2’695 visitatori in 24 ore
 152 visitatori online adesso




Pubblicare poesie Pubblicare poesie
Pubblicare poesie

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Illusione Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Memoria Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Terra Tristezza Uomo Vento Vita


Visitatori in 24 ore: 2’695

152 persone sono online
Lettori online: 152
Ieri pubblicate 23 poesie e scritti 35 commenti.
Poesie pubblicate: 350’391
Autori attivi: 7’482

Gli ultimi 5 iscritti: Claudio Spinosa quore - Vincenzo Patierno poeta - Donata del fiore - Luca Abramo - Tiziana Pace
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereAntonio Terracciano Messaggio privato

_



Seguici su:



Novembre 2020  
do lu ma me gi ve sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28

L'ebook del giorno

Tutte le fiabe

Le fiabe, scritte in una prosa svelta, semplificata al massimo, ricche di ritornelli, cadenze e cantilene rimangono (leggi...)
€ 0,99


Raccolte di poesie Raccolte di poesie
Quei primi passi nel mondo di Berta Biagini
Il fascino delle parole di Sara Acireale
Tecniche d’emergenza di rosanna gazzaniga
La magia universale di Francesco Rossi

SpiegaPoesie riproposte
Anche la speranza muore di Giuseppe Mauro Maschiella
L’estate che verrà di Michelangelo La Rocca
Attimo di fosfeni di Lia
Al lacrimar delle Perseidi di giuseppe gianpaolo casarini
Donne di Stefana Pieretti
Arriva il tramonto di Sara Acireale
" ma ormai" di vinfra47
"alla mia donna" di vinfra47
" utopia " di vinfra47
Heroica di Silvana Poccioni

I 10 autori più recenti:
Poeta Vincenzo Patierno poeta: 2 poesie
Poeta Livio Bottani: 6 poesie
Poeta Vito Franco: 11 poesie
Poeta Nihil VaniStomal: 2 poesie
Poeta Raimonda Topalli: 2 poesie
Poeta Giovanpaolo Sandalini: 1 poesie
Poeta antonio caterina: 1 poesie
Poeta Alef: 1 poesie
Poeta Alberto Bangher: 1 poesie
Poeta Roberto Bonasso: 1 poesie

Autori del giorno
Autore del giorno Lara
(30 Aprile 2019)
Autore del giorno Demetrio Amaddeo
(29 Aprile 2019)
Autore del giorno Danilo Tropeano
(28 Aprile 2019)
Autore del giorno Lara
(27 Aprile 2019)
Autore del giorno Francesco Rossi
(26 Aprile 2019)
Autore del giorno Mauro Santi
(20 Marzo 2019)

Autori del mese
Autore del mese Silvia De Angelis
(Giugno 2019)
Autore del mese Amara
(Maggio 2019)
Autore del mese Saverio Chiti
(Aprile 2019)
Autore del mese Franca Canfora
(Gennaio 2019)
Autore del mese Andrea Palermo
(Dicembre 2018)
Autore del mese Cinzia Gargiulo
(Novembre 2018)






Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale
Pubblicare poesie L'autore del mese:

Scandalo dell’io

Sociale
Si vorrebbe eliminare quel lemma dal vocabolario,
quel pronome scandaloso e quel simbolo sciagurato
designante il rigonfiamento egoico dell’individuo
smanioso di raffigurarsi come qualcuno e non nulla.

Il pomposo io sgorga da tutte le strozze ogni secondo
come da un tumore maligno pronto a squarciarsi,
una bolla nefasta che riempie le fauci dei mortali
deformandole in una smorfia o un digrignar di denti.

Io sono questo e quello, io sono un filosofo,
io sono un poeta, un artista, un pittore, un musicista;
io possiedo questo e quello, io sono insostituibile,
io sono bravo, bello e buono come un eletto del dio.

Io sono questo e quello, io sono un santo, un papa,
io sono un ministro, un senatore, un deputato,
io sono un grande imbonitore, un banchiere,
io sono un gran trombone, io sono, io sono, io sono.

La proliferazione dell’Io è orripilante e intollerabile,
e la sua reazione a catena può sbraitare raccapricciante:
Io sono una Donna, Io sono una Madre,
Io sono Cristiana (ergo sono una Santa)! Io Io Io, Ih- oh!

Ih- oh difendo a spada tratta la famiglia tradizionale,
ma la mia è tutt’altro che una sacra triade o trinità!
Ih- oh difendo la nascita naturale di tutti i bambini,
ma di quella di mia figlia nessuno osi accennarmene!

Si vorrebbe poter fare ingoiare quei ragli a chi li ringhia
e farli risprofondare nel gargarozzo da cui sono usciti
nella loro volgarità inemendabile e presuntuosa
come se dichiarassero l’inconsistenza del megafono.

Chi li vomita snocciola spesso una bella risata dal muso
ridacchiando come per un sogghigno irritante:
lo si scorge quello sghignazzo sulla sua faccia demoniaco,
foriero di fiato solforoso già se lo si sniffa da lontano.

La risata che conferma l’io nella sua tumescenza
ispira nel digrigno una nausea che non si riesce a placare
in chiunque (altro e altro io) sappia rilevarne il ribrezzo
condannandone l’indebita e vergognosa diffusione.

E questo perché l’io deborda al punto che nessuno
riesce efficacemente a farne a meno e debellarlo
dalle confabulazioni del cianciare e del vociare comune,
dell’uso deittico del linguaggio come un sacro mantra.

Il valore indessicale che lo qualifica è strapotente
e vanifica ogni tentativo di disattivarne l’aculeo
disinnescandolo e anestetizzandone il veleno
nella sua sostanza tossica, contaminante e appestante.

Nessuno può non dire Io: la necessità del suo uso, si sa,
la vince a man bassa su ogni esperimento di opporvisi,
come per quel paradosso del cretese famoso
sostenente tutti i cretesi siano indistintamente bugiardi.

Nel suo impiego moderato, d’altronde, è inevitabile
e tutti siamo costretti a servirci del suo ausilio
per qualsiasi discussione o pubblico confronto
sebbene ciò non significhi esista una sostanza- io.

Il mito dell’Io, di una essenza denotata dalla deissi,
una sorta di anima sovrasensibile e ultraterrena,
cui i megafoni sembrano riferirsi proferendo l’io,
è qualcosa attinente alla metafisica delle sostanze.

Tale mito è pressoché indistruttibile e solidissimo,
e al massimo possiamo decostruirne la realtà concreta
controllandone il più possibile le sfaccettature
al fine di ricostruirne l’origine in senso scientifico.

Lo stesso ridacchio dell’io derisore è oltraggioso enfiore
tendente a mostrare all’altro il compiacimento del ridente
con la scusa tale tumefazione faccia un qualche bene,
mentre non fa che provocare insopportabile repulsione.

Dai selfie e dalle foto si disvela quell’amara apocalittica,
che non viene meno tuttavia e anzi aumenta a dismisura
assordando nell’urlato impudente del megafono,
rilanciata dai pulpiti e dalle manifestazioni politiche.

L’io ipocrita che qui abbaia vuole infine metterci in riga
comandando ciò che uomini e donne devono fare e pensare,
come vanno contingentati i loro diritti e inteso il senso
della loro vita da tenere a dovere sotto controllo dall’alto.

Il sorriso scettico può talora riparare il ghigno giulivo,
anche se ancor meglio può farlo per contrasto il riso cupo,
giù lungo il grugno, contro l’amante infervorato dell’io
che lo reitera in ogni occasione e a ogni piè sospinto.

L’interlocutore di Watt s’arrischia a definirlo dianoetico,
il riso dei risi, il risus purus, che ride anche dell’infelicità
nel credersi detentori di un io tutt’altro che mostruoso,
ma che si ride e si piange addosso amandosi turpemente.

Se poi quell’io è propriamente ipertrofico e bulimico
e si gonfia a palla a dismisura stracontento di sé,
lo potrà sgonfiare in parte la risata ululante del disprezzo
che esso patisce assai nel suo voler essere adorato.

Ricacciamola indietro quell’impudente deiezione
che vuole ostentare il suo ceffo dappertutto
ammantandosi doppiamente di false verità e d’illusione,
di una fede in lui che è come una fede in un dio!

Tra l’io e il dio si hanno infatti reciprocità
ed essi si danno sostegno salvifico scambievolmente:
anche il dio si ipertrofizza con l’io che si dilata
ricercando una salvezza dall’istanza umana che l’ha creato.

Solo un io pletorico ha realmente bisogno del dio,
e coloro che non si curano del loro misero io
non hanno alcuna necessità del dio che li riconfermi
nel decisivo rilievo del sé nelle pieghe dell’universo.

Saranno in ogni caso svergognati anche gli scettici
che condannano i prolissi e allegri mestatori dell’io:
sono difatti essi stessi costretti a vivere nel paradosso,
nella contraddizione d’essere affranti utilizzatori dell’io.

Da questa trappola non può purtroppo salvarsi nessuno
e ciascuno è esposto forse suo malgrado a cadervi,
ma è bene non desistere dal denunciare la tagliola
nonostante non si possa scampare mai dall’imbroglio.
Nuovo autore Livio Bottani 27/10/2020 20:49| 155

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.



SuccessivaPrecedente
Successiva di Livio BottaniPrecedente di Livio Bottani

La bacheca della poesia:

smiley Ma si vive da Io, non da nessuno o da Tutti... (Antonio Terracciano)


Scrivi le tue sensazioni su questa poesia
Hai una sensazione, un messaggio, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori?
Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Amazon Prime

Livio Bottani:
Livio Bottani
Le sue poesie Le sue 6 poesie

La prima poesia pubblicata:
Prima poesia 
Il centauro (18/10/2020)

L'ultima poesia pubblicata:
Ultima poesia 
Assevera la memoria (07/11/2020)

La poesia più letta:
Poesia più letta 
Triste animal (20/10/2020, 196 letture)


Cerca la poesia:




messaggio Invia un messaggio privato a Livio Bottani.

Livio Bottani pubblica anche nei siti:
Giovani poeti PoesiaNuova.com
Poesie d'amore ParoledelCuore.com


Link breve Condividi:

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Illusione Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Memoria Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Terra Tristezza Uomo Vento Vita





Lo staff del sito
Poesie su Internet
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore - Cookie policy
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito

Copyright © 2020 Scrivere.info Poesie Poesie erotiche Poesie d'amore Nuovi poeti Poesie scelte Poesie sulle donne AquiloneFelice.it