té; e che nello Yùnnan,
tuttora, stuoli di scimmiette bianche
aiùtano gli èsseri umani a raccògliere
la divina bevanda degli Dei.
Così cantava un dì il Dragòn cinese!
L’Imperatore dai Germogli di Té
Poesia in esclusiva
Massimiliano Zaino 08/09/2018 16:02| 189

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Massimiliano ZainoPrecedente di Massimiliano Zaino

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Scrivi le tue sensazioni su questa poesia
Hai una sensazione, un messaggio, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori?
Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Amazon Prime

Massimiliano Zaino:
Massimiliano Zaino

Massimiliano Zaino
Le sue poesie Le sue 1198 poesie

La prima poesia pubblicata:
Prima poesia 
Il Cigno e l'Aquila (19/10/2009)

L'ultima poesia pubblicata:
Ultima poesia 
Le Risaie (09/04/2019)

La poesia più letta:
Poesia più letta 
Sogno gotico d'Amore foriero d'Ingiuria al Sognare (15/01/2010, 8165 letture)


Autore del giorno
Autore del giorno il giorno 20/03/2019
Autore del giorno il giorno 20/03/2019
Autore del giorno il giorno 20/03/2019
Autore del giorno il giorno 20/03/2019
Autore del giorno il giorno 20/03/2019

Cerca la poesia:




biografia Leggi la biografia di questo autore!
messaggio Invia un messaggio privato a Massimiliano Zaino.

Massimiliano Zaino pubblica anche nei siti:
Poesie scelte RimeScelte.com
Poesie d'amore ParoledelCuore.com
Poesie erotiche ErosPoesia.com
Poesie per le donne DonneModerne.com
Poesie per bambini AquiloneFelice.it
Portfolio personale PortfolioPoetico.com


Link breve Condividi:

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Delusione Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Illusione Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Memoria Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Tristezza Uomo Vento Vita





Lo staff del sito
Poesie su Internet
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore - Cookie policy
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito

Copyright © 2020 Scrivere.info Poesie Poesie erotiche Poesie d'amore Nuovi poeti Poesie scelte Poesie sulle donne AquiloneFelice.it